Mondo 14 Gennaio 2019

Migranti e malattie, la Commissione UCL-The Lancet: «Binomio che serve solo a giustificare politiche di esclusione»

Frutto di due anni di lavoro e della collaborazione tra l’università di Londra e la celebre rivista scientifica, la Commissione ha condotto lo studio più completo sul legame tra migrazione e salute, invitando i governi a promuovere la salute nella mobilità globale

Immagine articolo

Sarà probabilmente una delle questioni su cui gli storici del futuro si soffermeranno più a lungo. E, stando così le cose, uno dei fenomeni per cui il ventunesimo secolo verrà ricordato, nel bene e nel male, sotto ogni possibile punto di vista e di analisi. Quelle dei migranti sono storie che ormai quotidianamente riempiono giornali, talk televisivi, social network e le bocche di tutti. Nel mondo un miliardo di persone, nel 2018, è emigrato. La maggior parte è rimasta nel suo Paese, mentre sono andati all’estero 258 milioni di persone. I rifugiati sono 22 milioni; coloro che sono stati costretti a spostarsi per guerre, disastri naturali e cambiamenti climatici 40 milioni. E al contrario di ciò che dicono i Paesi più ricchi, quello migratorio è un fenomeno che colpisce soprattutto i Paesi più poveri.

Avendo presente questi numeri, in Inghilterra ci si è domandato quali potessero essere le conseguenze delle migrazioni sulla salute. Dalla collaborazione tra lo University College London (UCL) e la rivista scientifica The Lancet, è quindi nata una Commissione su migrazione e salute, con l’obiettivo di presentare a governi, agenzie internazionali e professionisti evidenze volte a promuovere la salute nella mobilità globale. È il risultato di un progetto di due anni, condotto da 20 esperti mondiali provenienti da 13 Paesi. Include l’analisi di nuovi dati e ricerche originali, e rappresenta lo studio più completo sulle evidenze disponibili. Il report è stato presentato alla recente Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sul Global Compact.

Uno dei primi documenti pubblicati affronta lo stereotipo del migrante che porta le malattie. «Si tratta di miti dilaganti e pericolosi per gli individui e la società – scrive la Commissione -. Sono notizie infondate che hanno permesso ai governi di molti Paesi di introdurre politiche ostili e restrittive, inclusi la detenzione di migranti al confine statunitense o il rifiuto di cure mediche da parte del servizio sanitario britannico».

LEGGI ANCHE: ECM, FNOMCEO E OIS: SALUTE E MIGRANTI, UN CORSO GRATUITO PER TUTTI I MEDICI

«In realtà – prosegue la Commissione – non c’è alcuna associazione sistematica tra migrazione e malattie infettive, e i dati ci dicono che il rischio di trasmissione dalla popolazione migrante a quella ospitante è basso. Gli esempi recenti di diffusione di patogeni resistenti, al contrario, sono riconducibili più ai viaggi, al turismo internazionale e al movimento del bestiame, che alle migrazioni».

La Commissione chiede quindi ai governi di migliorare l’accesso dei migranti ai servizi, rafforzandone il diritto alla salute e combattendo i principali fattori che influiscono sul loro benessere fisico e psicologico, inclusi razzismo e discriminazione. Inoltre, la Commissione evidenzia i rischi della paura dell’espulsione dal Paese che li ospita, che può portarli a «non rivolgersi agli ospedali o ai medici in caso di bisogno, mettendo a rischio la propria salute e la salute pubblica. Medici e operatori sanitari non devono sentirsi agenti dell’immigrazione, ma devono lavorare per assicurare salute a tutti».

«Il modo in cui il mondo affronterà le migrazioni – commenta infine il presidente della Commissione Ibrahim Abubakar – determinerà la salute pubblica e la coesione sociale dei prossimi decenni. La creazione di sistemi di salute che integrino anche gli immigrati porterà benefici a tutta la comunità, con migliori risultati e risvolti positivi per tutta la popolazione».

LEGGI ANCHE: MARCO SIMONELLI (OIS): «PER I MEDICI ITALIANI NON È UN PROBLEMA CURARE I MIGRANTI. MA SI RICHIEDONO COMPETENZE SPECIFICHE E FORMAZIONE»

 

Articoli correlati
Giornata internazionale igienisti dentali: «Non rinunciate alla prevenzione per paura del covid-19»
«Il messaggio che mandiamo è forte e chiaro - spiega la presidente Antonella Abbinante - davanti al Covid-19 bisogna saper evolvere, non abbandonare i controlli per la salute»
Giornata Mondiale della vista, l’80% dei casi di cecità sono prevenibili
Questa mattina la conferenza stampa di presentazione dell’evento a cui seguirà una maratona in diretta streaming sulla pagina Facebook di IAPB Italia. Stirpe (Fondaz. Bietti): «L’organizzazione della sanità dovrà contenere il rischio contagio e trattare le urgenze delle quali l’epidemia ha ritardato la cura». Mariotti (OMS): «Senza una buona vista si rischia tre volte di più di ammalarsi di depressione e di avere incidenti stradali»
Dalla cottura dei cibi a come affrontare i disturbi del sonno, il vademecum FIMMG per i corretti stili di vita
Marrocco (FIMMG): «I comportamenti quotidiani 'arma' importante per superare problematiche»
The Lancet pubblica uno studio pro-idrossiclorochina. Negli Usa, tre stati cancellano il divieto sul farmaco. Cosa sta succedendo?
Idrossiclorochina, sì o no? Intervista al prof. Antonio Cassone, già Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell'ISS, sulle potenzialità del farmaco
di Peter D'Angelo
Amiloidosi cardiaca, diagnosticarla in tempo per gestirla al meglio. Presentato un documento di consenso tra associazioni di pazienti
Il progetto è stato realizzato dall’Osservatorio Malattie Rare con il contributo non condizionante di Pfizer e porta la firma di fAMY, Conacuore, Fondazione Italiana per il Cuore e UNIAMO FIMR Onlus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...