TecHealth 7 Febbraio 2019

Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni

Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]

Immagine articolo

Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può insegnare agli specializzandi come muoversi in sala operatoria e può tradurre automaticamente la lingua dei segni, dando la possibilità ai sordo-muti di comunicare anche con chi non conosce la LIS.

LEGGI ANCHE: I MEDICI DEL SAN RAFFAELE LAVORANO IN «BOLLE DI FUTURO». L’INTERVISTA AL DIRETTORE DEL CENTRO TECNOLOGIA AVANZATA

Un prototipo versatile con immense potenzialità in campo medico. Un settore, come ci ha raccontato il professor Saggio, nel quale è già stato sperimentato per ottenere diversi obiettivi: «La prima applicazione è stata su pazienti che si erano sottoposti a chirurgia e microchirurgia della mano. Ad oggi – ci ha spiegato – la ripresa della funzionalità post-operatoria della mano, e quindi la capacità di aprirla e chiuderla completamente, viene stabilita da un infermiere specializzato utilizzando un goniometro. Si tratta di un’operazione fatta in un unico istante della giornata presso la struttura ospedaliera, soggetta a possibili errori anche abbastanza grossolani. Il guanto sensorizzato, invece – prosegue il professor Saggio – consente di misurare la capacità delle singole articolazioni nell’intero arco della giornata. Indossando il guanto, che viene collegato con lo smartphone del medico, il paziente può quindi rimanere comodamente a casa e inviare in tempo reale i dati al professionista che, grazie alle informazioni globali, oggettive e precise ricevute, potrà stabilire una terapia personalizzata in base alle esigenze del paziente».

Similmente, il guanto sensorizzato è stato utilizzato anche per valutare il tremore dei pazienti affetti da morbo di Parkinson, che generalmente viene stabilita dal medico ‘ad occhio’, in base alla sua esperienza: «Tuttavia – spiega Saggio – l’occhio umano non è in grado di vedere tutti i movimenti delle articolazioni, che possono invece essere misurati dal guanto. Con le informazioni aggiuntive che lo strumento offre, è possibile migliorare l’accuratezza della diagnosi e quindi la terapia».

Ma il guanto sensorizzato può essere utilizzato anche nel campo della formazione chirurgica. «Con il policlinico Tor Vergata – prosegue il professore – abbiamo fatto indossare il guanto a nove chirurghi di altissima specializzazione che simulavano un’operazione, misurandone le gestualità, che sono risultate tutte molto simili. Abbiamo poi misurato i movimenti degli specializzandi in chirurgia, registrando enormi differenze tra la loro destrezza manuale e quella degli esperti. Il guanto, allora, potrebbe aiutarli ad imparare i movimenti fatti al tavolo operatorio dai chirurghi specializzati, replicando e ottimizzando le loro gestualità sul virtuale prima di operare i pazienti».

Infine, il guanto è anche in grado di governare il movimento delle mani di robot antropomorfi, cosa che nessuno degli strumenti attuali riesce a fare: «Consentirebbe quindi di intervenire a distanza, rimanendo in condizioni di sicurezza. Pensiamo ai soccorsi dopo terremoti o incendi, oppure all’operato degli artificieri. Se, ad esempio, fosse stato utilizzato a Fukushima, dove degli uomini si sono sacrificati per chiudere delle valvole – conclude il professor Saggio -, magari si sarebbero potuti salvare».

LEGGI ANCHE: TECNOLOGIA, IN ITALIA TELEMEDICINA NON SPICCA IL VOLO. FERRARIS (ITALTEL): «PROBLEMI DI GOVERNANCE, SERVE PIÙ SENSIBILITÀ»

Articoli correlati
Tecnologia, la Soi adotta le votazioni telematiche via internet
Trasparenza, sicurezza, affidabilità. Saranno queste le caratteristiche delle elezioni suppletive per il rinnovo  del Consiglio Direttivo della SOI, Società Oftalmologia italiana. Si tratta di una elezione innovativa perché per la prima volta in Italia il rinnovo dei Consiglieri di una società medico scientifica si svolgerà attraverso una piattaforma digitale, mentre un notaio certificherà il corretto […]
Fine vita, Gaudio (Sapienza): «Serve formazione adeguata, tema non può essere lasciato ai mass media»
Il Rettore del primo ateneo romano si mostra cauto sulla possibilità di un intervento normativo: «Le norme da un lato possono dare maggiori certezze, dall’altro rischiano di irrigidire dei processi che non sono mai uguali l’uno con l’altro»
Fine vita, docenti concordi: «Serve formazione ad hoc o medici resteranno indietro»
Per Macrì (Consulta deontologia FNOMCeO) il medico «deve essere aperto a recepire istanze di tutela della dignità, di riservatezza e soprattutto della libertà di autodeterminazione dei trattamenti sanitari». Familiari (Sant’Andrea): «Profilo formativo biomedico-psicosociale fondamentale. Nel Codice deontologico c’è tutto»
Protesi alla spalla, 5mila interventi l’anno grazie alla rivoluzione 3D
A Roma il meeting biennale dei principali esperti italiani e internazionali patrocinato dalla Società Italiana Ortopedia e Traumatologia. «Intendiamo favorire il costante confronto e imprimere un’ulteriore accelerazione agli importanti progressi raggiunti negli ultimi anni» spiega il presidente Francesco Falez
Chirurgia 4.0, al S. Orsola di Bologna la realtà aumentata è entrata in sala operatoria
Per la prima volta al mondo il chirurgo ha indossato un visore di nuova generazione che lo ha guidato e supportato durante un intervento di chirurgia maxillo-facciale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...