Sanità internazionale 9 Luglio 2018

Perché gli USA hanno minacciato i Paesi favorevoli ad una risoluzione OMS sull’allattamento al seno

Perché gli USA hanno minacciato i Paesi favorevoli ad una risoluzione OMS sull’allattamento al seno

Gli Stati Uniti avrebbero provato a boicottare la risoluzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che incoraggia l‘allattamento al seno e limita il latte artificiale. A denunciare la vicenda è stato il New York Times, secondo il quale l’amministrazione USA avrebbe tentato di difendere gli interessi di aziende americane produttrici di latte artificiale, nonostante numerose ricerche abbiano ormai da tempo dimostrato che il latte materno offra molti più benefici alla mamma e al bambino dei surrogati, che non hanno le stesse proprietà e diventano pericolosi in alcuni Paesi del terzo mondo per la necessità di usare l’acqua, spesso inquinata.

Gli Stati Uniti avrebbero quindi prima tentato di modificare il testo della risoluzione, eliminando frasi come quelle che invitavano i governi a «proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento al seno» e a limitare la promozione di prodotti alimentari sostitutivi; poi sarebbero passati alle minacce contro Paesi poveri. Come l’Equador, che avrebbe rischiato ritorsioni commerciali e il ritiro dell’aiuto militare a stelle e strisce se avesse sostenuto la mozione. Marcia indietro ingranata, per lo stesso motivo, anche da almeno una dozzina di altri Paesi, prevalentemente dell’Africa e dell’America latina, come Messico e Uruguay, timorose di ‘vendette’ americane. Tentativi comunque non andati a buon fine, visto che poi la Russia ha presentato la misura e gli americani si sono guardati bene dal fare minacce.

«Eravamo sorpresi, sconcertati e anche rattristati» ha commentato Patti Rundall, la direttrice del gruppo britannico Baby Milk Action, che ha partecipato all’assemblea dell’OMS a Ginevra la scorsa primavera. «Quello che è successo è stato l’equivalente di un ricatto, con gli USA che tenevano il mondo in ostaggio e tentavano di rovesciare quasi 40 anni di consenso sul modo migliore di proteggere la salute dei neonati e dei bambini».

Dopo lo smantellamento dell’eredità verde di Obama e l’uscita dall’accordo di Parigi sul clima, la tendenza dell’amministrazione americana resta quella di ignorare la ricerca scientifica indipendente. «Eravamo scioccati – ha dichiarato al New York Times un funzionario dell’Equador che ha chiesto di restare anonimo -. Non potevamo immaginare che una questione così piccola come l’allattamento al seno potesse provocare una reazione tanto drammatica».

LEGGI ANCHE: ALLATTAMENTO AL SENO, COME SFRUTTARE AL MEGLIO I BENEFICI

Articoli correlati
Esperti Oms: «Non ci sono prove che remdesivir funzioni con i pazienti ricoverati»
Secondo il Guideline Development Group dell'Oms non ci sono certezze che il Remdesivir funzioni, ma invitano a non interrompere gli studi. L'AIFA rivaluterà il suo utilizzo nella terapia
Il vaccino fa risalire la speranza. Ma il mondo è in piena seconda ondata
Nelle lista dei 10 paesi più colpiti dalla seconda ondata il primo posto è ancora degli Usa, ma l'Italia si trova al terzo. In Francia plateau raggiunto secondo il ministro della Salute, mentre il Regno Unito valuta la distribuzione della vitamina D
Epilessia, Oms: «Patologia globale dal forte impatto sociale»
Approvata dall’assemblea Oms risoluzione per contrastare gli effetti negativi su chi soffre di epilessia ed altri disturbi neurologici
Oms, il 2021 sarà l’anno internazionale della salute e degli operatori della sanità
Una decisione presa all'unanimità durante la 73esima Assemblea mondiale della sanità. Un omaggio rivolto a tutti i lavoratori della sanità, che quest'anno hanno sacrificato a volte anche la vita per la cura degli altri
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 novembre, sono 62.789.645 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.460.049 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli