TecHealth 7 Febbraio 2019

Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni

Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]

Immagine articolo

Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può insegnare agli specializzandi come muoversi in sala operatoria e può tradurre automaticamente la lingua dei segni, dando la possibilità ai sordo-muti di comunicare anche con chi non conosce la LIS.

LEGGI ANCHE: I MEDICI DEL SAN RAFFAELE LAVORANO IN «BOLLE DI FUTURO». L’INTERVISTA AL DIRETTORE DEL CENTRO TECNOLOGIA AVANZATA

Un prototipo versatile con immense potenzialità in campo medico. Un settore, come ci ha raccontato il professor Saggio, nel quale è già stato sperimentato per ottenere diversi obiettivi: «La prima applicazione è stata su pazienti che si erano sottoposti a chirurgia e microchirurgia della mano. Ad oggi – ci ha spiegato – la ripresa della funzionalità post-operatoria della mano, e quindi la capacità di aprirla e chiuderla completamente, viene stabilita da un infermiere specializzato utilizzando un goniometro. Si tratta di un’operazione fatta in un unico istante della giornata presso la struttura ospedaliera, soggetta a possibili errori anche abbastanza grossolani. Il guanto sensorizzato, invece – prosegue il professor Saggio – consente di misurare la capacità delle singole articolazioni nell’intero arco della giornata. Indossando il guanto, che viene collegato con lo smartphone del medico, il paziente può quindi rimanere comodamente a casa e inviare in tempo reale i dati al professionista che, grazie alle informazioni globali, oggettive e precise ricevute, potrà stabilire una terapia personalizzata in base alle esigenze del paziente».

Similmente, il guanto sensorizzato è stato utilizzato anche per valutare il tremore dei pazienti affetti da morbo di Parkinson, che generalmente viene stabilita dal medico ‘ad occhio’, in base alla sua esperienza: «Tuttavia – spiega Saggio – l’occhio umano non è in grado di vedere tutti i movimenti delle articolazioni, che possono invece essere misurati dal guanto. Con le informazioni aggiuntive che lo strumento offre, è possibile migliorare l’accuratezza della diagnosi e quindi la terapia».

Ma il guanto sensorizzato può essere utilizzato anche nel campo della formazione chirurgica. «Con il policlinico Tor Vergata – prosegue il professore – abbiamo fatto indossare il guanto a nove chirurghi di altissima specializzazione che simulavano un’operazione, misurandone le gestualità, che sono risultate tutte molto simili. Abbiamo poi misurato i movimenti degli specializzandi in chirurgia, registrando enormi differenze tra la loro destrezza manuale e quella degli esperti. Il guanto, allora, potrebbe aiutarli ad imparare i movimenti fatti al tavolo operatorio dai chirurghi specializzati, replicando e ottimizzando le loro gestualità sul virtuale prima di operare i pazienti».

Infine, il guanto è anche in grado di governare il movimento delle mani di robot antropomorfi, cosa che nessuno degli strumenti attuali riesce a fare: «Consentirebbe quindi di intervenire a distanza, rimanendo in condizioni di sicurezza. Pensiamo ai soccorsi dopo terremoti o incendi, oppure all’operato degli artificieri. Se, ad esempio, fosse stato utilizzato a Fukushima, dove degli uomini si sono sacrificati per chiudere delle valvole – conclude il professor Saggio -, magari si sarebbero potuti salvare».

LEGGI ANCHE: TECNOLOGIA, IN ITALIA TELEMEDICINA NON SPICCA IL VOLO. FERRARIS (ITALTEL): «PROBLEMI DI GOVERNANCE, SERVE PIÙ SENSIBILITÀ»

Articoli correlati
Roma, all’Umberto I arriva il robot Da Vinci. Gaudio (Rettore Sapienza): «Permette l’applicazione delle tecnologie più avanzate»
Presentato oggi al Policlinico Umberto I di Roma il robot Da Vinci, strumento avanzato nell'ambito della chirurgia mininvasiva, già attivo da qualche mese con 120 interventi di chirurgia urologica già eseguiti, finanziato dalla Fondazione Roma
di Lucia Oggianu
La rivista scientifica della Società Italiana di Chirurgia è l’ottava più autorevole al mondo
Il presidente SIC Paolo De Paolis: «È un successo di tutta la chirurgia italiana»
Golfo Napoli, al via teleconsulto in sanità per le isole
Parte il progetto “Isole” in Campania per il teleconsulto in materia di sanità a Procida, Ischia e Capri. La Regione, infatti, ha attivato le procedure per migliorare i livelli di assistenza nelle aree cosiddette “disagiate” del territorio campano. Questo progetto ha l’obiettivo di garantire alti livelli di continuità ed assistenza tra ospedale e territorio. Il […]
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Specializzazioni mediche, aumentano i contratti. Ecco il decreto del Miur con la distribuzione dei posti
Aumentati i contratti di formazione medica specialistica per il 2018/2019. Sono 8.776. «Dobbiamo superare l'imbuto formativo e dare ai giovani laureati la concreta opportunità di completare il proprio percorso ed esercitare la professione. L’Italia ha bisogno di medici» ha precisato il ministro Marco Bussetti che ha firmato il provvedimento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...