Lavoro 7 novembre 2017

Rinnovo contratto, Quici (CIMO): «Ci stiamo avvicinando allo stadio terminale del SSN»

«A queste condizioni noi non abbiamo intenzione di avvicinarci al tavolo contrattuale. Collaboreremo solo se il Governo cambia strategia e decide di investire nella sanità». L’intervista al Presidente CIMO Guido Quici

Immagine articolo

«Il governo deve dirci una volta per tutte se crede nella sanità oppure no». È laconico il commento di Guido Quici, Presidente della Cimo. A pochi giorni dall’emanazione dell’Atto di indirizzo per la dirigenza e mentre la discussione sulla legge di bilancio si incendia sempre più, la Cimo, per voce del suo Presidente, focalizza l’attenzione su due elementi ritenuti essenziali per poter continuare con la trattativa per il rinnovo del contratto della categoria. È questo infatti l’altro grande tema su cui i sindacati dovranno continuare a lavorare nei prossimi giorni: «Se il governo crede nella sanità allora deve investirvi, altrimenti non si capisce perché le strutture pubbliche sono ritenute un costo e le strutture private un fattore produttivo. Il secondo aspetto – precisa Quici – è che le professioni vanno valorizzate: se si continua a mortificare la professione medica, così come tutte le altre professioni, arriveremo all’esodo o verso la pensione o verso le strutture private. E questo probabilmente è lo stadio terminale verso il quale ci stiamo avvicinando».

«Nessuno ha il coraggio di dire, con chiarezza, che la sanità italiana è in fase di dismissione e che quella pubblica è in saldo» si legge in una nota della Cimo, sottolineando il concetto già espresso dal Presidente ai nostri microfoni. Quello dei fondi per la sanità è stato argomento oggetto di un serrato botta e risposta tra Massimo Garavaglia (Presidente del Comitato di settore Regioni – Sanità) e il Ministro della salute Beatrice Lorenzin, che si sono rimpallati la responsabilità della mancanza di soldi per il SSN. E per il rinnovo del contratto.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO A RISCHIO, SERVONO 1,3 MILIARDI. GARAVAGLIA: «SENZA RISORSE SI RINVIA ALL’ANNO PROSSIMO»

«Assistiamo, davvero con grande sconcerto, al rimpallo di responsabilità tra Governo e regioni su chi dovrà sotto finanziare il rinnovo del contratto di lavoro dei medici e sanitari del SSN», prosegue la nota, che evidenzia anche «la drastica cura dimagrante a danno delle strutture ospedaliere», «l’enunciazione di un piano delle cronicità non operativo perché non finanziato», «l’aumento esponenziale dell’out of pocket a danno dei cittadini» e la« progressiva riduzione dell’offerta sanitaria nei presidi ospedalieri e negli ambulatori». L’ultimo tratto di quello che Quici definisce «un disegno perverso» è «demotivare il personale sanitario per aprire definitivamente la strada alla sanità privata e a chi ha interessi correlati».

«Come CIMO non abbiamo alcuna intenzione di avvicinarci a un tavolo contrattuale a queste condizioni – chiarisce Quici -. E per raggiungere questo obiettivo cercheremo di convincere anche le altre organizzazioni sindacali. Alcune di queste forse la pensano diversamente, e ritengono che l’importante sia mettere una firma e chiudere una questione che poi creerà dei danni a tutti i colleghi. Poi, per carità, se il governo cambia strategia e decide di investire nella sanità saremo i primi a collaborare», prosegue il Presidente.

Intanto, sono poche e dirette le domande che il sindacato dei medici rivolge alle regioni e al governo: «Che fine hanno fatto i risparmi dei fondi aziendali? E il tesoretto delle Regioni sulla mancata sostituzione del personale? Come sono stati utilizzati?».

Articoli correlati
Contratto, Quici (CIMO): «A queste condizioni non firmiamo». E propone passaggio medici sotto ministero Salute
Tra i tanti temi affrontati dal presidente nel corso dell’intervista esclusiva a Sanità Informazione, la proposta di una scheda curriculare che registri il percorso dei medici: «Dagli ECM alla casistica, così imbrigliamo i dg a scegliere i migliori professionisti». Sul ricalcolo delle “pensioni d’oro” aggiunge: «È una truffa» 
Medici, Anaao pronta a 72 ore di sciopero: «Inarrestabile peggioramento condizioni di lavoro, contratto scomparso da agenda politica»
Duro documento della Direzione nazionale del sindacato: pronto stato di agitazione e manifestazione nazionale: «Il blocco priva medici e dirigenti sanitari dipendenti di un fondamentale strumento di cambiamento delle condizioni di lavoro, che restituisca dignità e sicurezza ai professionisti»
Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qualità di vita e delle condizioni di lavoro, firmano anzitempo la risoluzione del rapporto di lavoro». Tra le cause anche blocco del turnover e giovani disincentivati
Carenza medici, le proposte dei sindacati: tutti d’accordo su aumento borse ma distanze su apertura concorsi a specializzandi
L'Anaao Assomed propone teaching hospital e richiede nuova programmazione del fabbisogno. Fp Cgil medici, Cisl medici e Uil Fpl medici: «Necessario drastico cambio di rotta». CIMO: «Rivedere il sistema attraverso una programmazione seria del fabbisogno del personale e dei meccanismi di accesso alla professione medica»
Reggio Calabria, fratture fasciate con cartone. Ministro Grillo: «Ingiustificabili carenze organizzative»
La reazione dell’Anaao Assomed: «Come in un ospedale da campo in tempo di guerra. È il simbolo dell’Italia in cui il risparmio è elevato a sistema e l'arte di arrangiarsi a pratica terapeutica». CIMO: «Cattiva organizzazione e tagli sono i veri responsabili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...