Sanità internazionale 8 gennaio 2019

NHS, il piano di Theresa May: «L’obiettivo è diventare miglior sistema al mondo». E su Brexit: «Libererà fondi per pagare spese»

«Un momento storico per i pazienti di tutta la nazione», così il primo ministro britannico, Theresa May, ha presentato il piano sanitario a lungo termine per il National Health Service presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool. L’obiettivo secondo la May è farlo diventare «un ottimo servizio sanitario, il migliore al mondo», riconoscendo nel contempo che […]

«Un momento storico per i pazienti di tutta la nazione», così il primo ministro britannico, Theresa May, ha presentato il piano sanitario a lungo termine per il National Health Service presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool. L’obiettivo secondo la May è farlo diventare «un ottimo servizio sanitario, il migliore al mondo», riconoscendo nel contempo che il NHS ha affrontato nuove sfide tra le quali «una popolazione sempre più anziana» che richiede più «tempo e attenta pianificazione».

Il budget del nuovo piano dovrebbe aumentare di 20 miliardi di sterline l’anno, al di sopra dell’inflazione entro il 2023, anche se non è stata ancora fornita una spiegazione dettagliata riguardo la provenienza del denaro.

Impegni in materia di maternità, salute mentale, sostegno agli anziani e diagnosi precoce, saranno tra le priorità del programma che inoltre prenderà di mira i grandi killer: le malattie cardiache, il cancro e la demenza. Più tecnologia incentivando la telemedicina con l’obiettivo di diminuire le visite ambulatoriali e, quando possibile, sostituirle da chiamate Skype è l’altra indicazione data dalla May.

Sul fronte del personale sanitario risolvere la crisi è la massima urgenza, infatti con 100mila posti vacanti, la situazione attuale non è sostenibile. Una strategia per migliorare le condizioni lavorative della forza lavoro e garantire assunzioni e ripopolamento negli ospedali, è un impegno che il primo ministro si assume e su cui dichiara che prenderà provvedimenti nel corso dell’anno appena iniziato.

Da non trascurare la questione Brexit che allunga un’ombra d’incertezza sul sistema sanitario inglese – malessere ben espresso dalle numerose polemiche sollevate negli ultimi mesi – soprattutto sul fronte della fornitura di medicinali e dei visti di lavoro.

«La Brexit ha liberato i fondi per pagare l’aumento delle spese del servizio sanitario nazionale», così il primo ministro ha risposto a chi, durante la conferenza stampa all’Alder Hey, poneva dubbi sull’efficacia del percorso che porrà fine all’adesione del Regno Unito all’Unione europea. L’affermazione della May è stata giudicata controversa dall’opinione pubblica e dalla maggior parte dei giornali inglesi, immediate anche le reazioni della politica con in prima fila il segretario alla salute Matt Hancock che ha dichiarato alla BBC: «Abbiamo bisogno di reclutare di più, formare di più e anche mantenere le persone nel sistema sanitario nazionale che stanno lavorando così duramente». Ancor più aspra la reazione di Jon Ashworth, il ministro ombra per la Salute e gli Affari sociali: «Il Servizio sanitario nazionale ha bisogno di un piano credibile e pienamente finanziato per il futuro, non di una lista dei desideri per aiutare Theresa May a superare i prossimi mesi».

Articoli correlati
NHS, medici connessi 7 giorni su 7: l’assistenza in Inghilterra si fa ‘online’. Ecco come si combatte la Brexit
Visiteranno i pazienti anche la sera e nei fine settimana. Si tratta dei medici di famiglia inglesi che secondo le linee guida del nuovo piano sanitario annunciate da Theresa May nei giorni scorsi, offriranno assistenza 7 giorni su 7 senza essere presenti in studio ma connessi ‘online’. I medici generici inglesi saranno connessi su Skype, […]
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano