Sanità internazionale 6 Settembre 2016 12:13

I medici internisti ospedalieri si lamentano: «Non veniamo rispettati»

“Non siamo stagisti!”. Negli Stati Uniti i medici internisti ospedalieri si sono sfogati pubblicamente denunciando di non essere rispettati da colleghi e pazienti. Lo conferma una recente ricerca del “Today’s Hospitalist”, secondo cui circa il 70% dei rispondenti non si sente tenuto nella dovuta considerazione: «In pratica –  afferma Amir Emami, un medico internista ospedaliero […]

“Non siamo stagisti!”. Negli Stati Uniti i medici internisti ospedalieri si sono sfogati pubblicamente denunciando di non essere rispettati da colleghi e pazienti. Lo conferma una recente ricerca del “Today’s Hospitalist”, secondo cui circa il 70% dei rispondenti non si sente tenuto nella dovuta considerazione: «In pratica –  afferma Amir Emami, un medico internista ospedaliero che sta lavorando per creare un sindacato che tuteli lui e i suoi colleghi – siamo i segretari di tutti: siamo stati svalutati e facciamo solo quello che gli altri non vogliono fare ma che non ci compete». Inoltre il medico internista verrebbe spesso utilizzato come tramite tra medico e paziente, con conseguenze negative sulla qualità della comunicazione e quindi sulla salute del paziente. Il dottor John Nelson, esperto di medicina ospedaliera dopo averla praticata per 30 anni, spiega le buone pratiche che, se correttamente adottate, permetterebbero a questi medici di migliorare la loro condizione lavorativa: evitare di adottare un atteggiamento vittimista; assumere le proprie responsabilità; mettere in pratica i buoni valori della cittadinanza; trovare una nicchia in cui svilupparsi; enfatizzare la professionalità anche tramite l’abbigliamento; stabilire relazioni attraverso uscite o pranzi insieme ai colleghi; essere consapevole dei propri aspetti positivi e negativi; comunicare con gli altri colleghi tenendo presente sempre la qualità della presa a carico del paziente. Il dottor Nelson però ricorda che i programmi dei medici internisti ospedalieri sono recenti e alcuni medici sono ancora restii a cedere il controllo dei loro pazienti ai medici internisti ospedalieri perché non ne comprendono i benefici: «È per questo che la loro condizione deve essere accettata così com’ è, non precludendo la possibilità di poterla migliorare».

Articoli correlati
Usa e Gb temporeggiano sulla vaccinazione dei bambini più piccoli
Gli Stati Uniti rimandano la decisione di estendere la vaccinazione ai bambini dai 6 mesi di vita ai 4 anni, mentre il Regno Unito ritarda la sua approvazione alla vaccinazione della fascia d'età 5-11 anni
Il vaccino con birra in omaggio. Ecco come nel mondo si convincono i più scettici
Alcolici ma anche ciambelle, buoni sconto, premi. Dopo il boom iniziale che ha portato alcuni Paesi a vaccinare a tappeto si pensano modi alternativi per attirare più persone possibile
Negli Usa oltre 2500 decessi al giorno per Covid. Un medico italiano: «Politica scellerata, unica salvezza il vaccino per tutti»
Francesca Polverino, pneumologa in Arizona: «Vorrei che gli italiani fossero più responsabili, noi in Usa siamo l’esempio di cosa può accadere se il lockdown non viene fatto o rispettato»
di Federica Bosco
Elezioni Usa, cosa pensano Biden e Trump della sanità?
Poco più di venti giorni all’election day: come cambierà il sistema sanitario USA fra una presidenza democratica o repubblicana
di Tommaso Caldarelli
«Stanchi, depressi e con la paura che l’incubo ritorni». Gli internisti tracciano identikit sopravvissuti al Covid
Presentato al Congresso FADOI il modello di day hospital per gli ex pazienti Covid già adottato da Liguria e Toscana, ma che potrebbe essere esteso al resto d’Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...