TecHealth 19 Febbraio 2019

Blockchain in Sanità, in Senato confronto tra esperti per spiegarne opportunità e prospettive

Il 21 febbraio incontro a Roma presso la Sala Isma di Santa Maria in Aquiro con il presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e altri esperti del settore. Andrea Tortorella (Osservatorio Blockchain Link Campus University): «Dalle cartelle cliniche alla lotta ai farmaci contraffatti, tanti i campi in cui si può applicare questa tecnologia»

Ha un nome che a molti può ancora risultare sconosciuto. Potrebbe ricordare qualcosa di esotico, o far pensare a complessi sistemi comprensibili solo a ‘nerd’ o tecnici del settore. La Blockchain (o catena dei blocchi, come è stata fedelmente tradotta in italiano), in realtà ha veramente un’infrastruttura complicata, e capirne il funzionamento per gli estranei al settore è tanto difficile quanto capire come sia possibile l’esistenza di un qualcosa come Internet. Ma proprio come ha fatto Internet, tuttavia, la Blockchain finirà per pervadere ogni campo delle nostre vite, compreso quello sanitario.

Gli esperti che se ne occupano ne sono convinti, e il 21 febbraio si incontreranno al Senato della Repubblica per discutere proprio delle opportunità e delle prospettive che la Blockchain offre alla sanità. Si tratta, in parole povere, di una tecnologia che consente di tutelare la sicurezza, la trasparenza e l’immutabilità di tutti i dati che vi vengono inseriti.

«Questa tecnologia può essere applicata in innumerevoli modi nella sanità – spiega Andrea Tortorella dell’Osservatorio Blockchain della Link Campus University, tra i relatori del convegno -. Pensiamo alle cartelle cliniche, che se registrate sulla Blockchain possono essere scambiate in modo sicuro e incorruttibile tra varie strutture e diversi medici, riuscendo a seguire sempre il percorso del paziente. Ma questa tecnologia può offrire numerosi benefici anche ai trial clinici, garantendo il rispetto del protocollo, che non può essere falsificato».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN E SALUTE PAZIENTE. FRANCHI (SAN RAFFAELE): «ECCO COME SAPERE LA STORIA CLINICA DEL PAZIENTE SENZA PERDERE PEZZI FONDAMENTALI»

«Ma una delle applicazioni che mi sta più a cuore – prosegue Tortorella – è la lotta ai farmaci contraffatti, un ambito in cui stiamo lavorando insieme a Consulcesi Tech. Vista la diffusione ed il prezzo di questi farmaci, quello dei medicinali falsi è diventato un mercato gigantesco, che la Blockchain potrebbe abbattere completamente». E non bisognerà attendere molto, per vedere le prime applicazioni di questa tecnologia in ambiti come quelli descritti da Tortorella: «Sappiamo cosa stanno facendo molti stati e cosa stiamo facendo noi. Ci siamo dentro, e non ci vorranno anni per realizzare tutto questo, ma mesi».

Per conoscere meglio, allora, i risvolti di questa rivoluzione che sta bussando alle porte del mondo sanitario, l’appuntamento è per giovedì 21 febbraio alla Sala Isma del Senato (piazza Capranica 72, Roma), dove interverranno, oltre ad Andrea Tortorella, il presidente della XII Commissione del Senato Igiene e Sanità Pierpaolo Sileri, il vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo, il presidente di Consulcesi Tech Massimo Tortorella, il direttore scientifico di Futura Stem Cells Pierangela Totta, Monica Costantini e Carlo Maria Medaglia della Link Campus University, il general manager di IQVIA Sergio Liberatore, il consigliere giuridico del Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio Marco Bellezza e Charles Scerri, della Charles Scerri & Associates.

Articoli correlati
Donazione corpo post mortem, via libera dal Senato. Sileri (M5S): «Fondamentale per la formazione dei chirurghi, Ddl colma vuoto»
Palazzo Madama approva in prima lettura il disegno di legge che regolamenta e rendere più facile la donazione dei cadaveri a fini di studio, di ricerca scientifica e di formazione. Il Primo firmatario Pierpaolo Sileri: «La diffusione di questa pratica potrebbe ridurre di circa un quarto i costi di istruzione del personale sanitario»
di Pierpaolo Sileri
Dai vaccini alle aggressioni ai medici, Sileri annuncia l’agenda della Commissione Sanità in Senato
Sileri (M5S): «Negli ultimi mesi abbiamo visto molti medici e molto personale sanitario aggredito a partire dalle ambulanze e dai pronto soccorso. Serve risposta immediata»
Circoncisioni rituali, Foad Aodi (Amsi): «È problema sanitario e non religioso. Grazie a Vice Ministro Del Re per interessamento»
Sono più di 11mila le circoncisioni fatte da residenti in Italia o senza permesso di soggiorno, di cui 5mila in Italia e 6mila nei paesi di origine. Il presidente dell'Associazione Medici di Origine straniera in Italia: «Bisogna inserirla nei LEA se possibile, altrimenti occorre trovare una soluzione ad hoc per eliminare la responsabilità medico legale di pediatri e anestesisti perché in quella rituale il chirurgo pediatra non accetta di addormentare il bambino sotto i quattro anni»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Ddl vaccini, parla Pierpaolo Sileri: «Emendamento base di discussione. Obbligo di certificazione potrebbe restare per il morbillo»
Il presidente della Commissione Sanità lancia una proposta che potrebbe mettere d’accordo le forze di maggioranza: «È innegabile che c’è un problema morbillo in Italia. Quindi una possibilità, solo una delle tante, potrebbe essere quella di rimodularlo lasciando il morbillo con l’obbligatorietà della certificazione»
Vaccini, emendamento M5S-Lega cancella obbligo certificazione. Zingaretti: «Nel Lazio non si cambia»
La norma a prima firma Sileri-Cantù-Fregolent prevede che «la presentazione della documentazione comprovante l'effettuazione delle vaccinazioni non costituirà più requisito di accesso al servizio, alla scuola, al centro di formazione professionale». Il sottosegretario Bartolazzi frena: «Nessun passo indietro sulla volontà di una legge di buon senso che garantisca il diritto all'istruzione e il diritto alla salute di tutti». Magi (OMCeO Roma): «Senza obbligo politica dovrebbe dirci come intende garantire le coperture»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...