Sanità internazionale 8 Gennaio 2019

NHS, il piano di Theresa May: «L’obiettivo è diventare miglior sistema al mondo». E su Brexit: «Libererà fondi per pagare spese»

«Un momento storico per i pazienti di tutta la nazione», così il primo ministro britannico, Theresa May, ha presentato il piano sanitario a lungo termine per il National Health Service presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool. L’obiettivo secondo la May è farlo diventare «un ottimo servizio sanitario, il migliore al mondo», riconoscendo nel contempo che […]

«Un momento storico per i pazienti di tutta la nazione», così il primo ministro britannico, Theresa May, ha presentato il piano sanitario a lungo termine per il National Health Service presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool. L’obiettivo secondo la May è farlo diventare «un ottimo servizio sanitario, il migliore al mondo», riconoscendo nel contempo che il NHS ha affrontato nuove sfide tra le quali «una popolazione sempre più anziana» che richiede più «tempo e attenta pianificazione».

Il budget del nuovo piano dovrebbe aumentare di 20 miliardi di sterline l’anno, al di sopra dell’inflazione entro il 2023, anche se non è stata ancora fornita una spiegazione dettagliata riguardo la provenienza del denaro.

Impegni in materia di maternità, salute mentale, sostegno agli anziani e diagnosi precoce, saranno tra le priorità del programma che inoltre prenderà di mira i grandi killer: le malattie cardiache, il cancro e la demenza. Più tecnologia incentivando la telemedicina con l’obiettivo di diminuire le visite ambulatoriali e, quando possibile, sostituirle da chiamate Skype è l’altra indicazione data dalla May.

Sul fronte del personale sanitario risolvere la crisi è la massima urgenza, infatti con 100mila posti vacanti, la situazione attuale non è sostenibile. Una strategia per migliorare le condizioni lavorative della forza lavoro e garantire assunzioni e ripopolamento negli ospedali, è un impegno che il primo ministro si assume e su cui dichiara che prenderà provvedimenti nel corso dell’anno appena iniziato.

Da non trascurare la questione Brexit che allunga un’ombra d’incertezza sul sistema sanitario inglese – malessere ben espresso dalle numerose polemiche sollevate negli ultimi mesi – soprattutto sul fronte della fornitura di medicinali e dei visti di lavoro.

«La Brexit ha liberato i fondi per pagare l’aumento delle spese del servizio sanitario nazionale», così il primo ministro ha risposto a chi, durante la conferenza stampa all’Alder Hey, poneva dubbi sull’efficacia del percorso che porrà fine all’adesione del Regno Unito all’Unione europea. L’affermazione della May è stata giudicata controversa dall’opinione pubblica e dalla maggior parte dei giornali inglesi, immediate anche le reazioni della politica con in prima fila il segretario alla salute Matt Hancock che ha dichiarato alla BBC: «Abbiamo bisogno di reclutare di più, formare di più e anche mantenere le persone nel sistema sanitario nazionale che stanno lavorando così duramente». Ancor più aspra la reazione di Jon Ashworth, il ministro ombra per la Salute e gli Affari sociali: «Il Servizio sanitario nazionale ha bisogno di un piano credibile e pienamente finanziato per il futuro, non di una lista dei desideri per aiutare Theresa May a superare i prossimi mesi».

Articoli correlati
Cesareo vs parto naturale, libera scelta o decisione del medico? Il caso della Gran Bretagna raccontato dalla giornalista Clare Wilson
La Wilson sostiene con convinzione la libertà di scelta delle mamme, ed il "maternity scandal" che si è verificato nel Regno Unito sta cambiando l'approccio degli inglesi al tema delle nascite. In Italia, in assenza di una appropriata indicazione clinica, il medico ha il diritto di rifiutare una richiesta di taglio cesareo programmato
Coronavirus, Consiglio dei Ministri proclama Stato di Emergenza per sei mesi: «È conseguenza della dichiarazione dell’OMS»
Il Cdm ha inoltre varato uno stanziamento di cinque milioni di euro. Ieri annunciati i primi due casi in Italia: due turisti cinesi provenienti da Wuhan
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
Brexit, rapporto National Audit Office mette in guardia: fornitura medicinali a rischio con no deal
Con l’avvicinarsi del 31 ottobre, data prevista per la Brexit, non è chiaro se il sistema sanitario nazionale (Nhs) britannico riuscirà a gestire l’impatto di un possibile no-deal. È quanto sottolineato nel rapporto del National Audit Office, citato dal Guardian, secondo il quale ci sono ancora rischi dal momento che il Dipartimento della Salute ha […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco