Salute 7 gennaio 2015

Ebola: guarito il medico di Emergency, il mondo applaude l’Italia

Fabrizio Pulvirenti dimesso dallo “Spallanzani”, confermatosi un polo d’eccellenza. Il ministro Lorenzin: “La dimostrazione di quanto valga la nostra sanità”

Immagine articolo

Ancora poche settimane e l’Italia sarà di nuovo “Ebola Free”. Il medico di Emergency fino a pochi giorni fa affetto dal virus è ormai totalmente fuori pericolo.

Merito del lavoro di una équipe altamente specializzata che ha seguito i protocolli di gestione del caso clinico alla perfezione, ricevendo per questo il plauso di tutta la comunità medica internazionale.
Termina dunque nel migliore dei modi la vicenda di Fabrizio Pulvirenti, il cinquantenne medico catanese volontario di Emergency, che aveva contratto il virus in Sierra Leone e che dal 25 novembre era in cura all’Istituto Spallanzani di Roma. Cinque settimane di paura e apprensione, in cui le cattive notizie riguardanti la sua salute si accavallavano a quelle buone, senza mai, fortunatamente, prendere il sopravvento.

Ora Fabrizio Pulvirenti, dopo una degenza di 39 giorni e oltre 10 chili persi, è di nuovo in Sicilia ma promette di ritornare quanto prima in territorio africano, “anche per un periodo breve”, per “completare il lavoro lasciato a metà” a causa della malattia. Per la verità, una grossa mano ai pazienti affetti dal virus la darà comunque: il suo sangue verrà infatti utilizzato per produrre plasma da convalescenza che potrà aiutare i malati di ebola a guarire. Per ora, ad aspettarlo a casa c’è un’onorificenza per il “valore e coraggio” dimostrato, mentre all’organizzazione di Gino Strada va la medaglia d’oro per la sanità pubblica.

Il ministro Lorenzin è raggiante per il risultato raggiunto dall’eccellenza sanitaria italiana, e per cui ha ricevuto i complimenti anche dal presidente della Repubblica Napolitano e da Papa Francesco: “Sono tantissime le persone che vanno ringraziate – ha spiegato il ministro della Salute – a partire dai lavoratori dello Spallanzani e le loro famiglie. Un ringraziamento speciale va anche ai colleghi di Fabrizio che si trovano ancora in Sierra Leone e che stanno continuando ad affrontare una situazione infernale. C’è stata una collaborazione mondiale intorno a questo caso, tutti hanno collaborato in maniera silenziosa ma davvero in tempo reale”. Il ministro annuncia inoltre lo stanziamento di quattro milioni per completare la nuova ala di alto isolamento dello Spallanzani e contribuire a “mantenere questa nostra eccellenza e permettergli di operare nel miglior modo possibile”.

Articoli correlati
Terni, ritorna dal Madagascar con febbre e cefalea: nessuna malattia infettiva
Sta bene il ternano con sintomi di febbre, diarrea e cefalea – presenti da quando era rientrato da un soggiorno in un’isola del Madagascar –  che l’avevano spinto a recarsi il 24 dicembre al pronto soccorso dell’Ospedale di Terni. Esclusa fin da subito l’ipotesi della peste (preoccupazione nata dal fatto che in alcune città del […]
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...