Sanità internazionale 8 Gennaio 2019

NHS, il piano di Theresa May: «L’obiettivo è diventare miglior sistema al mondo». E su Brexit: «Libererà fondi per pagare spese»

«Un momento storico per i pazienti di tutta la nazione», così il primo ministro britannico, Theresa May, ha presentato il piano sanitario a lungo termine per il National Health Service presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool. L’obiettivo secondo la May è farlo diventare «un ottimo servizio sanitario, il migliore al mondo», riconoscendo nel contempo che […]

«Un momento storico per i pazienti di tutta la nazione», così il primo ministro britannico, Theresa May, ha presentato il piano sanitario a lungo termine per il National Health Service presso l’ospedale Alder Hey di Liverpool. L’obiettivo secondo la May è farlo diventare «un ottimo servizio sanitario, il migliore al mondo», riconoscendo nel contempo che il NHS ha affrontato nuove sfide tra le quali «una popolazione sempre più anziana» che richiede più «tempo e attenta pianificazione».

Il budget del nuovo piano dovrebbe aumentare di 20 miliardi di sterline l’anno, al di sopra dell’inflazione entro il 2023, anche se non è stata ancora fornita una spiegazione dettagliata riguardo la provenienza del denaro.

Impegni in materia di maternità, salute mentale, sostegno agli anziani e diagnosi precoce, saranno tra le priorità del programma che inoltre prenderà di mira i grandi killer: le malattie cardiache, il cancro e la demenza. Più tecnologia incentivando la telemedicina con l’obiettivo di diminuire le visite ambulatoriali e, quando possibile, sostituirle da chiamate Skype è l’altra indicazione data dalla May.

Sul fronte del personale sanitario risolvere la crisi è la massima urgenza, infatti con 100mila posti vacanti, la situazione attuale non è sostenibile. Una strategia per migliorare le condizioni lavorative della forza lavoro e garantire assunzioni e ripopolamento negli ospedali, è un impegno che il primo ministro si assume e su cui dichiara che prenderà provvedimenti nel corso dell’anno appena iniziato.

Da non trascurare la questione Brexit che allunga un’ombra d’incertezza sul sistema sanitario inglese – malessere ben espresso dalle numerose polemiche sollevate negli ultimi mesi – soprattutto sul fronte della fornitura di medicinali e dei visti di lavoro.

«La Brexit ha liberato i fondi per pagare l’aumento delle spese del servizio sanitario nazionale», così il primo ministro ha risposto a chi, durante la conferenza stampa all’Alder Hey, poneva dubbi sull’efficacia del percorso che porrà fine all’adesione del Regno Unito all’Unione europea. L’affermazione della May è stata giudicata controversa dall’opinione pubblica e dalla maggior parte dei giornali inglesi, immediate anche le reazioni della politica con in prima fila il segretario alla salute Matt Hancock che ha dichiarato alla BBC: «Abbiamo bisogno di reclutare di più, formare di più e anche mantenere le persone nel sistema sanitario nazionale che stanno lavorando così duramente». Ancor più aspra la reazione di Jon Ashworth, il ministro ombra per la Salute e gli Affari sociali: «Il Servizio sanitario nazionale ha bisogno di un piano credibile e pienamente finanziato per il futuro, non di una lista dei desideri per aiutare Theresa May a superare i prossimi mesi».

Articoli correlati
NHS, medici connessi 7 giorni su 7: l’assistenza in Inghilterra si fa ‘online’. Ecco come si combatte la Brexit
Visiteranno i pazienti anche la sera e nei fine settimana. Si tratta dei medici di famiglia inglesi che secondo le linee guida del nuovo piano sanitario annunciate da Theresa May nei giorni scorsi, offriranno assistenza 7 giorni su 7 senza essere presenti in studio ma connessi ‘online’. I medici generici inglesi saranno connessi su Skype, […]
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...