TecHealth 7 Febbraio 2019 13:17

Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni

Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]

Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni

Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può insegnare agli specializzandi come muoversi in sala operatoria e può tradurre automaticamente la lingua dei segni, dando la possibilità ai sordo-muti di comunicare anche con chi non conosce la LIS.

LEGGI ANCHE: I MEDICI DEL SAN RAFFAELE LAVORANO IN «BOLLE DI FUTURO». L’INTERVISTA AL DIRETTORE DEL CENTRO TECNOLOGIA AVANZATA

Un prototipo versatile con immense potenzialità in campo medico. Un settore, come ci ha raccontato il professor Saggio, nel quale è già stato sperimentato per ottenere diversi obiettivi: «La prima applicazione è stata su pazienti che si erano sottoposti a chirurgia e microchirurgia della mano. Ad oggi – ci ha spiegato – la ripresa della funzionalità post-operatoria della mano, e quindi la capacità di aprirla e chiuderla completamente, viene stabilita da un infermiere specializzato utilizzando un goniometro. Si tratta di un’operazione fatta in un unico istante della giornata presso la struttura ospedaliera, soggetta a possibili errori anche abbastanza grossolani. Il guanto sensorizzato, invece – prosegue il professor Saggio – consente di misurare la capacità delle singole articolazioni nell’intero arco della giornata. Indossando il guanto, che viene collegato con lo smartphone del medico, il paziente può quindi rimanere comodamente a casa e inviare in tempo reale i dati al professionista che, grazie alle informazioni globali, oggettive e precise ricevute, potrà stabilire una terapia personalizzata in base alle esigenze del paziente».

Similmente, il guanto sensorizzato è stato utilizzato anche per valutare il tremore dei pazienti affetti da morbo di Parkinson, che generalmente viene stabilita dal medico ‘ad occhio’, in base alla sua esperienza: «Tuttavia – spiega Saggio – l’occhio umano non è in grado di vedere tutti i movimenti delle articolazioni, che possono invece essere misurati dal guanto. Con le informazioni aggiuntive che lo strumento offre, è possibile migliorare l’accuratezza della diagnosi e quindi la terapia».

Ma il guanto sensorizzato può essere utilizzato anche nel campo della formazione chirurgica. «Con il policlinico Tor Vergata – prosegue il professore – abbiamo fatto indossare il guanto a nove chirurghi di altissima specializzazione che simulavano un’operazione, misurandone le gestualità, che sono risultate tutte molto simili. Abbiamo poi misurato i movimenti degli specializzandi in chirurgia, registrando enormi differenze tra la loro destrezza manuale e quella degli esperti. Il guanto, allora, potrebbe aiutarli ad imparare i movimenti fatti al tavolo operatorio dai chirurghi specializzati, replicando e ottimizzando le loro gestualità sul virtuale prima di operare i pazienti».

Infine, il guanto è anche in grado di governare il movimento delle mani di robot antropomorfi, cosa che nessuno degli strumenti attuali riesce a fare: «Consentirebbe quindi di intervenire a distanza, rimanendo in condizioni di sicurezza. Pensiamo ai soccorsi dopo terremoti o incendi, oppure all’operato degli artificieri. Se, ad esempio, fosse stato utilizzato a Fukushima, dove degli uomini si sono sacrificati per chiudere delle valvole – conclude il professor Saggio -, magari si sarebbero potuti salvare».

LEGGI ANCHE: TECNOLOGIA, IN ITALIA TELEMEDICINA NON SPICCA IL VOLO. FERRARIS (ITALTEL): «PROBLEMI DI GOVERNANCE, SERVE PIÙ SENSIBILITÀ»

Articoli correlati
Covid-19, medici in burnout. Nardone (psicoterapeuta): «Creare rete di sostegno negli ospedali»
Al via da Consulcesi il primo corso di formazione ECM per gestire e superare il burnout
Protesi, Mazzone (chirurgo della mano): «Un bastoncino di silicone contro artrite, traumi e malformazioni delle dita»
Vincent Joseph Mazzone è stato il primo, già nel 1991, a sperimentare una nuova tecnica di accesso laterale per la chirurgia protesica delle articolazioni delle dita, metodologia che solo negli ultimi 5 anni si è consolidata, diventando una pratica chirurgica diffusa
di Isabella Faggiano
All’ospedale Niguarda rivoluzione digitale in neurochirurgia, arriva l’esoscopio
Portata in Italia dal professor Cenzato, la nuova tecnologia permette, attraverso appositi occhiali, di visualizzare un campo operatorio di un centimetro su un monitor di 55 pollici senza perdita di risoluzione
di Federica Bosco
Ge Healthcare nominata “2020 Global company of the year” per i suoi centri di comando basati sull’intelligenza artificiale
Intelligenza artificiale e algoritmi avanzati, con i Command Center GE Healthcare aiuta gli ospedali a migliorare l’efficienza e ottimizzare le risorse per offrire cure migliori ai pazienti
Reazioni avverse da vaccino anti-Covid: al Gemelli una app le “sorveglia”
Per monitorare gli effetti indesiderati la tecnologia può essere di grande aiuto. Ecco l'obiettivo di ‘Generator App Vaccinale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...