Salute 7 gennaio 2015

Ebola: guarito il medico di Emergency, il mondo applaude l’Italia

Fabrizio Pulvirenti dimesso dallo “Spallanzani”, confermatosi un polo d’eccellenza. Il ministro Lorenzin: “La dimostrazione di quanto valga la nostra sanità”

Immagine articolo

Ancora poche settimane e l’Italia sarà di nuovo “Ebola Free”. Il medico di Emergency fino a pochi giorni fa affetto dal virus è ormai totalmente fuori pericolo.

Merito del lavoro di una équipe altamente specializzata che ha seguito i protocolli di gestione del caso clinico alla perfezione, ricevendo per questo il plauso di tutta la comunità medica internazionale.
Termina dunque nel migliore dei modi la vicenda di Fabrizio Pulvirenti, il cinquantenne medico catanese volontario di Emergency, che aveva contratto il virus in Sierra Leone e che dal 25 novembre era in cura all’Istituto Spallanzani di Roma. Cinque settimane di paura e apprensione, in cui le cattive notizie riguardanti la sua salute si accavallavano a quelle buone, senza mai, fortunatamente, prendere il sopravvento.

Ora Fabrizio Pulvirenti, dopo una degenza di 39 giorni e oltre 10 chili persi, è di nuovo in Sicilia ma promette di ritornare quanto prima in territorio africano, “anche per un periodo breve”, per “completare il lavoro lasciato a metà” a causa della malattia. Per la verità, una grossa mano ai pazienti affetti dal virus la darà comunque: il suo sangue verrà infatti utilizzato per produrre plasma da convalescenza che potrà aiutare i malati di ebola a guarire. Per ora, ad aspettarlo a casa c’è un’onorificenza per il “valore e coraggio” dimostrato, mentre all’organizzazione di Gino Strada va la medaglia d’oro per la sanità pubblica.

Il ministro Lorenzin è raggiante per il risultato raggiunto dall’eccellenza sanitaria italiana, e per cui ha ricevuto i complimenti anche dal presidente della Repubblica Napolitano e da Papa Francesco: “Sono tantissime le persone che vanno ringraziate – ha spiegato il ministro della Salute – a partire dai lavoratori dello Spallanzani e le loro famiglie. Un ringraziamento speciale va anche ai colleghi di Fabrizio che si trovano ancora in Sierra Leone e che stanno continuando ad affrontare una situazione infernale. C’è stata una collaborazione mondiale intorno a questo caso, tutti hanno collaborato in maniera silenziosa ma davvero in tempo reale”. Il ministro annuncia inoltre lo stanziamento di quattro milioni per completare la nuova ala di alto isolamento dello Spallanzani e contribuire a “mantenere questa nostra eccellenza e permettergli di operare nel miglior modo possibile”.

Articoli correlati
SIMIT su HIV, appello alle istituzioni: «Dobbiamo lottare contro il negazionismo. Ministero e ordini intervengano»
In merito al recente caso di cronaca dell’untore di Ancona e alle relative successive affermazioni, il professor Massimo Galli, Presidente SIMIT, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, interviene sull’argomento. LEGGI ANCHE: UNTORE HIV ANCONA, LO PSICHIATRA: «FORSE MECCANISMO DI NEGAZIONE DELLA MALATTIA, MA NON PSICHIATRIZZIAMO TUTTO È tempo di intervenire «La recente vicenda dell’autotrasportatore di Ancona HIV […]
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...