Sanità internazionale 3 Giugno 2020

La Cina ha ritardato il rilascio di informazioni sul Coronavirus (e l’OMS lo sapeva)

Le autorità cinesi hanno fatto il possibile per limitare il diffondersi del Coronavirus all’esterno dei suoi confini? Sono state precise e puntuali nel comunicare all’esterno tutte le informazioni necessarie per mettere in allarme i governi e i sistemi sanitari del resto del mondo? Secondo un’inchiesta dell’Associated Press, la risposta è no, e l’OMS (Organizzazione Mondiale […]

Le autorità cinesi hanno fatto il possibile per limitare il diffondersi del Coronavirus all’esterno dei suoi confini? Sono state precise e puntuali nel comunicare all’esterno tutte le informazioni necessarie per mettere in allarme i governi e i sistemi sanitari del resto del mondo? Secondo un’inchiesta dell’Associated Press, la risposta è no, e l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) lo sapeva.

Secondo l’AP, per tutto il mese di gennaio, l’OMS ha pubblicamente elogiato la Cina per la sua “risposta rapida al nuovo Coronavirus”, ringraziando più volte il governo cinese per aver condiviso la mappa genetica del virus “immediatamente”, aggiungendo che il suo lavoro e il suo impegno per la trasparenza sono stati “impressionanti”.

Dietro le quinte, però, la storia sarebbe molto diversa. L’Associated Press racconta di ritardi significativi da parte della Cina e di una notevole frustrazione tra i funzionari dell’OMS per non aver ottenuto in tempi rapidi le informazioni di cui avevano bisogno per combattere la diffusione del virus.

Nonostante i pubblici complimenti, infatti, la Cina avrebbe impiegato più di una settimana per comunicare la mappa genetica del virus, dopo che tre diversi laboratori governativi avevano completamente decodificato le informazioni. Secondo diverse interviste e documenti interni, la colpa era dei controlli rigorosi sull’informazione e sulla concorrenza all’interno del sistema sanitario pubblico cinese.

I funzionari dell’OMS hanno lodato la Cina in pubblico perché, secondo AP, volevano ottenere maggiori informazioni dal governo. In privato, infatti, nel corso delle riunioni della settimana del 6 gennaio, si sarebbero lamentati del fatto che la Cina non condivideva dati sufficienti per valutare i danni del virus alle persone o il rischio che il Covid-19 poteva rappresentare per il resto del mondo, perdendo tempo prezioso.

Secondo questo scenario, l’agenzia avrebbe cercato di ottenere in tempi rapidi più informazioni. Nessuna collusione con la Cina, dunque (come sostenuto da Trump): l’OMS era all’oscuro delle informazioni detenute dagli esperti cinesi. Tuttavia, l’Organizzazione avrebbe cercato di ritrarre la Cina nel modo migliore agli occhi del mondo, al fine di assicurarsi più informazioni e per convincerla a collaborare di più.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»
Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridurre la capienza dei mezzi pubblici. Ma dico no a un nuovo lockdown». Poi ammonisce: «Attenzione a dimenticare le altre patologie o rischiamo guai peggiori»
Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»
«Gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio, soprattutto per i pazienti fragili»
Covid-19, Boldi-Cavandoli-Murelli (Lega): «Governo sblocchi terapie ferme per burocrazia»
Le tre deputate della Lega chiedono di sbloccare le terapie a base di idrossiclorochina e plasma iperimmune
Perdita di capelli a ciocche o chiazze completamente glabre? L’alopecia può essere colpa del Covid
L’esperto: «Il 30% di chi ha contratto il virus, a distanza di tre mesi, soffre di alopecia. Anche lo stress da pandemia può causare una perdita consistente di capelli. Necessario affrontare il problema prima che si trasformi in un forte disagio psicologico»
di Isabella Faggiano
In Italia il contact tracing non funziona. Le Asl in difficoltà da nord a sud
Solo 9 mila tracciatori nel nostro paese e oltre il 33% dei nuovi casi senza un link epidemiologico, ovvero fuori dal contact tracing. Nelle Asl emergono le criticità su tamponi e gestione posti letto, a Napoli non c'è più posto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...