Lavoro 6 aprile 2018

Presa in carico cronicità: i sistemi innovativi di Iniziativa Medica Lombarda, la più grande cooperativa di MMG

È la cooperativa di medici di famiglia più grande d’Italia. Riunisce 700 camici bianchi che hanno in carico oltre un milione di cittadini lombardi. Un terzo dei quali è affetto da patologie croniche. Si chiama Iniziativa Medica Lombarda (IML) e sabato 7 aprile inaugura la sua nuova sede centrale con un innovativo Centro Servizi per la presa […]

È la cooperativa di medici di famiglia più grande d’Italia. Riunisce 700 camici bianchi che hanno in carico oltre un milione di cittadini lombardi. Un terzo dei quali è affetto da patologie croniche. Si chiama Iniziativa Medica Lombarda (IML) e sabato 7 aprile inaugura la sua nuova sede centrale con un innovativo Centro Servizi per la presa in carico di pazienti affetti da patologia cronica.

La riforma regionale relativa alla gestione della cronicità è ormai entrata nel vivo. Anche il medico di medicina generale, organizzandosi in forme associative, può candidarsi come gestore dell’iter di cura. Ed è proprio questo il motivo che ha spinto la IML a dar vita al Centro Servizi: la struttura, attraverso i medici di famiglia associati, potrà prendere in carico i pazienti cronici, pianificherà il loro percorso terapeutico sul medio-lungo periodo e fungerà da raccordo e coordinamento con gli altri operatori sanitari coinvolti nel processo.

In che modo e attraverso quali servizi la cooperativa Iniziativa Medica Lombarda potrà supportare i cittadini lombardi con cronicità? Quali saranno i vantaggi per coloro che affideranno il proprio Piano Assistenziale Individuale al medico di famiglia associato in cooperativa? Sono solo alcune delle domande cui risponderanno gli illustri ospiti che saranno presenti all’inaugurazione della nuova sede.

La mattinata sarà aperta da Mario Sorini, Presidente della cooperativa, cui seguiranno, tra gli altri, gli interventi di Attilio Fontana (Presidente Regione Lombardia), Giulio Gallera (Assessore al Welfare, Regione Lombardia), Mara Azzi (Vicepresidente FIASO e Direttore Generale ATS Bergamo), Gianluigi Spata (Presidente Federazione Ordini dei Medici della Lombardia), Massimo Giupponi (Presidente Federsanità Anci Lombardia), Guido Marinoni (Presidente OMCeO Bergamo), Fiorenzo Corti (Vice Segretario Nazionale FIMMG), Anna Carla Pozzi (Vice Presidente IML) e Paola Pelliciari (Coordinatore regionale Tribunale per i diritti del malato – Cittadinanzattiva Lombardia). Consulta qui il programma dell’evento.

La cooperativa è nata nel 2011 su iniziativa di 24 medici di famiglia delle province di Bergamo e Milano. Progressivamente, negli anni seguenti, aumenta il numero degli associati e degli assistiti ed amplia il territorio di intervento. Attualmente è costituita da numerose sezioni locali presenti a Bergamo, Milano, Brescia, Monza, Sondrio, Mantova e Como.

I risultati dell’attività di Iniziativa Medica Lombarda sono stati riconosciuti da Regione Lombardia: i pazienti seguiti nella sperimentazione Creg hanno subìto meno ricoveri ospedalieri e meno accessi al Pronto Soccorso; l’analisi degli indicatori di salute, inoltre, ha dimostrato un miglioramento delle loro condizioni cliniche. IML ha sviluppato inoltre negli anni un’intensa attività di telecardiologia e telespirometria, dotando molti studi medici di diagnostica strumentale di telemedicina per offrire ai pazienti, soprattutto affetti da patologia cronica, servizi “di prossimità” diffusi sul territorio lombardo. Interessante, poi, l’esperienza di telemonitoraggio domiciliare, che ha coinvolto oltre 200 pazienti. La cooperativa ha inoltre partecipato al progetto “Buongiorno CReG“, che è stato premiato a Bruxelles, nel 2016, con Regione Lombardia come Reference Site europeo per la gestione della cronicità.

Articoli correlati
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Ponte Morandi, il racconto del medico: «Noi camici bianchi genovesi in prima linea. Ora la città ha voglia di ripartire»
Stefano Alice era in servizio quel fatidico 14 agosto: dal suo studio si vede il viadotto crollato. «Nelle prime ore libere che ho avuto – racconta - mi sono unito alle squadre dei soccorsi per organizzare l’assistenza agli sfollati». Al Congresso Fimmg omaggio alle vittime con un flash mob
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
MMG, Anelli (FNOMCeO): «Formazione 1+2? Accettiamo la sfida, non ci tiriamo indietro»
«La Federazione accetta la sfida del cambiamento e vuole dare la possibilità ai giovani medici di sfruttare al meglio il loro tempo. Nessun passo indietro sulla qualità o sugli obiettivi di formazione dei MMG» così Filippo Anelli
Concorso medicina generale, l’annuncio di Saitta (Conf. Regioni): «La prova si terrà il 17 dicembre»
L'assessore del Piemonte: «In questo modo permetteremo ai 13mila candidati già ammessi e ai nuovi che vorranno presentare domanda entro i termini di poter sostenere la prova»
“Cura di Coppia”: vademecum per rapporto medico-paziente. E contro aggressioni campagna “Prima di aggredire, pensa”
Difficoltà di accesso all’assistenza territoriale, alle prestazioni sanitarie ed alle informazioni. Tutti disservizi che minano il rapporto tra professionista sanitario e cittadino. Ma da oggi risanare questa relazione è possibile
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila