Politica 27 Luglio 2021 15:30

“Screening Cardio 50”, entra nel vivo il ddl per la campagna di prevenzione delle malattie cardiovascolari

La proposta di legge presentata dal Carroccio nasce dal successo di una analoga iniziativa effettuata in Veneto. L’obiettivo è quello di individuare alcuni parametri utili predittivi di condizioni di rischio cardiovascolare, con conseguente indirizzo verso percorsi strutturati di risposta. In Italia sono 7,5 milioni i pazienti afflitti da queste patologie

“Screening Cardio 50”, entra nel vivo il ddl per la campagna di prevenzione delle malattie cardiovascolari

Prevenire è meglio che curare. Una regola aurea che vale ancora di più per alcune patologie, come quelle cardiache. I numeri, del resto, parlano chiaro: ogni anno in Europa le malattie cardiovascolari determinano la morte di 4 milioni di persone e rappresentano la principale causa di morte nei soggetti al di sotto dei 65 anni. Anche nel nostro Paese la situazione non è migliore: le malattie cardiovascolari continuano a essere la prima causa di morte anche in tempo di Covid-19 con 7,5 milioni i pazienti afflitti da patologie al cuore in Italia.

Nasce da queste considerazioni il disegno di legge presentato dalla senatrice Sonia Fregolent della Lega che punta a sottoporre chi compie i 50 anni di età alla valutazione di alcuni parametri utili per l’individuazione di condizioni di rischio cardiovascolare, «con conseguente indirizzo verso percorsi strutturati di risposta». Una prevenzione attiva, che potrebbe contribuire a salvare centinaia di vite.

Cosa prevede il ddl all’esame del Senato

L’iter del ddl era iniziato due anni fa, nel luglio 2019, e ora i tempi sembrano maturi per l’approvazione, almeno in Commissione Igiene e Sanità. All’articolo uno la legge istituzionalizza lo “Screening CARDIO50” un programma organizzato per i residenti nel territorio nazionale, al compimento del loro cinquantesimo anno di età.

Il testo attuale del ddl (che potrebbe subire modifiche) prevede che il dicastero della Salute e le regioni provvedano ad inserire il programma nel nuovo Piano nazionale della prevenzione e nei conseguenti piani regionali attuativi e ad «assicurare, anche mediante processi di nuovo orientamento operativo dei servizi, le risorse umane e strumentali necessarie per l’avvio, l’estensione e il consolidamento del programma» in tutta Italia. Altro compito del ministero e delle regioni è di raccordare lo screening con i programmi di promozione della salute già attivi o in fase di sviluppo, «con particolare riferimento alle iniziative di comunità finalizzate a favorire l’adozione di comportamenti salutari”».

La necessità dello screening è emersa con ancora più forza durante i mesi di pandemia, dove in tanti hanno rimandato le visite per paura di contrarre il Covid. Come rilevato dall’Associazione Cuore Italia, i dati 2020 confermano una contrazione del 72% per la sostituzione valvolare aortica trans-catetere, dell’80% per la clip mitralica, del 91% per la chiusura dell’auricola sinistra e del 97% per quella del forame ovale pervio. Il blocco degli interventi e l’allungamento delle liste di attesa rischia di creare una vera emergenza, se non si porrà rimedio.

In Veneto il primo programma organizzato

L’idea nasce da una best practice valorizzata nell’ambito del Programma del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM) 2009 «Attivazione di un progetto di prevenzione cardiovascolare primaria sul modello dei programmi di screening oncologico (IV screening)» e CCM 2013 «Programma organizzato di screening del rischio cardiovascolare finalizzato alla prevenzione attiva nei soggetti cinquantenni» (Cardio50) che, partendo dalla regione Veneto, ha coinvolto 22 aziende sanitarie locali (ASL) in 12 regioni italiane.

Entrambi i progetti prevedevano la chiamata attiva, curata dal Dipartimento di prevenzione della ASL, per una visita ambulatoriale (condotta da figure formate del comparto sanitario) finalizzata all’individuazione di una o più condizioni di rischio cardiovascolare (soggetto in sovrappeso, iperteso, dislipidemico, iperglicemico, fumatore, sedentario) e il successivo indirizzo, se necessario, verso una adeguata presa in carico sistemica. Un modello che potrebbe essere replicato con successo anche a livello nazionale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Una persona su 8 è ipertesa e non lo sa, nel 15% picchi di pressione di notte
Uno studio dell'Università di Oxford ha rilevato che in alcune persone la pressione sanguigna aumenta pericolosamente di notte ed è per questo che non si arriva correttamente a una diagnosi di ipertensione
Dalla Lega al Pd, l’obbligo vaccinale convince le forze politiche. Fuori dal coro Fdi: «Misura inefficace»
Tutte le forze di maggioranza approvano la misura varata il 5 gennaio dal CdM. Secondo Paola Boldrini (Pd) misura necessaria «per la collettività e per dare sollievo ai professionisti sanitari ormai al collasso». Tiramani (Lega) rivela: «Io minacciato dai no vax». Per il M5S «bisogna agire presto per evitare che gli ospedali siano di nuovo paralizzati dall'emergenza»
di Francesco Torre
OSAS e malattie cardiovascolari: il rischio aumenta. L’analisi del cardiologo
Nei pazienti con OSAS (sindrome da apnee ostruttive del sonno) l’incidenza di ipertensione arteriosa, aritmie, scompenso cardiaco, ictus e cardiopatia è maggiore, a confermarlo gli studi più recenti. Con il cardiologo Filippo Scalise (Policlinico Monza) analizziamo questa connessione tutt'altro che scontata
“Sviluppo tecnologico nelle malattie cardiovascolari”, il 26 e 27 novembre torna Ciociaria Cuore
A Ferentino due giorni dedicata agli sviluppi nel campo delle malattie cardiovascolari: tra gli ospiti il genetista Giuseppe Novelli e il professore emerito di cardiologia Francesco Fedele. Tra i focus quello sulla chirurgia robotica e sull’ospedale virtuale
di Francesco Torre
Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»
«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...