Sanità internazionale 9 luglio 2018

Perché gli USA hanno minacciato i Paesi favorevoli ad una risoluzione OMS sull’allattamento al seno

Gli Stati Uniti avrebbero provato a boicottare la risoluzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che incoraggia l‘allattamento al seno e limita il latte artificiale. A denunciare la vicenda è stato il New York Times, secondo il quale l’amministrazione USA avrebbe tentato di difendere gli interessi di aziende americane produttrici di latte artificiale, nonostante numerose ricerche abbiano […]

Immagine articolo

Gli Stati Uniti avrebbero provato a boicottare la risoluzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che incoraggia l‘allattamento al seno e limita il latte artificiale. A denunciare la vicenda è stato il New York Times, secondo il quale l’amministrazione USA avrebbe tentato di difendere gli interessi di aziende americane produttrici di latte artificiale, nonostante numerose ricerche abbiano ormai da tempo dimostrato che il latte materno offra molti più benefici alla mamma e al bambino dei surrogati, che non hanno le stesse proprietà e diventano pericolosi in alcuni Paesi del terzo mondo per la necessità di usare l’acqua, spesso inquinata.

Gli Stati Uniti avrebbero quindi prima tentato di modificare il testo della risoluzione, eliminando frasi come quelle che invitavano i governi a «proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento al seno» e a limitare la promozione di prodotti alimentari sostitutivi; poi sarebbero passati alle minacce contro Paesi poveri. Come l’Equador, che avrebbe rischiato ritorsioni commerciali e il ritiro dell’aiuto militare a stelle e strisce se avesse sostenuto la mozione. Marcia indietro ingranata, per lo stesso motivo, anche da almeno una dozzina di altri Paesi, prevalentemente dell’Africa e dell’America latina, come Messico e Uruguay, timorose di ‘vendette’ americane. Tentativi comunque non andati a buon fine, visto che poi la Russia ha presentato la misura e gli americani si sono guardati bene dal fare minacce.

«Eravamo sorpresi, sconcertati e anche rattristati» ha commentato Patti Rundall, la direttrice del gruppo britannico Baby Milk Action, che ha partecipato all’assemblea dell’OMS a Ginevra la scorsa primavera. «Quello che è successo è stato l’equivalente di un ricatto, con gli USA che tenevano il mondo in ostaggio e tentavano di rovesciare quasi 40 anni di consenso sul modo migliore di proteggere la salute dei neonati e dei bambini».

Dopo lo smantellamento dell’eredità verde di Obama e l’uscita dall’accordo di Parigi sul clima, la tendenza dell’amministrazione americana resta quella di ignorare la ricerca scientifica indipendente. «Eravamo scioccati – ha dichiarato al New York Times un funzionario dell’Equador che ha chiesto di restare anonimo -. Non potevamo immaginare che una questione così piccola come l’allattamento al seno potesse provocare una reazione tanto drammatica».

LEGGI ANCHE: ALLATTAMENTO AL SENO, COME SFRUTTARE AL MEGLIO I BENEFICI

Articoli correlati
Alcol, il report OMS: uccide 3 milioni di persone l’anno. E il 44% degli adolescenti europei beve abitualmente
I tre quarti dei decessi dovuti a incidenti, violenze o malattie legati all’abuso di alcol colpisce gli uomini. Nel Vecchio Continente le percentuali più alte. Tutti i dati emersi dal “Global status report on alcohol and health 2018”
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
Conte e Grillo al Comitato europeo OMS. Il report sulla salute maschile: troppe morti per cause prevenibili
Focus dell'incontro le nuove evidenze che indicano la necessità di trattare la salute maschile in maniera specifica. I 53 Stati membri si apprestano a sottoscrivere una nuova strategia europea per affrontare le sfide di salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Vaccini, il ballo delle incertezze. Cosa è cambiato davvero per medici, ASL, scuole e famiglie?
Grillo: «Autocertificazione sufficiente, dichiarare il falso è reato». Smentita di Di Maio: «Rimane in vigore vecchia Legge». La preoccupazione della comunità scientifica: «Le statistiche parlano chiaro…»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...