Non Categorizzato 2 Marzo 2021 20:16

Covid, Regimenti (Lega): «Contro varianti più assistenza domiciliare per cure immediate»

«È urgente riorganizzare il servizio di assistenza domiciliare, dando la possibilità ai malati di essere curati nella propria abitazione, con un intervento tempestivo, sia a livello diagnostico che terapeutico» spiega l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti

«Le varianti del virus Sars-CoV-2 aumentano e si propagano a gran velocità. In attesa dei protocolli nazionali ed europei necessari per una presa in cura razionale dei pazienti, è urgente riorganizzare il servizio di assistenza domiciliare, dando la possibilità ai malati di essere curati nella propria abitazione, con un intervento tempestivo, sia a livello diagnostico che terapeutico». Così l’eurodeputata della Lega e componente commissione Sanità pubblica Luisa Regimenti, che già a dicembre 2020 aveva presentato un’interrogazione alla Commissione europea chiedendo azioni per limitare il rischio di diffusione delle varianti negli Stati membri.

«Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità – continua Regimenti – in Italia il 54% delle infezioni Covid-19 è dovuto alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. Ad aggravare la situazione anche il fatto che, come affermato dalla Commissione europea, ancora non sappiamo quale sia la resistenza dei vaccini oggi approvati nell’Unione a queste varianti».

Secondo Regimenti, che è medico legale e responsabile dipartimento Sanità per la Lega nel Lazio, «occorre fare presto, perché, come denuncia il sindacato dei medici anestesisti e rianimatori Aaroi-Emac, le rianimazioni degli ospedali italiani sono in affanno. Per azzerare i rischi di contagio nei nosocomi serve un’assistenza domiciliare efficace e organica. Alcune Regioni, come il Piemonte, hanno già adottato novità in tema di medicina territoriale. Nel Lazio, invece, i pazienti, anche con decorso lieve, hanno affollato gli ospedali aumentando le probabilità di contagio e affaticando le strutture».

«I medici di famiglia o i professionisti dovrebbero pertanto avere un ruolo fondamentale nelle visite dei pazienti – sottolinea– e poter somministrare altri medicinali oltre al paracetamolo, come antinfiammatori, eparina, antibiotico, cortisone o idrossiclorochina, che in fasi precoci di infezione ha effetti positivi sulla inibizione della replicazione virale. Un servizio svolto a favore della nazione, questo dei medici, che dovrebbe essere retribuito sotto forma di indennizzo», conclude.

Articoli correlati
Covid, Regimenti (FI): «Non più obbligo vaccini, ma forte raccomandazione»
Secondo l'europarlamentare azzurra «i vaccini hanno avuto, hanno e avranno un ruolo fondamentale nella guerra al Covid, ma ora è il momento per far cadere ogni obbligo»
Covid, Regimenti (FI): «Nasce il Cts europeo per contribuire al rinnovo della sanità e prepararla a nuove crisi»
«Il Comitato tecnico scientifico europeo, composto da oltre 300 specialisti ed esperti del settore, darà risposte alle singole problematiche e renderanno le istituzioni in grado di realizzare l’Unione europea della salute» spiega l'eurodeputata azzurra
Regimenti (eurodeputata): «Comitato scientifico tutto italiano a consulenza della Commissione Covid UE»
Un confronto con l'onorevole Luisa Regimenti, medico legale ed eurodeputata, sull'impronta della scienza italiana in Europa e su quanto ci aspetta in autunno con professionisti formati per quello che verrà
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Covid, Regimenti (FI): «La pandemia è un’opportunità per l’ammodernamento della sanità»
Secondo l'eurodeputata azzurra, che ha parlato alla convention di Forza Italia a Napoli,, «con i fondi erogati dall’Ue è stato anche dato un grande impulso alla ricerca scientifica, raggiungendo nuove frontiere nella cura ai tumori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...