Sanità internazionale 21 Gennaio 2019

Il primo rapporto OMS sulla salute di migranti e rifugiati, che non portano malattie

Migranti e rifugiati arrivano in Europa in buona salute, ma gli spostamenti e le condizioni di vita nei Paesi ospitanti aumentano il rischio di malattie

Immagine articolo

Migranti e rifugiati arrivano in Europa in buona salute, ma gli spostamenti e le condizioni di vita nei Paesi ospitanti aumentano il rischio di malattie. È quanto emerge dal primo rapporto sulla salute dei migranti e dei migranti in Europa presentato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

CONSULTA QUI IL REPORT

In particolare, rifugiati e migranti soffrono meno di malattie non trasmissibili rispetto alle popolazioni ospitanti, ma il rischio di malattie cardiovascolari, ictus e cancro aumenta a cause delle condizioni di povertà in cui vivono dopo l’arrivo in uno dei 54 Paesi che compongono l’Europa dell’OMS. La limitata attività fisica ed il cibo poco salutare, poi, giocano la loro parte.

Per quanto riguarda le malattie infettive, gli spostamenti li rendono più vulnerabili a contrarle, ma dai dati emerge che il rischio di tubercolosi, ad esempio, aumenta in base alla presenza dell’infezione nella popolazione ospitante; similmente, una percentuale significativa di migranti affetti da HIV ha contratto la malattia dopo l’arrivo in Europa. E al contrario dell’opinione comune, il rischio che migranti trasmettano malattie alla popolazione ospitante è molto basso.

Da sottolineare, poi, il rischio minore corso da migranti e rifugiati di sviluppare qualunque forma di cancro, tranne quello alla cervice; tuttavia, in caso di tumore, la diagnosi viene fatta ad uno stato già avanzato, che porta a peggiori conseguenze sulla salute rispetto alla popolazione residente. Infine, i tassi di depressione e ansia di migranti e rifugiati sono superiori.

È quindi «necessario che migranti e rifugiati ricevano cure e assistenza sanitaria di qualità, come chiunque altro, per salvare vite e tagliare i costi dei trattamenti, ma anche per proteggere la salute dei cittadini», commenta il direttore regionale dell’OMS per l’Europa Zsuzsanna Jakab.

Il rapporto, redatto in collaborazione con l’Istituto italiano salute, migrazioni e povertà (INMP), si basa sullo studio di oltre 13mila documenti e, se da un lato certifica i progressi compiuti dagli stati per promuovere la salute di rifugiati e migranti, dall’altro offre anche strumenti, evidenze e casi di studio utili a tradurre i risultati della ricerca in linee guida e politiche volte a migliorare la salute delle popolazioni rifugiate e immigrate. Le indicazioni si concentrano in particolare sulla salute delle madri, dei neonati, dei bambini, e degli anziani, sulla promozione della salute e sulla salute mentale.

Si chiede, poi, agli stati OMS della regione europea di lavorare di più per offrire assistenza sanitaria a tutti, indipendentemente dallo status giuridico, per eliminare barriere culturali e linguistiche tra pazienti e professionisti sanitari, cui deve essere assicurata un’adeguata formazione per poter diagnosticare e gestire nel migliore dei modi le più comuni malattie infettive e non trasmissibili.

LEGGI ANCHE: MIGRANTI E MALATTIE, LA COMMISSIONE UCL-THE LANCET: «BINOMIO CHE SERVE SOLO A GIUSTIFICARE POLITICHE DI ESCLUSIONE»

Articoli correlati
OMS, al via l’assemblea a Ginevra. L’Italia chiede più trasparenza sul prezzo dei farmaci
L'Assemblea mondiale della Salute costituisce un forum unico e privilegiato di confronto, a livello internazionale, sui principali temi relativi alla salute globale
Prezzo farmaci, Grillo: «Serve maggiore trasparenza in tutta Europa». In Usa maxi causa contro case farmaceutiche
«Nei prossimi giorni a Ginevra ci sarà la discussione della nostra Risoluzione presso l’OMS», è l’annuncio del ministro della Salute, Giulia Grillo
I migranti non trasmettono malattie ma hanno difficoltà ad accedere alle cure: tutti i dati del rapporto Oms
I risultati del primo 'Rapporto sulla salute dei rifugiati e dei migranti nella Regione Europea dell'Oms' presentati oggi alla presenza del ministro Giulia Grillo. «A volte abbiamo preconcetti sulla salute dei migranti, ma ora abbiamo concrete basi scientifiche per ridurre i miti a riguardo», è il commento di Piroska Östlin, vicedirettore dell'OMS Europa in merito al Rapporto sulla salute dei rifugiati e dei migranti nella Regione Europea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
L’antimicrobico resistenza causerà 10 milioni di morti l’anno. Il rapporto e le raccomandazioni dell’ONU
Le Nazioni Unite e le agenzie internazionali chiedono agli Stati di intervenire per invertire la rotta di quella che si preannuncia una crisi disastrosa
Epatite C, Galli (Simit): «Oggi terapie hanno successo nel 97-98% dei casi. Ma malattia è subdola, serve piano per far emergere il sommerso»
L’Italia è al top nelle cure con quasi 180mila pazienti trattati, ma nel 2019 si esaurirà il fondo destinato ai farmaci innovativi. Il Presidente della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali, è intervenuto al convegno sul tema in Senato: «Non è una malattia soltanto del fegato, in qualche modo favorisce la possibilità che compaia il diabete e diminuisca efficienza dell’apparato cardiovascolare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...