Mondo 14 Gennaio 2019

Migranti e malattie, la Commissione UCL-The Lancet: «Binomio che serve solo a giustificare politiche di esclusione»

Frutto di due anni di lavoro e della collaborazione tra l’università di Londra e la celebre rivista scientifica, la Commissione ha condotto lo studio più completo sul legame tra migrazione e salute, invitando i governi a promuovere la salute nella mobilità globale

Immagine articolo

Sarà probabilmente una delle questioni su cui gli storici del futuro si soffermeranno più a lungo. E, stando così le cose, uno dei fenomeni per cui il ventunesimo secolo verrà ricordato, nel bene e nel male, sotto ogni possibile punto di vista e di analisi. Quelle dei migranti sono storie che ormai quotidianamente riempiono giornali, talk televisivi, social network e le bocche di tutti. Nel mondo un miliardo di persone, nel 2018, è emigrato. La maggior parte è rimasta nel suo Paese, mentre sono andati all’estero 258 milioni di persone. I rifugiati sono 22 milioni; coloro che sono stati costretti a spostarsi per guerre, disastri naturali e cambiamenti climatici 40 milioni. E al contrario di ciò che dicono i Paesi più ricchi, quello migratorio è un fenomeno che colpisce soprattutto i Paesi più poveri.

Avendo presente questi numeri, in Inghilterra ci si è domandato quali potessero essere le conseguenze delle migrazioni sulla salute. Dalla collaborazione tra lo University College London (UCL) e la rivista scientifica The Lancet, è quindi nata una Commissione su migrazione e salute, con l’obiettivo di presentare a governi, agenzie internazionali e professionisti evidenze volte a promuovere la salute nella mobilità globale. È il risultato di un progetto di due anni, condotto da 20 esperti mondiali provenienti da 13 Paesi. Include l’analisi di nuovi dati e ricerche originali, e rappresenta lo studio più completo sulle evidenze disponibili. Il report è stato presentato alla recente Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sul Global Compact.

Uno dei primi documenti pubblicati affronta lo stereotipo del migrante che porta le malattie. «Si tratta di miti dilaganti e pericolosi per gli individui e la società – scrive la Commissione -. Sono notizie infondate che hanno permesso ai governi di molti Paesi di introdurre politiche ostili e restrittive, inclusi la detenzione di migranti al confine statunitense o il rifiuto di cure mediche da parte del servizio sanitario britannico».

LEGGI ANCHE: ECM, FNOMCEO E OIS: SALUTE E MIGRANTI, UN CORSO GRATUITO PER TUTTI I MEDICI

«In realtà – prosegue la Commissione – non c’è alcuna associazione sistematica tra migrazione e malattie infettive, e i dati ci dicono che il rischio di trasmissione dalla popolazione migrante a quella ospitante è basso. Gli esempi recenti di diffusione di patogeni resistenti, al contrario, sono riconducibili più ai viaggi, al turismo internazionale e al movimento del bestiame, che alle migrazioni».

La Commissione chiede quindi ai governi di migliorare l’accesso dei migranti ai servizi, rafforzandone il diritto alla salute e combattendo i principali fattori che influiscono sul loro benessere fisico e psicologico, inclusi razzismo e discriminazione. Inoltre, la Commissione evidenzia i rischi della paura dell’espulsione dal Paese che li ospita, che può portarli a «non rivolgersi agli ospedali o ai medici in caso di bisogno, mettendo a rischio la propria salute e la salute pubblica. Medici e operatori sanitari non devono sentirsi agenti dell’immigrazione, ma devono lavorare per assicurare salute a tutti».

«Il modo in cui il mondo affronterà le migrazioni – commenta infine il presidente della Commissione Ibrahim Abubakar – determinerà la salute pubblica e la coesione sociale dei prossimi decenni. La creazione di sistemi di salute che integrino anche gli immigrati porterà benefici a tutta la comunità, con migliori risultati e risvolti positivi per tutta la popolazione».

LEGGI ANCHE: MARCO SIMONELLI (OIS): «PER I MEDICI ITALIANI NON È UN PROBLEMA CURARE I MIGRANTI. MA SI RICHIEDONO COMPETENZE SPECIFICHE E FORMAZIONE»

 

Articoli correlati
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Tecnologia in medicina: l’American Society for Gastrointestinal Endoscopy premia Giovanni Di Napoli
Giovanni Di Napoli, vicepresidente e General Manager di Medtronic – multinazionale che opera nel settore della tecnologia medica con 360 sedi in 160 paesi – ha ricevuto dall’American Society for Gastrointestinal Endoscopy (ASGE) il prestigioso Crystal Awards Honoree nella categoria dei servizi industrali. A questo proposito, Di Napoli ha dichiarato che per lui lo spirito […]
Salute nelle città, Andrea Lenzi: «Dopo l’emergenza servirà un health city manager»
Andrea Lenzi, direttore del dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza e presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio: «Abbiamo dimenticato il legame fra medicina e territorio»
di Tommaso Caldarelli
Antonio Scala, Big Data in Health Society: «Serve un monitoraggio attivo sul COVID-19 da affidare ai MMG»
Maria Luisa Chiusano, Università di Napoli: «La ricerca molecolare riapre il dibattito sul ruolo dei farmaci RAAS-Inibitori – ACE Inibitori e Sartani – nel contenere la carica virale nel COVID-19. Minore abbondanza di ACE-2 sulla membrana ed eventuali frammenti liberi che catturino in anticipo il virus, limiterebbero l’attacco sulla membrana cellulare»
Coronavirus, il ministero della Salute: «Al via bando per la ricerca su Covid-19»
«Ciascun progetto selezionato potrà ricevere fino ad un milione di euro, dei 7 milioni complessivamente stanziati» spiega il ministero. Speranza: «Priorità alle proposte in grado di evidenziare, già nella presentazione dei dati preliminari, l’applicabilità dei risultati ai processi di cura»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...