Sanità internazionale 6 Dicembre 2021 15:03

Variante Omicron, casi in tutto il mondo. Nel Regno Unito potrebbe sostituire Delta in quattro settimane

La variante Omicron si palesa in tutto il mondo: in queste ore arrivano segnalazioni costanti. Gli scienziati ricordano che nei paesi a basso reddito ci sono poco più di 20 milioni di vaccinati: l’equivalente delle terze dosi solo in Gran Bretagna

Variante Omicron, casi in tutto il mondo. Nel Regno Unito potrebbe sostituire Delta in quattro settimane

La variante Omicron si sta diffondendo «più rapidamente della variante Delta» in Gran Bretagna. A dirlo il professor Paul Hunter dell’università dell’East Anglia, che ha dichiarato la possibile presenza di oltre mille casi della nuova variante nel paese al momento. Tra le previsioni considerate più verosimili c’è quella che prevede che diventerà dominante nell’arco delle prossime quattro settimane. Quel che resta da stabilire è se effettivamente la variante Omicron porti una malattia meno grave, anche se più trasmissibile.

I primi casi di Omicron nel mondo

Intanto in tutto il mondo si riportano nuovi casi di Omicron. Da Reuters è arrivato l’annuncio ufficiale del terzo caso in Giappone. Un uomo di 30 anni appena rientrato nel paese e prima passato per l’Italia. In India il numero è salito a 21 pazienti. In Italia sono arrivati a nove, di cui sette legati al “paziente zero” di ritorno dal Sudafrica. Sequenziato anche un caso arrivato all’aeroporto di Alghero, in Sardegna, di ritorno dallo stato africano. Primi casi riportati anche da Croazia, Nepal, Russia e Argentina.

Negli Stati Uniti sono 16 gli stati in cui è stata trovata la variante e probabilmente in aumento: la prima è stata la California, mentre l’ultimo annuncio riguarda il Wisconsin. La variante Delta rappresenta ancora il 99,9% dei casi negli USA, i contagiati da Omicron erano per la maggior parte vaccinati e hanno mostrato sintomi lievi.

Vaccinare il mondo o arriveranno nuove varianti

Gli scienziati sono concordi: la comparsa di nuove varianti è conseguenza diretta della mancata vaccinazione del mondo intero. O meglio, delle differenze esistenti tra paesi poveri e ricchi. Scienziati ed esperti di salute globale hanno chiesto un’azione sin dall’estate per affrontare la crisi della disuguaglianza dei vaccini tra paesi ricchi e poveri. Più a lungo grandi parti del mondo rimarranno non vaccinate, hanno detto, più è probabile che il virus muti in modo significativo.

Secondo la People’s Vaccine Alliance, il numero di terze dosi somministrate nel Regno Unito è lo stesso del totale dei vaccinati nei paesi più poveri del mondo. Una analogia intollerabile pensare che solo 20 milioni di persone in 27 paesi a basso reddito abbiano ricevuto il vaccino, mentre in Italia oltre 40 milioni di persone hanno completato il ciclo tra la popolazione vaccinabile.

«Omicron è con noi perché non siamo riusciti a vaccinare il mondo – ha detto Winnie Byanyima, direttore esecutivo di UNAids e co-presidente della People’s Vaccine Alliance sul Guardian -. Questo dovrebbe essere un campanello d’allarme. È la definizione di follia continuare a fare la stessa cosa e aspettarsi un risultato diverso. Dobbiamo premere reset».

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi