Sanità internazionale 14 Gennaio 2019

NHS, medici connessi 7 giorni su 7: l’assistenza in Inghilterra si fa ‘online’. Ecco come si combatte la Brexit

Visiteranno i pazienti anche la sera e nei fine settimana. Si tratta dei medici di famiglia inglesi che secondo le linee guida del nuovo piano sanitario annunciate da Theresa May nei giorni scorsi, offriranno assistenza 7 giorni su 7 senza essere presenti in studio ma connessi ‘online’. I medici generici inglesi saranno connessi su Skype, […]

Visiteranno i pazienti anche la sera e nei fine settimana. Si tratta dei medici di famiglia inglesi che secondo le linee guida del nuovo piano sanitario annunciate da Theresa May nei giorni scorsi, offriranno assistenza 7 giorni su 7 senza essere presenti in studio ma connessi ‘online’.

I medici generici inglesi saranno connessi su Skype, FaceTime e piattaforme simili, per visitare virtualmente gli assistiti e abbattere le lunghe attese e i sovraffollamenti nelle strutture sanitarie. Secondo il Ministero della Salute britannico questa svolta tecnologica apporterà un enorme beneficio al NHS che, nei prossimi 5 anni, vedrà convertite almeno trenta milioni di visite mediche da fisiche a virtuali. «La tecnologia rivoluzionerà il sistema e lo renderà ancora più efficiente», è il pronostico del ministro della Salute, Matt Hancock.

Il programma non fa una piega a parte per le emergenze sanitarie che «ovviamente continueranno ad essere gestite in ospedale», spiega Simon Stevens, capo del NHS inglese in un’intervista al Time. Stevens ha inoltre specificato che «i casi urgenti saranno ospedalizzati ma il contatto virtuale costante tra medico e paziente, permetterà di facilitare gli interventi anche nel momento del ricovero». Il direttore inoltre ha parlato di una impellente necessità di ‘svecchiare’ il sistema che da circa 70 anni procede con il meccanismo «obsoleto e insostenibile» caratterizzato dagli appuntamenti ospedalieri.

LEGGI ANCHE: TECNOLOGIA, IN ITALIA TELEMEDICINA NON SPICCA IL VOLO. FERRARIS (ITALTEL): «PROBLEMA DI GOVERNANCE, SERVE PIÙ SENSIBILITÀ»

Non mancano le polemiche, in prima fila a rappresentare lo scetticismo di alcune frange della popolazione c’è Joyce Robins dell’associazione Patient Concern che ha dichiarato alla stampa inglese che la volontà di virtualizzare l’assistenza potrebbe mandare in confusione molte persone, soprattutto anziani e disabili che «non capiranno più quello che succede. Il contatto con il medico è indispensabile soprattutto per quel target più delicato che in questo modo verrà messo in pericolo di vita».

Intanto sulla riforma sanitaria si allunga l’ombra della Brexit che inevitabilmente porterà una diminuzione importante di personale. Già si parla di un buco di 100mila unità in organico nei prossimi anni, che potrebbero diventare 250mila entro il 2040, se la tendenza non cambierà. Ecco perché la volontà di virtualizzare l’assistenza sanitaria potrebbe tornare vantaggiosa in momenti di crisi.

Articoli correlati
NHS, il piano di Theresa May: «L’obiettivo è diventare miglior sistema al mondo». E su Brexit: «Libererà fondi per pagare spese»
«Un momento storico per i pazienti di tutta la nazione», così il primo ministro britannico, Theresa May, ha presentato il piano sanitario a lungo termine per il National Health Service presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool. L’obiettivo secondo la May è farlo diventare «un ottimo servizio sanitario, il migliore al mondo», riconoscendo nel contempo che […]
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...