Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 14 Gennaio 2022

Omocisteina, cos’è e perché va controllata

Il suo valore nel sangue viene accertato ancora troppo poco. Ma l’accumulo di omocisteina si associa ad un aumento del rischio cardiovascolare, malattie neurodegenerative e fragilità ossea

L’omocisteina è un aminoacido presente nell’organismo in piccole quantità. Deriva dal metabolismo della metionina introdotta con l’alimentazione (attraverso carne, uova, latte, legumi). Nelle persone sane, l’omocisteina è trasformata rapidamente in altri prodotti grazie all’azione delle vitamine B6 e B12 e dell’acido folico. Ma se con la dieta non se ne assumono quantità insufficienti, l’omocisteina si accumula nel sangue e può provocare danni al sistema nervoso, cardiovascolare e osseo. Il controllo dei valori consente di diagnosticare una carenza di acido folico o di vitamina B12.

L’accumulo di omocisteina nel sangue

L’omocisteina rappresenta un fattore di stress ossidativo per il nostro organismo. Ed è per questo che bisogna misurare il suo valore nel sangue. Un accumulo di questo amminoacido è un fattore di rischio per le patologie cardio-vascolari come arteriosclerosi, embolia, infarto del miocardio, ictus cerebrale e trombosi. E non solo: l’iperomocisteinemia è correlata all’insorgenza di malattie neurodegenerative e fragilità ossea.

I fattori di rischio

Influenzano la quantità di omocisteina presente nel sangue:

  • fattori ambientali: fumo, alcol, caffè e poca attività fisica
  • fattori fisiologici: età e sesso. Le donne hanno livelli di omocisteina più bassi rispetto agli uomini. Di solito, si verifica un aumento dopo la menopausa, per la diminuzione degli estrogeni
  • malattie come insufficienza renale e ipotiroidismo
  • assunzione di farmaci (contraccettivi orali, antiepilettici)
  • fattori ereditari (omocistinuria)

Ma quando è richiesto l’esame per il dosaggio dell’omocisteina nel sangue? Nei seguenti casi:

  • se si sospetta una possibile carenza di vitamina B12 o di folati. Parliamo di persone malnutrite o anziani che hanno un ridotto assorbimento intestinale. Individui affetti da alcolismo o che abusano di droghe
  • se si sospetta la presenza di una malattia metabolica rara (omocistinuria)
  • in seguito all’infarto del miocardio, all’ictus o a una trombosi venosa. Soprattutto, in assenza di fattori di rischio tradizionali: fumo, ipertensione arteriosa e obesità
  • per valutare il rischio cardiovascolare associato all’età, all’abitudine al fumo, alla pressione arteriosa, alla colesterolemia totale e HDL, al diabete e al sesso

Acido folico e vitamina B12 in gravidanza

Acido folico e vitamina B12 in gravidanza

L’acido folico è essenziale in gravidanza per prevenire alcuni difetti e malformazioni congenite fetali. Alle donne in età fertile, che programmano o non escludono una gravidanza, si consiglia di seguire un’alimentazione ricca in frutta, verdura e legumi ed integrare con compresse di acido folico.
Anche un adeguato apporto di vitamina B12 è importante in gravidanza. Si trova quasi esclusivamente negli alimenti di origine animale (pesce, uova, latticini, carne). È una vitamina idrosolubile, non può essere accumulata nell’organismo ma va regolarmente assunta. La carenza di vitamina B12 in dolce attesa può provocare alterazioni nello sviluppo del cervello fetale (atrofia cerebrale) e difetti del tubo neurale come la spina bifida. I sintomi da carenza di vitamina B12 e folati possono essere subdoli, poco riconoscibili e aspecifici.

Includono:

  • diarrea
  • vertigini, senso di fatica e debolezza e pallore
  • perdita dell’appetito
  • battito cardiaco accelerato e fiato corto
  • formicolio, intorpidimento alle mani, piedi, braccia e gambe

Esame dell’omocisteina nel sangue e valori norma

L’esame per il dosaggio l’omocisteina del sangue è molto semplice. Consiste in un piccolo prelievo di sangue venoso dopo un digiuno di 10-12 ore. Bisogna anche astenersi dal fumo per almeno 15 minuti prima del prelievo. I valori di omocisteina nel sangue considerati normali per uomini e donne, giovani e adulti sono compresi tra 5-12 micro-moli per litro. Valori elevati di omocisteina possono indicare uno stato di malnutrizione o la carenza di vitamina B12 e folati (acido folico). Come abbassarli? Con una dieta ricca in vitamine del gruppo B e/o l’assunzione di integratori alimentari.

L’esame è utile nella valutazione del rischio cardiovascolare. È stato dimostrato che nelle persone che hanno avuto un infarto, un ictus o una trombosi, i livelli di omocisteina nel sangue sono alti.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...