Salute 12 aprile 2018

Terapie vicino casa: l’Emilia Romagna vince il XIII premio Andrea Alesini per l’umanizzazione delle cure

A vincere la medaglia d’oro il progetto “Oncologia territoriale” del dipartimento Oncologia-Ematologia dell’Ospedale Guglielmo da Saliceto. Aceti (Cittadinanzattiva): «Non se ne parla spesso, ma c’è tanta buona sanità nel nostro Paese»

di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

C’è chi ha portato le cure oncoematologiche vicino al domicilio dei malati. E chi ha lavorato per rendere l’ospedale un polo di promozione culturale sul territorio. Le buone pratiche della sanità sono state premiate oggi all’hotel Nazionale di Roma dove si è svolta la cerimonia di premiazione del XIII premio Andrea Alesini – Buone pratiche per l’umanizzazione delle cure.

LEGGI ANCHE: PRESA IN CARICO CRONICITÀ: I SISTEMI INNOVATIVI DI INIZIATIVA MEDICA LOMBARDA, LA PIÙ GRANDE COOPERATIVA DI MMG

Padrone di casa Tonino Aceti, Coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. «C’è tanta buona sanità nel nostro Paese – interviene Aceti – che va valorizzata e comunicata di più ai cittadini. Questo ci fa fare una riflessione: la scelta del nostro Paese compiuta 40 anni fa di avere un Servizio nazionale pubblico e universale è stata una scelta giusta che va riconfermata con forza  e difesa da chi in questi anni l’ha messa in discussione».

A premiare i vincitori, il Presidente di Agenas e Assessore alla Sanità del Veneto Luca Coletto insieme a Rossana Ugenti, Direttore generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del Ministero della Salute. «Agenas e il Servizio Sanitario nazionale hanno a cuore le buone pratiche in sanità – afferma Coletto -. Però è importante il ruolo di Cittadinanzattiva, portavoce dei cittadini, che può suggerire delle necessità che possono sfuggire alla Pubblica amministrazione. La buona pratica, l’umanizzazione delle cure, è una delle medicine fondamentali del nostro Ssn».

Il premio Alesini è stata occasione per parlare delle tante eccellenze che ci sono in Italia, quando invece spesso sono i casi di malasanità ad conquistare l’attenzione dei media. È il caso del vincitore, il Dipartimento di Oncoematologia dell’ospedale Guglielmo Saliceto di Piacenza che ha creato una rete territoriale che porta le cure vicino al domicilio del malato non solo con dei medici itineranti ma anche sfruttando la presenza di presidi ospedalieri periferici e coinvolgendo i professionisti del territorio.

A partecipare 19 Regioni, con progetti realizzati in prevalenza (43,2%) da strutture del territorio come distretti, dipartimenti prevenzione, strutture residenziali e semi-residenziali, e destinati a persone in situazione di fragilità: persone con patologie croniche o rare (24%), anziani (20%), persone con disabilità (13%), adolescenti (11%), donne (10%), persone con problemi di dipendenza (9%), bambini (8%), migranti (5%).

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Diabete, primo Rapporto Civico di Cittadinanzattiva. L’allarme di Tonino Aceti: «Italia ‘a pezzi’ su presa in carico del paziente»
«Il nostro Paese offre una risposta disomogenea all’assistenza al paziente diabetico. Bene piani nazionali, bene percorsi diagnostico-assistenziali, ma serve prima di tutto l’assistenza nelle case, sul territorio»: l’appello del Coordinatore Nazionale del Tribunale per i Diritti del Malato
Bologna, Medici specialisti: nuovo accordo tra Regione e sindacati
Valorizzare il ruolo e la partecipazione dei medici specialisti nelle strutture territoriali, a partire dalle Case della Salute, per migliorare la continuità dell’assistenza e la gestione dei tempi di attesa di visite ed esami. Con questo obiettivo, la Regione Emilia-Romagna e le Organizzazioni sindacali di specialisti ambulatoriali interni, veterinari e altre professionalità sanitarie (biologi, chimici, psicologi) […]
Perché c’è un caso vaccini in Emilia-Romagna? Blanzieri (Fp Cgil): «No a coercizione». Venturi (Regione): «Tutelare salute»
Prosegue il confronto tra la CGIL e la Regione: oggetto del contendere la delibera di Giunta che rende obbligatorie le coperture per medici e infermieri in reparti a rischio. L'Assessore alla Sanità: «Aperti al dialogo, presto convocazione in Regione». Il Sindacato: «Siamo favorevoli ai vaccini, ma no alla coercizione»
Piano Nazionale Cronicità, Aceti (Cittadinanzattiva): “Accelerare i tempi di attuazione ed informatizzare il SSN”
Le malattie croniche in Europa sono responsabili dell’86% di tutti i decessi e di una spesa di circa 700 miliardi di euro l’anno. In Italia sono quasi 24 milioni le persone che hanno una o più malattie croniche. Il nostro Paese ha messo nero su bianco come il Servizio Sanitario Nazionale intende occuparsi delle persone […]
Infermieri, i cittadini valutano positivamente il loro lavoro. I risultati dell’Osservatorio di Cittadinanzattiva e Fnopi
Gli infermieri forniscono ai cittadini informazioni chiare e comprensibili e li supportano nella gestione della patologia. Ma, agli occhi del paziente, appaiono spesso impegnati anche in eccessive attività burocratiche e di conseguenza molti vorrebbero più infermieri a disposizione per l’assistenza. La gran parte dei cittadini inoltre accoglierebbe con favore l’istituzione degli infermieri di famiglia ed […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...