Salute 27 maggio 2017

Giornata Nazionale del Sollievo, Lorenzin: «Terapia del dolore è atto di grandissima civiltà»

«Dietro la terapia del dolore c’è un’azione di grandissima civiltà», in quanto «fa veramente la differenza per i malati, ma anche per le famiglie», lo ha affermato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Un’indagine rivela che il 63% degli italiani non conosce la legge sulle cure palliative

Immagine articolo

«Dietro la terapia del dolore c’è un’azione di grandissima civiltà», in quanto «fa veramente la differenza per i malati, ma anche per le famiglie». È quanto ha affermato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, durante la presentazione avvenuta a Roma della XVI Giornata Nazionale del Sollievo del 28 maggio. La giornata è stata istituita per sostenere chi è ormai arrivato alla fine della sua vita a causa di una malattia e ha bisogno di terapie e farmaci efficaci, ma anche di cura e comprensione umana.

La legge 38/2010, grazie alla quale cure e terapie antidolore sono diventate un diritto esigibile da garantire su tutto il territorio nazionale, secondo il Ministro rappresenta infatti «una legge di civiltà», di cui va sottolineato «il grande lavoro che è stato fatto da parte degli ospedali predisponendo un percorso non soltanto con i servizi, ma anche realizzando gli hospice e prevedendo un accompagnamento anche a casa con un impegno straordinario degli operatori. Un accompagnamento dolce e affettuoso del malato – ha concluso Lorenzin – fino al decesso da parte di chi lo circonda, ma anche con le terapie, è una cosa molto, molto importante».

Cure palliative, il 63% degli italiani non conosce la legge

L’Osservatorio di monitoraggio delle cure palliative, istituito dalla Fondazione e coordinato dall’ex ministro Livia Turco, ha sottolineato come, stando alle ultime rilevazioni effettuate, la legge che le regola è ancora oggi poco nota: il 63% dei cittadini intervistati non la conosce. C’è da dire comunque che l’analisi fornisce anche un dato invece molto positivo: le persone che sono state prese in carico dai centri di terapia del dolore e dagli hospice ne sottolineano le dote di qualità umana e professionale.

«Colpisce constatare – ha dichiarato l’ex ministro Turco – che troppe persone vivono nella solitudine dell’inguaribilità», per questo «la lotta al dolore deve essere una priorità nell’agenda politica di chi governa. Occorre impegnarsi – ha concluso – affinché nessuno resti solo di fronte alla malattia». «Non possiamo lasciare gli incurabili all’eutanasia – ha aggiunto il Dottor. William Raffaeli, Presidente della Fondazione Isal – vogliamo occuparci di loro e dargli una casa». Per il 2017 il premio Gerbera d’oro, attribuito alla struttura sanitaria che si è distinta nell’affrancamento dal dolore inutile, è stato assegnato alla Lombardia per il progetto dell’ospedale Niguarda.

Articoli correlati
Sanità, il ministro Lorenzin nomina componenti Osservatorio nazionale sicurezza in sanità
«Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in attuazione dell’art. 3 della legge n. 24 del 2017, recante “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, ha nominato i componenti dell’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza in Sanità –  fa sapere il ministero. Sono […]
In farmacia di notte? Il supplemento raddoppia, aumentano anche i galenici
7,50 euro anziché 3,87. Dal mese di novembre, è quasi doppio il supplemento che pagherà chi avrà bisogno di una farmacia di notte, secondo quanto stabilito dal decreto del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Sull’adeguamento e l’aggiornamento delle tariffe della fascia notturna e dei galenici, ferme dal ‘93,  interviene Federfarma sul suo sito: «Ѐ stato soltanto adeguato un […]
Medici in piazza: «La sanità chiude un giorno per non chiudere per sempre» così lo slogan della manifestazione dei camici bianchi
«Sono al fianco dei medici» lo ribadisce il Ministro della Salute nella giornata dello sciopero nazionale di 24 ore proclamato per protestare contro l’insufficienza del finanziamento previsto per il Fondo sanitario nazionale 2018
EMA ad Amsterdam: Maroni: «Con appoggio della Spagna avremmo vinto». Lorenzin: «Delusione grandissima»
«Con l’appoggio della Spagna avremmo vinto». Lo ha sottolineato il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando della partita per portare EMA, l’Agenzia europea del farmaco, a Milano. «A me hanno detto che la trattativa c’e’ stata ma alla fine il governo italiano ha detto di no e per ripicca, forse, la Spagna ha votato […]
Corte Costituzionale: «Legittimo obbligo vaccini»
La Corte Costituzionale “ha dichiarato non fondate tutte le questioni prospettate”. Così ha risposto la Consulta in merito al ricorso della Regione Veneto sul decreto legge n. 73 del 2017, convertito nella legge n. 119 del 2017, in materia di vaccinazioni obbligatorie per i minori fino a 16 anni di età. In una nota si […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...