Covid-19, che fare se...? 9 Marzo 2021 14:34

Come faccio a capire se le mie mascherine sono a norma?

In pochi passaggi è possibile verificare se una mascherina FFP2 è a norma oppure no

Come faccio a capire se le mie mascherine sono a norma?

In quest’anno di pandemia se ne sono dette e sentite tantissime sulle mascherine. Prima i dubbi sulla loro effettiva utilità a contrastare il Covid-19 e su quale modello funzionasse di più, poi l’obbligatorietà che ha spinto molte persone a non sceglierne una “funzionale” ma una esteticamente più gradevole (e poco o per nulla utile a proteggere dal virus). Infine, lotti su lotti di mascherine contraffatte o senza certificazione Ce.

Per quanto riguarda quest’ultimo problema, l’Unione europea ha messo a disposizione di tutti un sito web in cui è possibile scoprire, in pochi passi, se le mascherine FFP2 che portiamo sono a norma oppure no.

Per prima cosa è necessario digitare nella casella “Keyword On Notified body number” il numero stampato sulla mascherina. Si aprirà una nuova pagina. Qui è necessario cliccare sul nome del dispositivo e verificare che, nell’ultimo rigo, compaia la scritta “Personal protective equipment” nella voce “Legislations”. Fatto ciò, bisogna verificare (cliccando sul file Pdf o Html che si trovano sempre sulla stessa riga) che compaia la scritta “Equipment providing respiratory system protection” (si trova nella seconda pagina del file). Verificate queste informazioni, si può stare sicuri che quella determinata mascherina è un prodotto autorizzato e conforme alle normative vigenti.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Il neonatologo: «Siamo costretti a separare le mamme non vaccinate dai loro figli»
Ambrogio Di Paolo (Presidente SIN Lazio): «Con l’ordinanza della Regione Lazio si può entrare negli ospedali soltanto con il Green pass rafforzato. E molte mamme non sono vaccinate, per disinformazione»
Sileri risponde all’appello dei chirurghi: «Stiamo lavorando per recupero degli interventi chirurgici saltati»
«La riduzione degli interventi chirurgici in Italia è drammatica - spiega Francesco Basile, presidente della Società italiana di chirurgia -. Posti letto di chirurgia dimezzati, blocco dei ricoveri, infermieri e anestesisti trasferiti ai reparti Covid. Spesso non è possibile operare neanche i pazienti con tumore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre