Test Medicina 2020 3 Settembre 2020 14:08

Test Medicina, le proteste delle organizzazioni studentesche: «Numero chiuso assurdo e ingiusto»

Guarino (Link): «Serve prospettiva di lungo periodo». Lang (FGC): «Tutti i ricorsi presentati sono dimostrazione che questo metodo non funziona». Lucassen (Noi Restiamo): «24 e 25 settembre sciopero»

Immagine articolo

Era quasi spettrale, la città universitaria della Sapienza di Roma, questa mattina. I 4500 ragazzi che hanno sostenuto il test di ingresso per la Facoltà di Medicina sono stati convocati in orari diversi per evitare assembramenti. Si sono ordinatamente messi in fila davanti agli ingressi e hanno seguito le procedure per poter accedere. Poi, sono entrati a piccoli gruppi nelle aule che gli sono state assegnate. Dalle 10.30 in poi, le uniche voci che si sentono all’interno dell’ateneo sono quelle dei giornalisti e degli addetti alla sicurezza.

NO AL NUMERO CHIUSO: LE PROTESTE DEGLI STUDENTI

A fare un po’ di confusione in piazzale Aldo Moro, all’ingresso principale dell’università, alcune organizzazioni studentesche che anche quest’anno hanno manifestato contro il numero chiuso. “La pandemia lo ha dimostrato, anche il numero chiuso va abrogato. Salviamo il Sistema sanitario”; “Contro l’università d’elite gli studenti alzano la testa”; “Il numero chiuso non è salutare”, recitavano alcuni striscioni che hanno mostrato davanti agli archi della Sapienza.

LINK COORDINAMENTO UNIVERSITARIO

«Le barriere all’accesso delle università sono una cosa assurda e ingiusta – commenta Camilla Guarino, Coordinatrice di Link Coordinamento Universitario -. Soprattutto dopo mesi in cui il Paese vive un’emergenza sanitaria. Per essere pronti, la prima difesa è la formazione, è la possibilità di avere più posti in Facoltà e più borse di specializzazione. Bisogna abolire l’imbuto formativo e serve una prospettiva di lungo periodo, considerando che nei prossimi anni mancheranno 50 mila professionisti della salute. Questa programmazione è stata fallimentare e negli scorsi mesi ha fatto collassare la sanità».

FRONTE DELLA GIOVENTÙ COMUNISTA 

Simile il punto di vista di Lorenzo Lang, Segretario nazionale del Fronte della gioventù comunista: «Questo è un metodo di selezione di classe, perché ad esempio ci sono persone che si possono permettere i corsi di preparazione e altre no. Questo sistema di valutazione non è valido, e la presenza di così tanti ricorsi ogni anno è la rappresentazione plastica di come questa forma non consenta di valutare adeguatamente la preparazione. Passa il più fortunato o chi ha condizioni di partenza migliori. Sono anni che protestiamo contro il numero chiuso e quest’anno le nostre ragioni sono ancora più forti, ed è assurdo che non sia stato messo in discussione nemmeno di fronte ad una pandemia. Medici e infermieri sono eroi, ma il governo se l’è già dimenticato. Più di 40mila operatori sanitari sono stati contagiati, anche perché costretti a turni massacranti causati dalle carenze di personale. Risolvere l’imbuto formativo non basta per superare questi problemi. Per una sanità di qualità, andrebbe ridotto anche l’orario di lavoro di medici e infermieri».

NOI RESTIAMO

«Contestiamo i test d’accesso che precludono il libero accesso alle università – aggiunge infine Elettra Luna Lucassen di Noi Restiamo -. Quest’anno, tra l’altro, è stata anche raddoppiata la tassa per effettuare il test, arrivata a 100 euro. Il 24 ed il 25 settembre quindi saremo in piazza per uno sciopero a 360 gradi di tutto il mondo della formazione, contro il numero chiuso, la didattica a distanza e il precariato».

 

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.