Sanità internazionale 9 Luglio 2018 15:58

Perché gli USA hanno minacciato i Paesi favorevoli ad una risoluzione OMS sull’allattamento al seno

Gli Stati Uniti avrebbero provato a boicottare la risoluzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che incoraggia l‘allattamento al seno e limita il latte artificiale. A denunciare la vicenda è stato il New York Times, secondo il quale l’amministrazione USA avrebbe tentato di difendere gli interessi di aziende americane produttrici di latte artificiale, nonostante numerose ricerche abbiano […]

Perché gli USA hanno minacciato i Paesi favorevoli ad una risoluzione OMS sull’allattamento al seno

Gli Stati Uniti avrebbero provato a boicottare la risoluzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che incoraggia l‘allattamento al seno e limita il latte artificiale. A denunciare la vicenda è stato il New York Times, secondo il quale l’amministrazione USA avrebbe tentato di difendere gli interessi di aziende americane produttrici di latte artificiale, nonostante numerose ricerche abbiano ormai da tempo dimostrato che il latte materno offra molti più benefici alla mamma e al bambino dei surrogati, che non hanno le stesse proprietà e diventano pericolosi in alcuni Paesi del terzo mondo per la necessità di usare l’acqua, spesso inquinata.

Gli Stati Uniti avrebbero quindi prima tentato di modificare il testo della risoluzione, eliminando frasi come quelle che invitavano i governi a «proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento al seno» e a limitare la promozione di prodotti alimentari sostitutivi; poi sarebbero passati alle minacce contro Paesi poveri. Come l’Equador, che avrebbe rischiato ritorsioni commerciali e il ritiro dell’aiuto militare a stelle e strisce se avesse sostenuto la mozione. Marcia indietro ingranata, per lo stesso motivo, anche da almeno una dozzina di altri Paesi, prevalentemente dell’Africa e dell’America latina, come Messico e Uruguay, timorose di ‘vendette’ americane. Tentativi comunque non andati a buon fine, visto che poi la Russia ha presentato la misura e gli americani si sono guardati bene dal fare minacce.

«Eravamo sorpresi, sconcertati e anche rattristati» ha commentato Patti Rundall, la direttrice del gruppo britannico Baby Milk Action, che ha partecipato all’assemblea dell’OMS a Ginevra la scorsa primavera. «Quello che è successo è stato l’equivalente di un ricatto, con gli USA che tenevano il mondo in ostaggio e tentavano di rovesciare quasi 40 anni di consenso sul modo migliore di proteggere la salute dei neonati e dei bambini».

Dopo lo smantellamento dell’eredità verde di Obama e l’uscita dall’accordo di Parigi sul clima, la tendenza dell’amministrazione americana resta quella di ignorare la ricerca scientifica indipendente. «Eravamo scioccati – ha dichiarato al New York Times un funzionario dell’Equador che ha chiesto di restare anonimo -. Non potevamo immaginare che una questione così piccola come l’allattamento al seno potesse provocare una reazione tanto drammatica».

LEGGI ANCHE: ALLATTAMENTO AL SENO, COME SFRUTTARE AL MEGLIO I BENEFICI

Articoli correlati
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
World Health Day. Inquinamento killer, Miani (SIMA): «Ogni anno, uccide 13 mln di persone nel mondo»
I dati OMS: 9 persone su 10 respirano aria inquinata, 3,6 miliardi di individui non dispongono di servizi igienici adeguati, 2 miliardi non hanno acqua potabile. Il presidente della SIMA: «In Italia, le patologie cardiovascolari sono la prima causa di morte per inquinamento»
Ucraina: attacchi a ospedali e ambulanze, la denuncia dell’Oms
L'Oms ha dichiarato che, negli ultimi giorni, sono aumentati gli attacchi alle strutture sanitarie dell'Ucraina, come ospedali e ambulanze
Giornata Mondiale dell’Udito: adeguata formazione tra le sei raccomandazioni dell’OMS
Consulcesi lancia il corso per medici e operatori sanitari per la comunicazione con persone affette da deficit uditivi
Ossigeno in esaurimento in Ucraina: «Servono scorte, malati in pericolo». L’appello dell’OMS
Il dg OMS Ghebreyesus lancia l'appello per le forniture di ossigeno: malati oncologici, cronici e Covid sono in pericolo in Ucraina. Ai produttori di ossigeno manca anche la zeolite, prodotto di importazione fondamentale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali