Lavoro 27 Ottobre 2017 16:54

Contratto a rischio, servono 1,3 miliardi. Garavaglia: «Senza risorse si rinvia all’anno prossimo». La rabbia dei sindacati

Anaao: «Senza soldi non si firmano contratti»; Cimo: «Ecco che inizia il ping pong tra le Istituzioni»; FVM: «È dialogo tra sordi, che non sentono malcontento dei lavoratori»

Contratto a rischio, servono 1,3 miliardi. Garavaglia: «Senza risorse si rinvia all’anno prossimo». La rabbia dei sindacati

Il contratto è pronto, ma senza le risorse necessarie rischia di slittare di un anno. È quanto dichiarato da Massimo Garavaglia, Presidente del Comitato di settore Regioni – Sanità al termine della riunione del comitato di settore, spiegando che per il rinnovo dei contratti della dirigenza sanitaria, del comparto e la convenzione servirebbero 1,3 miliardi di euro da stanziare nella Legge di Bilancio. E lancia la palla al Parlamento. «Noi siamo pronti – ha dichiarato Garavaglia -. Dal punto di vista formale è tutto a posto, ma se Governo e Parlamento non fanno una postazione di risorse nel Fondo sanitario nazionale purtroppo si rinvierà tutto all’anno venturo».

Poste dinanzi al rischio di uno slittamento, dopo 8 anni di attesa, del rinnovo del contratto, le sigle sindacali non hanno fatto attendere la loro reazione. A cominciare dall’Anaao (Associazione Medici e Dirigenti del SSN), che ha definito «bellicose» le dichiarazioni di Garavaglia e per la quale «senza soldi non si cantano messe. E nemmeno si firmano contratti di lavoro».

«Colpisce il silenzio della politica – prosegue la nota del sindacato – ancora una volta distratta sulle sorti del patrimonio civile e professionale che le è stato affidato. Il gioco del cerino tra istituzioni va avanti, tra minacce di rinvii della tornata contrattuale all’anno venturo, fidando evidentemente in un colpo di fortuna. La rabbia crescente di chi lavora nella sanità pubblica, destinatario di un malus costituito da impoverimento delle retribuzioni e peggioramento delle condizioni di lavoro a fronte di bonus elargiti a piene mani dalla legge di bilancio 2018, rappresenta una variabile non marginale in una competizione elettorale già iniziata», minaccia l’Anaao.

LEGGI ANCHE: RINNOVO ACN, FIMMG: «SENZA RISORSE SIAMO AL DE PROFUNDIS DEL SSN»

Anche la Cimo, per voce del Presidente Nazionale Guido Quici, esprime sconcerto per le affermazioni di Garavaglia: «Ecco che inizia la solita partita a ping pong tra le Istituzioni. La partita su chi concretamente finanzierà il contratto. È vero, le Regioni a statuto ordinario hanno avuto un danno di 604 milioni, il Governo non ha nessuna intenzione di adeguare concretamente il fondo sanitario nazionale a beneficio di una vera riqualificazione e rilancio della sanità pubblica, ma è pur vero – prosegue la nota – che i risparmi regionali, derivanti dall’esodo dei sanitari e dei medici della dipendenza e della convenzionata, sono rimasti nei “forzieri” delle stesse regioni.  E questi soldi si sarebbero dovuti trasformare in risparmi strutturali, ma concedeteci il ragionevole dubbio che non ci siano stati sufficienti accantonamenti per i rinnovi contrattuali o per le assunzioni di personale sanitario. E infatti questo spiegherebbe l’aumento del precariato e l’implementazione dei modelli organizzativi low cost. Da una prima stima elaborata attraverso i dati provenienti dal Conto Annuale 2010-2015 – continua Cimo -, si evidenzia, per i soli medici della dipendenza, una riduzione di 6.980 unità, con un risparmio del costo del lavoro per i dipendenti del Ssn, quantificabile in 2,4 miliardi di euro. Ovviamente occorre aggiungere il 2016, i risparmi derivanti dalla riduzione dei fondi per la dirigenza sanitaria non medica, della medicina convenzionata e di tutta l’area del comparto».

«Se Regioni e Governo non si mettono d’accordo fra loro è estremamente difficile che si riesca a chiudere un contratto nazionale con l’accordo del sindacato», è il commento della Federazione Veterinari e Medici FVM. «Sembra un dialogo tra sordi, che non sentono il malcontento che serpeggia tra i lavoratori», prosegue in una nota. «Noi stiamo aspettando da 8 anni, se le condizioni per aprire la contrattazione non saranno soddisfacenti, diciamo già ai candidati che hanno fretta di chiudere il Ccnl prima delle elezioni che non abbiamo problemi ad aspettare qualche mese in più, aprendo una vertenza proporzionata alle frustrazioni subite dai lavoratori», conclude.

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Donne in sanità, sondaggio Fials fotografa condizione femminile nelle Aziende sanitarie
“Quale parità di genere sui luoghi di lavoro in sanità” il sondaggio di Fials
Scudo penale per i sanitari: evitare frettolosi palliativi formulati nel nuovo decreto legge
Di FVM (Federazione Veterinari Medici e Dirigenti sanitari)
di Di FVM
Valerii (Censis): «Servono 58mila medici e 72mila infermieri per rafforzare la sanità del futuro»
I cantieri per la sanità del futuro: presentato il progetto Censis in collaborazione con Janssen Italia
Costa: «Recovery opportunità per garantire concretamente diritto alla salute»
«Solo quest'anno 400mila persone non hanno potuto accedere alle cure farmacologiche – ha precisato il sottosegretario alla Salute -. Garantire il diritto alla salute significa renderla accessibile a tutti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...