Sanità internazionale 14 Gennaio 2019

NHS, medici connessi 7 giorni su 7: l’assistenza in Inghilterra si fa ‘online’. Ecco come si combatte la Brexit

Visiteranno i pazienti anche la sera e nei fine settimana. Si tratta dei medici di famiglia inglesi che secondo le linee guida del nuovo piano sanitario annunciate da Theresa May nei giorni scorsi, offriranno assistenza 7 giorni su 7 senza essere presenti in studio ma connessi ‘online’. I medici generici inglesi saranno connessi su Skype, […]

Visiteranno i pazienti anche la sera e nei fine settimana. Si tratta dei medici di famiglia inglesi che secondo le linee guida del nuovo piano sanitario annunciate da Theresa May nei giorni scorsi, offriranno assistenza 7 giorni su 7 senza essere presenti in studio ma connessi ‘online’.

I medici generici inglesi saranno connessi su Skype, FaceTime e piattaforme simili, per visitare virtualmente gli assistiti e abbattere le lunghe attese e i sovraffollamenti nelle strutture sanitarie. Secondo il Ministero della Salute britannico questa svolta tecnologica apporterà un enorme beneficio al NHS che, nei prossimi 5 anni, vedrà convertite almeno trenta milioni di visite mediche da fisiche a virtuali. «La tecnologia rivoluzionerà il sistema e lo renderà ancora più efficiente», è il pronostico del ministro della Salute, Matt Hancock.

Il programma non fa una piega a parte per le emergenze sanitarie che «ovviamente continueranno ad essere gestite in ospedale», spiega Simon Stevens, capo del NHS inglese in un’intervista al Time. Stevens ha inoltre specificato che «i casi urgenti saranno ospedalizzati ma il contatto virtuale costante tra medico e paziente, permetterà di facilitare gli interventi anche nel momento del ricovero». Il direttore inoltre ha parlato di una impellente necessità di ‘svecchiare’ il sistema che da circa 70 anni procede con il meccanismo «obsoleto e insostenibile» caratterizzato dagli appuntamenti ospedalieri.

LEGGI ANCHE: TECNOLOGIA, IN ITALIA TELEMEDICINA NON SPICCA IL VOLO. FERRARIS (ITALTEL): «PROBLEMA DI GOVERNANCE, SERVE PIÙ SENSIBILITÀ»

Non mancano le polemiche, in prima fila a rappresentare lo scetticismo di alcune frange della popolazione c’è Joyce Robins dell’associazione Patient Concern che ha dichiarato alla stampa inglese che la volontà di virtualizzare l’assistenza potrebbe mandare in confusione molte persone, soprattutto anziani e disabili che «non capiranno più quello che succede. Il contatto con il medico è indispensabile soprattutto per quel target più delicato che in questo modo verrà messo in pericolo di vita».

Intanto sulla riforma sanitaria si allunga l’ombra della Brexit che inevitabilmente porterà una diminuzione importante di personale. Già si parla di un buco di 100mila unità in organico nei prossimi anni, che potrebbero diventare 250mila entro il 2040, se la tendenza non cambierà. Ecco perché la volontà di virtualizzare l’assistenza sanitaria potrebbe tornare vantaggiosa in momenti di crisi.

Articoli correlati
Covid-19, in Gran Bretagna arriva la “regola del 6”
In Inghilterra, Scozia e Galles è vietato creare assembramenti composti da più di sei persone
Cesareo vs parto naturale, libera scelta o decisione del medico? Il caso della Gran Bretagna raccontato dalla giornalista Clare Wilson
La Wilson sostiene con convinzione la libertà di scelta delle mamme, ed il "maternity scandal" che si è verificato nel Regno Unito sta cambiando l'approccio degli inglesi al tema delle nascite. In Italia, in assenza di una appropriata indicazione clinica, il medico ha il diritto di rifiutare una richiesta di taglio cesareo programmato
Coronavirus, Consiglio dei Ministri proclama Stato di Emergenza per sei mesi: «È conseguenza della dichiarazione dell’OMS»
Il Cdm ha inoltre varato uno stanziamento di cinque milioni di euro. Ieri annunciati i primi due casi in Italia: due turisti cinesi provenienti da Wuhan
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...