Salute 24 febbraio 2015

Omicidio colposo all’infermiere coordinatore che non segnala l’errore al medico 

La recente sentenza di Cassazione complica lo scenario della responsabilità professionale per tutto il personale sanitario. Ormai irrinunciabile la tutela legale completa

Immagine articolo

La Cassazione, con la sentenza n° 2192 del 16 gennaio, emessa dalla IV sezione penale, ha deciso: pollice verso per l’infermiere che aveva omesso di segnalare un’allergia riferita nell’anamnesi dal paziente, poi deceduto.

L’infermiere che non segnala al medico l’errore di prescrizione di un farmaco contenente un principio attivo che sa essere dannoso per il paziente risponde quindi penalmente per la morte del paziente stesso. La vicenda, infatti, può essere così sintetizzata: in un ospedale lombardo, durante l’anamnesi di un paziente – avvenuta alla presenza di un infermiere coordinatore – un medico rilevava l’allergia all’amoxicillina del paziente stesso. Successivamente, tuttavia, in sala operatoria il farmaco Amplital (contenente amoxicillina) viene comunque prescritto e somministrato da un’infermiera al paziente, che muore in pochi secondi. La condanna è di omicidio colposo, e getta un importante tassello nella giurisprudenza riferita alla responsabilità professionale e infermieristica, e sulla posizione di garanzia che grava su ogni professionista sanitario.

La sentenza di primo grado fu di assoluzione per entrambi gli infermieri, coordinatore e somministratore. Già in Appello, invece, fu assolta l’infermiera somministratrice – mera esecutrice materiale – e condannato il coordinatore, in virtù proprio della “specifica posizione di garanzia a tutela dell’incolumità del paziente” in capo a questi, nonché dei “precisi doveri sinergici di organizzazione, di gestione, di sovraintendimento e di segnalazione”. Da qui l’accusa di omicidio colposo, confermata poi dalla Suprema Corte, per “trascuratezza ed omissione di segnalazione, in violazione delle regole dell’arte infermieristica”. Sul tema è intervenuto anche Andrea Bottega, segretario nazionale Nursind, che, sottolineando la delicatezza del ruolo di coordinatore, ha rimarcato l’ambiguità dell’inquadramento contrattuale cui questa figura è spesso costretta: a tempo determinato, e quindi precaria e “ricattabile”.

Una sinergia professionale, quella tra personale medico e infermieristico, che intreccia sempre più le sorti delle due categorie: non solo tra le corsie degli ospedali, ma anche nelle aule dei Tribunali. Le sempre maggiori responsabilità facenti capo ai professionisti infermieri equiparano sempre più la loro esigenza di protezione legale a quella dei camici bianchi. E nel caos assicurativo che contraddistingue i tempi attuali, una tutela legale completa, che non lasci scoperta nemmeno una delle fitte maglie di cui è composta la responsabilità professionale, si dimostra sempre più uno scudo irrinunciabile.

Articoli correlati
Legge Gelli, parla il chirurgo: «Valutare caso per caso, a volte il rischio è necessario»
In attesa dei decreti attuativi, il punto di vista del professor Valentino Valentini, chirurgo Maxillo-Facciale: «Quello che viene definito ‘errore’, spesso è un tentativo di salvare la vita del paziente»
«Il 50% dei magistrati ancora non applica Legge Gelli sulla nomina dei consulenti»
Il Professor Macrì: «Molti magistrati stanno vanificando le innovazioni della Legge. Medici e cittadini hanno diritto ad avere un vaglio tecnico di qualità, negato dalle nomine di un solo un consulente»
Legge Gelli: prime applicazioni giurisprudenziali. Gaudio, Rettore Sapienza: «Finalmente medico torna a fare il medico»
«La Legge Gelli ha determinato anche un grosso risparmio per il sistema, la medicina difensiva ha dei costi notevoli ed è un bene che si esca da questo terreno paludoso» lo dichiara Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore dell’Università Sapienza di Roma
Calano denunce ma aumentano risarcimenti: ecco i primi effetti della Legge 24/2017. Gelli: «Decreti assicurazioni entro fine novembre»
Colpa grave: come funziona quando il professionista è autonomo ma opera in una struttura? «Non ci sono dubbi, la tutela deve essere garantita dall’assicurazione della struttura». Presentato da Consulcesi & Partners il manuale edito da Giuffrè
Legge Gelli: esperti a confronto sul rischio clinico e il contenzioso medico legale
Il 19 ottobre a Roma, il network di studi legali Consulcesi & Partners e “Sanità Sicura” presentano “La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione” il libro, a cura dell’Onorevole Federico Gelli edito da Giuffrè, che chiarisce i connotati della responsabilità medico-sanitaria dopo l'approvazione della Legge e in attesa degli ultimi decreti attuativi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Lavoro

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi