Lavoro 27 ottobre 2017

Contratto a rischio, servono 1,3 miliardi. Garavaglia: «Senza risorse si rinvia all’anno prossimo». La rabbia dei sindacati

Anaao: «Senza soldi non si firmano contratti»; Cimo: «Ecco che inizia il ping pong tra le Istituzioni»; FVM: «È dialogo tra sordi, che non sentono malcontento dei lavoratori»

Immagine articolo

Il contratto è pronto, ma senza le risorse necessarie rischia di slittare di un anno. È quanto dichiarato da Massimo Garavaglia, Presidente del Comitato di settore Regioni – Sanità al termine della riunione del comitato di settore, spiegando che per il rinnovo dei contratti della dirigenza sanitaria, del comparto e la convenzione servirebbero 1,3 miliardi di euro da stanziare nella Legge di Bilancio. E lancia la palla al Parlamento. «Noi siamo pronti – ha dichiarato Garavaglia -. Dal punto di vista formale è tutto a posto, ma se Governo e Parlamento non fanno una postazione di risorse nel Fondo sanitario nazionale purtroppo si rinvierà tutto all’anno venturo».

Poste dinanzi al rischio di uno slittamento, dopo 8 anni di attesa, del rinnovo del contratto, le sigle sindacali non hanno fatto attendere la loro reazione. A cominciare dall’Anaao (Associazione Medici e Dirigenti del SSN), che ha definito «bellicose» le dichiarazioni di Garavaglia e per la quale «senza soldi non si cantano messe. E nemmeno si firmano contratti di lavoro».

«Colpisce il silenzio della politica – prosegue la nota del sindacato – ancora una volta distratta sulle sorti del patrimonio civile e professionale che le è stato affidato. Il gioco del cerino tra istituzioni va avanti, tra minacce di rinvii della tornata contrattuale all’anno venturo, fidando evidentemente in un colpo di fortuna. La rabbia crescente di chi lavora nella sanità pubblica, destinatario di un malus costituito da impoverimento delle retribuzioni e peggioramento delle condizioni di lavoro a fronte di bonus elargiti a piene mani dalla legge di bilancio 2018, rappresenta una variabile non marginale in una competizione elettorale già iniziata», minaccia l’Anaao.

LEGGI ANCHE: RINNOVO ACN, FIMMG: «SENZA RISORSE SIAMO AL DE PROFUNDIS DEL SSN»

Anche la Cimo, per voce del Presidente Nazionale Guido Quici, esprime sconcerto per le affermazioni di Garavaglia: «Ecco che inizia la solita partita a ping pong tra le Istituzioni. La partita su chi concretamente finanzierà il contratto. È vero, le Regioni a statuto ordinario hanno avuto un danno di 604 milioni, il Governo non ha nessuna intenzione di adeguare concretamente il fondo sanitario nazionale a beneficio di una vera riqualificazione e rilancio della sanità pubblica, ma è pur vero – prosegue la nota – che i risparmi regionali, derivanti dall’esodo dei sanitari e dei medici della dipendenza e della convenzionata, sono rimasti nei “forzieri” delle stesse regioni.  E questi soldi si sarebbero dovuti trasformare in risparmi strutturali, ma concedeteci il ragionevole dubbio che non ci siano stati sufficienti accantonamenti per i rinnovi contrattuali o per le assunzioni di personale sanitario. E infatti questo spiegherebbe l’aumento del precariato e l’implementazione dei modelli organizzativi low cost. Da una prima stima elaborata attraverso i dati provenienti dal Conto Annuale 2010-2015 – continua Cimo -, si evidenzia, per i soli medici della dipendenza, una riduzione di 6.980 unità, con un risparmio del costo del lavoro per i dipendenti del Ssn, quantificabile in 2,4 miliardi di euro. Ovviamente occorre aggiungere il 2016, i risparmi derivanti dalla riduzione dei fondi per la dirigenza sanitaria non medica, della medicina convenzionata e di tutta l’area del comparto».

«Se Regioni e Governo non si mettono d’accordo fra loro è estremamente difficile che si riesca a chiudere un contratto nazionale con l’accordo del sindacato», è il commento della Federazione Veterinari e Medici FVM. «Sembra un dialogo tra sordi, che non sentono il malcontento che serpeggia tra i lavoratori», prosegue in una nota. «Noi stiamo aspettando da 8 anni, se le condizioni per aprire la contrattazione non saranno soddisfacenti, diciamo già ai candidati che hanno fretta di chiudere il Ccnl prima delle elezioni che non abbiamo problemi ad aspettare qualche mese in più, aprendo una vertenza proporzionata alle frustrazioni subite dai lavoratori», conclude.

Articoli correlati
Liste d’attesa, Bologna (M5S): «Ora Dg saranno valutati anche per questo. Sanità più trasparente e funzionale ci aiuterà a prevenire anche le aggressioni»
In legge di Bilancio previsti 350 milioni di euro per contrastare le lunghe attese. La neurologa Cinque Stelle annuncia: «Con Dl Fiscale altri fondi per la digitalizzazione»
Liste d’attesa, Piano del Governo trasmesso alle Regioni. Grillo: «Fondi triplicati in manovra. Mai stanziate in passato risorse su questo»
Il provvedimento prevede la digitalizzazione delle agende di prenotazione e l’uso delle classi di priorità per visite e ricoveri. «È un primo passo concreto verso un cambiamento reale. La sanità del Paese deve ritornare in cima alle priorità dell’agenda politica», sottolinea la titolare della Salute
Legge di Bilancio, il duro giudizio dell’intersindacale medica: «Se promesse tradite, nuovi scioperi»
Dall’«emendamento beffa» sull’inclusione dell’indennità di esclusività nella massa salariale e la «precarizzazione di ritorno» causata dai contratti di lavoro autonomo, fino alla «criminalizzazione e militarizzazione dell’intramoenia», i sindacati di medici e dirigenti sanitari avvertono: «Il rimedio rischia di essere peggiore del male»
Legge di Bilancio, le novità in sanità: più soldi per le liste d’attesa, rinvio del Patto per la salute e norme per assunzioni individuali
La manovra approda alla Camera e sono tanti gli emendamenti arrivati in Commissione Bilancio. Tra le proposte di modifica anche il cambio della contrattazione farmaceutica e più fondi per Cnr e l’Ebri fondato dalla Montalcini. Cittadini (Aiop) contro norma che limita pubblicità sanitaria
Contratto medici, il nodo è la Ria. Palermo (Anaao): «Bene impegno Ministro, ora risposte. Problemi sono tecnici, c’è qualcuno che fa finta di non capire»
Il segretario si dice «pessimista» sul rinnovo. Poi chiede di utilizzare la Retribuzione individuale di anzianità: «Si tratta di prendere questa quota economica che attualmente è nelle casse aziendali dispersa in molle rivoli e di finalizzarla su servizi che siano utili ai cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...