Sanità internazionale 5 Gennaio 2021 14:58

Salute globale, i 10 obiettivi dell’OMS per il 2021

Quello appena terminato è stato «un anno devastante per la salute globale». La sintesi è dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che come da tradizione ha elencato i buoni propositi del 2021. Un decalogo di consigli, linee guida e raccomandazioni per affrontare al meglio le sfide che nel 2021 la sanità di tutto il mondo dovrà affrontare: […]

Salute globale, i 10 obiettivi dell’OMS per il 2021

Quello appena terminato è stato «un anno devastante per la salute globale». La sintesi è dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che come da tradizione ha elencato i buoni propositi del 2021. Un decalogo di consigli, linee guida e raccomandazioni per affrontare al meglio le sfide che nel 2021 la sanità di tutto il mondo dovrà affrontare:

OMS, gli obiettivi 2021

  • Una solidarietà globale per la sicurezza sanitaria di tutto il mondo
    L’OMS affiancherà gli Stati per fare in modo che migliorino la loro preparazione e risposta alle pandemie e alle emergenze sanitarie. Oltre ad assistere le comunità più vulnerabili, l’OMS creerà una “Bio Bank”, un sistema di raccolta globale di materiali patogeni e campioni clinici per facilitare lo sviluppo sicuro ed efficace di vaccini e farmaci.
  • Accelerare l’accesso ai test, ai farmaci e ai vaccini per il Covid
    «Assicurare questi strumenti a tutti i Sistemi sanitari del mondo sarà essenziale per porre fine alla pandemia e alla crisi economica che ha causato», il commento dell’Organizzazione. 2 miliardi di vaccini distribuiti, 245 milioni di trattamenti, 500 milioni di test nei Paesi a medio e basso reddito ed il rafforzamento dei sistemi sanitari: questi gli obiettivi principali da raggiungere nel 2021.
  • Una buona sanità per tutti
    Oltre alla sfida pandemica, l’OMS intende aiutare gli Stati ad assicurare servizi sanitari essenziali accessibili a tutti. Verrà lanciato un nuovo programma di sanità primaria, creato uno strumento per identificare i servizi di cui ogni Paese ha bisogno e lanciata una campagna per rafforzare il personale sanitario.
  • Combattere le disuguaglianze di salute
    Nel corso del 2021 verranno utilizzati i dati ad oggi disponibili per accelerare la copertura sanitaria universale e rispondere ai principali determinanti di salute.
  • Creare una leadership globale sui dati e la scienza
    L’Organizzazione Mondiale della Sanità monitorerà e valuterà gli ultimi sviluppi scientifici, legati non solo al Covid-19, per identificare le opportunità da sfruttare per migliorare la salute globale. Rafforzerà, inoltre, i dipartimenti interni in modo da assicurare al mondo le migliori raccomandazioni basate sulle evidenze.
  • Combattere le malattie trasmissibili
    La pandemia ha comportato rallentamenti e passi indietro nella lotta a malattie come poliomielite, AIDS, tubercolosi e malaria. Nel 2021, quindi, l’OMS si impegna ad aiutare i Paesi a procurarsi i vaccini contro queste patologie. Tra gli obiettivi dell’anno, anche la prevenzione, il controllo e l’eliminazione di 20 malattie tropicali neglette.
  • Lotta alla farmaco-resistenza
    La sconfitta delle malattie infettive passa da farmaci efficaci per curarle. Sarà quindi vitale, per l’OMS, proseguire il lavoro iniziato con la Food and Agricultural Organization e la World Organisation for Animal Health per combattere i batteri resistenti agli antibiotici. Questo è quanto si discuterà nei prossimi giorni nella prima riunione del nuovo Global Leadership Group for Antimicrobial Resistance.
  • Prevenire e curare malattie non trasmissibili e mentali
    Responsabili di 7 delle 10 principali cause di morte nel 2019, l’attenzione alla prevenzione e al trattamento delle malattie non trasmissibili sarà uno dei principali focus del 2021. Previsto uno sforzo particolare anche per la salute mentale, messa a dura prova dalle conseguenze della pandemia.
  • Ricostruire meglio
    «Il Covid-19 – spiega l’OMS – offre l’opportunità di ricostruire un mondo migliore, più sano e più verde». Tra gli obiettivi, quindi, non vengono dimenticati la lotta al cambiamento climatico e all’inquinamento.
  • Agire solidali
    «Dalla lotta al Covid-19 è emersa la necessità di dimostrare maggiore solidarietà tra nazioni, istituzioni, comunità e individui. Nel 2021 – conclude l’OMS – daremo priorità a questo, lavorando con i giovani, rafforzando ed espandendo le partnership con la società civile ed il settore privato e collaborando con la neonata Fondazione WHO».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I fumatori rischiano più degli altri di ammalarsi di Covid-19?
È una domanda che chiunque abbia il vizio o l’abitudine a consumare sigarette si sarà fatto almeno una volta durante questo anno di pandemia. La risposta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Origine virus, team Oms a Wuhan: «Servono ulteriori studi, ma laboratorio ipotesi meno probabile»
Arriva il primo report della missione Oms in Cina per trovare l'origine della pandemia. Ancora molti gli interrogativi, ma l'ipotesi di laboratorio sembra la meno indicata
Un trattato internazionale per prepararci alle prossime emergenze sanitarie
L'appello è stato firmato dai leader di 25 Paesi del mondo: «Rafforzare la capacità e la resilienza nazionali, regionali e globali. Nessuno può farcela da solo»
Covid-19, l’OMS boccia l’idrossiclorochina: «Ricerca si concentri su altri farmaci»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità: «No ad uso in prevenzione: non evita l’infezione e non riduce ricoveri e decessi»
Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»
La missione Oms in Cina finisce dopo quattro settimane di ricerche. Il team definisce "estremamente improbabile" l'origine in laboratorio, tornando sull'ipotesi zoonotica. Ma sull'animale ospite ci sono ancora dubbi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...