Sanità internazionale 3 Giugno 2020

La Cina ha ritardato il rilascio di informazioni sul Coronavirus (e l’OMS lo sapeva)

Le autorità cinesi hanno fatto il possibile per limitare il diffondersi del Coronavirus all’esterno dei suoi confini? Sono state precise e puntuali nel comunicare all’esterno tutte le informazioni necessarie per mettere in allarme i governi e i sistemi sanitari del resto del mondo? Secondo un’inchiesta dell’Associated Press, la risposta è no, e l’OMS (Organizzazione Mondiale […]

Le autorità cinesi hanno fatto il possibile per limitare il diffondersi del Coronavirus all’esterno dei suoi confini? Sono state precise e puntuali nel comunicare all’esterno tutte le informazioni necessarie per mettere in allarme i governi e i sistemi sanitari del resto del mondo? Secondo un’inchiesta dell’Associated Press, la risposta è no, e l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) lo sapeva.

Secondo l’AP, per tutto il mese di gennaio, l’OMS ha pubblicamente elogiato la Cina per la sua “risposta rapida al nuovo Coronavirus”, ringraziando più volte il governo cinese per aver condiviso la mappa genetica del virus “immediatamente”, aggiungendo che il suo lavoro e il suo impegno per la trasparenza sono stati “impressionanti”.

Dietro le quinte, però, la storia sarebbe molto diversa. L’Associated Press racconta di ritardi significativi da parte della Cina e di una notevole frustrazione tra i funzionari dell’OMS per non aver ottenuto in tempi rapidi le informazioni di cui avevano bisogno per combattere la diffusione del virus.

Nonostante i pubblici complimenti, infatti, la Cina avrebbe impiegato più di una settimana per comunicare la mappa genetica del virus, dopo che tre diversi laboratori governativi avevano completamente decodificato le informazioni. Secondo diverse interviste e documenti interni, la colpa era dei controlli rigorosi sull’informazione e sulla concorrenza all’interno del sistema sanitario pubblico cinese.

I funzionari dell’OMS hanno lodato la Cina in pubblico perché, secondo AP, volevano ottenere maggiori informazioni dal governo. In privato, infatti, nel corso delle riunioni della settimana del 6 gennaio, si sarebbero lamentati del fatto che la Cina non condivideva dati sufficienti per valutare i danni del virus alle persone o il rischio che il Covid-19 poteva rappresentare per il resto del mondo, perdendo tempo prezioso.

Secondo questo scenario, l’agenzia avrebbe cercato di ottenere in tempi rapidi più informazioni. Nessuna collusione con la Cina, dunque (come sostenuto da Trump): l’OMS era all’oscuro delle informazioni detenute dagli esperti cinesi. Tuttavia, l’Organizzazione avrebbe cercato di ritrarre la Cina nel modo migliore agli occhi del mondo, al fine di assicurarsi più informazioni e per convincerla a collaborare di più.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Fisici medici, Stasi (AIFM): «Bene Dl Rilancio ma vera parità solo con contratti anche per gli specializzandi non medici»
Nel Dl Rilancio estesa la possibilità di accedere ai concorsi per la dirigenza sanitaria a partire dal penultimo anno di specializzazione anche per gli specializzandi non medici. Sulla carenza di personale il presidente Stasi: «Ci mancano circa 280-300 fisici medici, cioè il 27-30%»
Walter Ricciardi: «Senza Mes e la partita europea l’Italia è morta»
Il consigliere del ministero della Salute per l'emergenza Covid-19: «Servono assunzioni, e questo regionalismo differenziato in sanità non ha mai funzionato bene»
di Tommaso Caldarelli
“Il rumore del silenzio”, un libro per dar voce ai milanesi protagonisti dell’emergenza
Il presidente di Milano Cities Changing Diabetes che ha ideato il progetto: «30% dei malati di diabete vittime del coronavirus. Al via lo studio per capire come funzionano i servizi nell’era Covid»
di Federica Bosco
Covid-19, Speranza: «Divieto di ingresso per chi arriva da Paesi a rischio»
«Nel mondo la pandemia è nella sua fase più acuta. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti dagli italiani in questi mesi. È per questo che abbiamo scelto la linea della massima prudenza»
Cos’è la terapia EMDR e perché può aiutare il personale sanitario a combattere lo stress post-Covid
Fernandez (Associazione EMDR): «Sono sufficienti poche sedute per aiutare ad elaborare l’impatto emotivo di alcune situazioni stressanti o traumatiche. L’EMDR non cancellerà i ricordi, ma eliminerà le sensazioni negative ad essi associate»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)