Salute 6 Luglio 2020 09:56

World Kiss Day, il bacio fa bene al corpo e alla mente. La psicologa spiega perché

La psicoterapeuta Angela Quaquero: «Chi è stato privato dei baci durante l’infanzia non si sentirà degno di essere amato e sarà un adulto incapace di amare»

di Isabella Faggiano
World Kiss Day, il bacio fa bene al corpo e alla mente. La psicologa spiega perché

Nelle fiabe è in grado di spezzare anche il più potente degli incantesimi. Nella vita reale, invece, rafforza l’organismo, scaccia lo stress e mette di buonumore. Sono questi i magici poteri del bacio, uno dei più antichi simboli dell’amore, così universale da essere celebrato in tutto il mondo: il 6 luglio è il World Kiss Day,  festeggiato per la prima volta nel 1990 in Inghilterra.

BACIARE EMOZIONA

«Il bacio – dice Angela Quaquero, psicologa e psicoterapeuta, presidente dell’Ordine degli psicologi della Sardegna – è un gesto forte, che va dritto al campo emozionale più profondo. Le labbra e la mucosa orale, tra i punti più sensibili del nostro corpo, sono in contatto diretto con il nostro sistema nervoso centrale, luogo in cui si originano tutte le nostre emozioni, sia positive che negative. Un bacio, infatti, se non voluto ha delle conseguenze tutt’altro che piacevoli».

LO STUDIO

Un bacio desiderato, invece, come dimostrato da un recente studio condotto da Wendy Hill, docente di neuroscienza al College Lafayette di Easton, in Pennsylvania, è un potente anti-stress in grado di ridurre i livelli di cortisolo. Gli scienziati hanno analizzato le reazioni di diversi studenti prima e dopo lo scambio di un bacio: hanno riscontrato significativi cambiamenti nei livelli di ossitocina, l’ormone dell’amore, e di cortisolo, l’ormone dello stress. Sia negli uomini che nelle donne, infatti, è stata notata una diminuzione del livello di cortisolo e, di conseguenza, un abbassamento del livello di stress e un aumento delle endorfine, sostanze chimiche prodotte dal nostro cervello con proprietà analgesiche ed energizzanti.

C’È UN TEMPO PER BACIARSI

«Per tutte le sue proprietà benefiche – continua Quaquero – è fondamentale dedicare del tempo al bacio, senza mai trascurare troppo  a lungo questo gesto di affetto. Il bacio nell’essere umano è il contatto con il corpo di un altro. Una vicinanza che ci riporta immediatamente al primo e più forte legame mai vissuto, quello con la propria madre al momento della nascita».

GLI EFFETTI A LUNGO TERMINE DEL BACIO

Il bacio non ha solo un effetto benefico immediato sul nostro cervello e sul nostro corpo. Ha delle conseguenze sulla nostra intera esistenza, sia a medio che a lungo termine. «Chi è stato privato dei baci durante l’infanzia avrà problemi per tutta la vita – dice l’esperta -. Il bambino che non viene baciato, abbracciato, accarezzato con tenerezza è un bambino che non si percepirà mai, purtroppo, come una persona degna di essere amata. Di conseguenza sarà un uomo o una donna anche incapace di amare. La tenerezza è un cibo primario per l’essere umano, necessario nella relazione genitore-figlio e fondamentale nella coppia affinché una relazione duri nel tempo, fino alla terza età. Nemmeno quando si è anziani, infatti, bisogna trascurare questa dimostrazione di affetto».

IL BUON ESEMPIO

È importante non dimenticare mai di baciarsi e scambiarsi gesti affettuosi qualunque età si abbia: «Sono gli adulti, genitori o nonni che siano, a dover dare il buon esempio ai più piccoli, insegnandogli la bellezza e l’importanza di baciarsi», sottolinea Quaquera. Gesti che spesso in passato abbiamo dato per scontato e che, invece, ora sembrano mancarci: «L’emergenza coronavirus ha imposto una distanza fisica tra tutti noi. È permesso baciarsi solo tra congiunti. Ma è chiaro che sono tante le persone, non legate da un grado di parentela, che vorrebbero abbracciarsi. Ed è per questo che, probabilmente, da questa esperienza negativa – conclude la psicologa – impareremo a dare il giusto valore ad ogni singolo bacio». Perché, come spesso accade, “non si apprezza mai quello che si ha, finché non lo si perde”.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
Un’offesa fa “male” come uno schiaffo in faccia
Gli studiosi dell’Università di Utrecht hanno analizzato le reazioni ad affermazioni di diversa natura, come insulti, complimenti e dichiarazioni descrittive, utilizzando l’elettroencefalografia (EEG) e il biofeedback della conduttanza cutanea. L’analisi della psicologa Paola Biondi
Baciare sulle labbra i bambini, giusto o sbagliato? «Puntiamo su manifestazioni più soft ma più efficaci»
Cosmi (componente Ordine Psicologi Lazio): «Il rischio non è erotizzare il rapporto, ma svuotare di significato l’affettività e confondere i ruoli»
Cosa spinge un figlio ad uccidere il proprio padre?
Intervista alla psicologa e criminologa Cristina Brasi
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...