Dalla Redazione 2 Marzo 2021 20:16

Covid, Regimenti (Lega): «Contro varianti più assistenza domiciliare per cure immediate»

«È urgente riorganizzare il servizio di assistenza domiciliare, dando la possibilità ai malati di essere curati nella propria abitazione, con un intervento tempestivo, sia a livello diagnostico che terapeutico» spiega l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti

«Le varianti del virus Sars-CoV-2 aumentano e si propagano a gran velocità. In attesa dei protocolli nazionali ed europei necessari per una presa in cura razionale dei pazienti, è urgente riorganizzare il servizio di assistenza domiciliare, dando la possibilità ai malati di essere curati nella propria abitazione, con un intervento tempestivo, sia a livello diagnostico che terapeutico». Così l’eurodeputata della Lega e componente commissione Sanità pubblica Luisa Regimenti, che già a dicembre 2020 aveva presentato un’interrogazione alla Commissione europea chiedendo azioni per limitare il rischio di diffusione delle varianti negli Stati membri.

«Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità – continua Regimenti – in Italia il 54% delle infezioni Covid-19 è dovuto alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. Ad aggravare la situazione anche il fatto che, come affermato dalla Commissione europea, ancora non sappiamo quale sia la resistenza dei vaccini oggi approvati nell’Unione a queste varianti».

Secondo Regimenti, che è medico legale e responsabile dipartimento Sanità per la Lega nel Lazio, «occorre fare presto, perché, come denuncia il sindacato dei medici anestesisti e rianimatori Aaroi-Emac, le rianimazioni degli ospedali italiani sono in affanno. Per azzerare i rischi di contagio nei nosocomi serve un’assistenza domiciliare efficace e organica. Alcune Regioni, come il Piemonte, hanno già adottato novità in tema di medicina territoriale. Nel Lazio, invece, i pazienti, anche con decorso lieve, hanno affollato gli ospedali aumentando le probabilità di contagio e affaticando le strutture».

«I medici di famiglia o i professionisti dovrebbero pertanto avere un ruolo fondamentale nelle visite dei pazienti – sottolinea– e poter somministrare altri medicinali oltre al paracetamolo, come antinfiammatori, eparina, antibiotico, cortisone o idrossiclorochina, che in fasi precoci di infezione ha effetti positivi sulla inibizione della replicazione virale. Un servizio svolto a favore della nazione, questo dei medici, che dovrebbe essere retribuito sotto forma di indennizzo», conclude.

Articoli correlati
Oftalmologia, Regimenti (Forza Italia): «Sostenere eccellenze nella ricerca sulle patologie oculari»
La responsabile nazionale per l'Europa del Dipartimento Sanità di Forza Italia ha visitato la Fondazione Bietti IRCCS a Roma. «Sostenere Centri di eccellenza come questo significa anche venire incontro alle esigenze dei pazienti abbattendo le liste di attesa»
Sclerosi Multipla, Regimenti (Forza Italia): «Sostenere ricerca e tecnologia per favorire diagnosi precoce»
Per la Responsabile Sanità per l'Europa degli azzurri è importane che «Bruxelles si faccia anche promotrice di politiche per garantire l’uguale accesso alle terapie e ai servizi per le persone con Sclerosi Multipla in tutti i Paesi Europei»
Malattie Rare, Regimenti (Forza Italia): «Da Ue strategia per garantire farmaci orfani a prezzi accessibili»
L'europarlamentare azzurra spiega: «Compito delle istituzioni è quello di non far sentire mai sole le famiglie ma metterle nelle migliori condizioni per affrontare la difficile sfida della malattia»
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Salute, Regimenti (FI-PPE): «La sanità del futuro si progetta e nasce al Parlamento europeo»
«Occorre una politica della salute europea che superi i confini nazionali» ribadisce l'europarlamentare azzurra nel corso di un convegno a Strasburgo nel corso del quale hanno partecipato anche la presidente del Parlamento Ue, Roberta Metsola, il vicepresidente del Ppe, Antonio Tajani e il presidente nazionale dell’ordine dei medici e chirurghi, Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...