Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Sesso 30 Luglio 2021

Sesso: i dieci motivi per cui fa bene alla salute

I benefici del sesso per la salute mentale e fisica: dal sonno alla pressione, passando per lo stress e l’aumento dell’autostima

Il sesso porta benefici al corpo, alla mente e al cuore. Oltre agli effetti sulla psiche e sul fisico – a partire dalle calorie che si bruciano, 85 in media fino a 3,6 al minuto – secondo uno studio americano, permette di ridurre del 45% il rischio di sviluppare problemi cardiovascolari.

Il sesso fa bene: dieci benefici sulla salute

Il sesso fa bene: dieci benefici sulla salute

Come riporta la Fondazione Umberto Veronesi, a patto che sia protetta, l’attività sessuale è una barriera per ansia e depressione e migliora salute e benessere. Ecco perché:

  • Migliora l’immunità. Avere rapporti sessuali una o due volte la settimana potenzia il sistema immunitario
  • Fa bene al cuore. Anche il sesso, come tutta l’attività fisica che stimola il cuore, fa bene alla salute. L’American Heart Association specifica che gli attacchi di cuore o il forte dolore al petto causato dal cuore raramente si verificano durante un rapporto sessuale
  • Abbassa la pressione. Vari studi hanno dimostrato che tenersi stretti teneramente e abbracciarsi può aiutare a normalizzare lo stato della pressione arteriosa
  • Allevia il dolore. Il sesso ha un forte potere analgesico contro l’emicrania e il mal di testa a grappolo. L’amplesso stimola il rilascio di endorfine nel cervello, chiamati “gli ormoni del benessere”, veri e propri antidolorifici prodotti dal nostro organismo
  • Riduce il rischio di cancro alla prostata. Sembra che frequenti eiaculazioni permettano alla ghiandola prostatica di eliminare gli eventuali agenti cancerogeni
  • Migliora il sonno. Il rilascio di ossitocina, dopamina ed endorfine aiuta ad addormentarsi più facilmente
  • Allenta lo stress. L’intimità fisica ed emotiva delle coppie si associa a ridotti livelli di stress
  • Potenzia le capacità mentali. Frequenti rapporti sessuali possono migliorare la memoria
  • Allunga la vita. Da uno studio pubblicato sulla rivista The Bmj emerge che un’attività sessuale intensa e soddisfacente possa avere un effetto protettivo sulla salute maschile e femminile
  • Aumenta l’autostima. Oltre a tutti i benefici per la salute fisica, una sana vita sessuale migliora anche il benessere emotivo.

Il sesso fa male al cuore?

Un rapporto sessuale equivale a salire due rampe di scale o fare una corsa per prendere l’autobus. Non fa male al cuore, ma bisogna fare attenzione se si è avuto un evento cardiovascolare. Durante l’amplesso, infatti, aumenta la frequenza respiratoria e quella cardiaca e sale la pressione arteriosa. Per vivere la sessualità in modo sicuro e consapevole, è fondamentale parlare con il medico, conoscere il proprio stato di salute e riconoscere i propri limiti. C’è da dire, inoltre, che le scappatelle e l’ansia da prestazione non aiutano perché generano ansia e stress.

Ipertensione e sesso

Una vita sessuale costante e attiva può abbassare la pressione sanguigna con la stessa efficacia di alcuni farmaci. Il motivo risiede nel fatto che fare sesso aumenterebbe i nostri livelli di ossitocina, “l’ormone dell’amore” che abbassa i livelli di stress. L’ossitocina attenua le tensioni, accresce l’autostima, la fiducia in sé stessi e negli altri e smorza l’aggressività. Quindi, l’attività sessuale contribuisce alla stabilizzazione dei valori pressori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Patologie reumatologiche, Celano (APMARR): “Senza una corretta transizione dalle cure pediatriche a quelle dell’adulto, la metà dei giovani pazienti rischia danni irreversibili agli organi”

In un’intervista a Sanità Informazione, Antonella Celano, presidente APMARR, descrive le principali criticità con cui devono fare quotidianamente i conti i pazienti affetti da...
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...