Sanità internazionale 23 Aprile 2019

«Io, il cancro e il Trono di Spade…»

«Quando mi hanno diagnosticato un cancro incurabile, ho pensato che avrei potuto non scoprire come finisce la saga»

«La cosa più strana che accade quando riceviamo brutte notizie è che i nostri pensieri non seguono esattamente il corso che immagineremmo. Ad esempio, quando mi hanno detto che il cancro al seno che avevo sconfitto due anni fa era improvvisamente ricomparso al fegato ed era incurabile, la prima cosa che mi è passata per la testa non erano mio marito o i miei figli, ma “oddio, forse non scoprirò mai come finisce il Trono di Spade”».

La critica televisiva inglese Sarah Hughes inizia così il suo articolo pubblicato sul Guardian. Farà sorridere, potrà sembrare insensibile o irrispettoso, si penserà che si tratta di un raro caso di fan particolarmente appassionato alle vicende di Westeros, ma basta una rapida ricerca su Google per rendersi conto che lottare contro il cancro (anche) per riuscire a conoscere la fine del Trono di Spade sia un atteggiamento più diffuso di quanto si possa immaginare.

Ad esempio gli amici di Angela, a cui è stato diagnosticato un cancro al colon e detto che le rimangono solo 2 o 3 mesi di vita, hanno creato una petizione sulla piattaforma Change.org  per chiedere alla produzione della serie di mostrarle in anteprima l’ultima stagione. Per quel che ne sappiamo potrebbe anche essere un fake, ma intanto oltre 6mila persone hanno firmato, e centinaia di queste hanno pubblicato commenti in cui le dimostrano la loro vicinanza e comprensione (chiedendole però di non spoilerare il finale, qualora il suo desiderio venisse avverato).

LEGGI ANCHE: L’INVERNO STA ARRIVANDO. COSA IL SISTEMA SANITARIO AMERICANO PUO’ IMPARARE DA “IL TRONO DI SPADE”

«Superato il trauma del Trono di Spade – continua a scrivere Sarah -, ho iniziato a pensare a tutte le cose che avrei potuto non finire. Le altre serie TV lasciate incomplete, i film non visti, la musica non ascoltata. Quando mi hanno detto che il mio scrittore preferito avrebbe pubblicato il suo nuovo libro l’anno successivo, non ho pensato “che bello, non vedo l’ora di leggerlo”, ma “chissà se ci sarò per leggerlo”. Ho anche pensato che se la mia squadra di calcio, il Tottenham Hotspur, dovesse vincere qualcosa a breve, potrei non esserci per festeggiare e ricambiare una vita di sofferenze».

«Ma bisogna accettare che a notizie di questo tipo ognuno reagisce a suo modo – continua Sarah -. C’è chi migliora l’alimentazione e butta carne rossa, patatine e cioccolata per far spazio a verza, curcuma e lamponi; c’è chi si concentra sullo sport e fa di tutto per rendere il proprio corpo più forte e atletico possibile; c’è chi tenta sport estremi e prova a sentirsi più vivo, chi vuole semplicemente stendersi nel letto e passare così il tempo che rimane e chi decide di proseguire la sua vita come se nulla fosse accaduto». Ma una cosa, di certo, vale per tutti, sani o malati che siano: Valar Morghulis.

Articoli correlati
Oncologia, Stefania Gori (Aiom): «Bene supporto psicologico, puntare su prevenzione: può abbattere del 40% diagnosi di tumore»
La presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica ha presentato in Senato il rapporto. Promossa l’assistenza psiconcologica: «È garantita in molte strutture oncologiche ma nella maggior parte dei casi è sostenuta dal volontariato o dalle associazioni dei pazienti in quanto non ci sono psiconcologi strutturati in tutte le oncologie italiane». E chiede alla politica di occuparsi dei bisogni assistenziali dei 3 milioni 400mila italiani che hanno avuto un tumore
Estetica oncologica, al Policlinico San Matteo di Pavia l’evento “Aver cura di sé per aver cura degli altri”
Giovedì 28 marzo 2019 alle ore 11.00, presso l’atrio d’ingresso del Day Hospital del Reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia ci sarà l’evento “Aver cura di sé per aver cura degli altri. L’estetica oncologica come strumento di supporto psicosociale per pazienti e genitori”. L’evento nasce nell’ambito del Programma Internazionale per l’Oncologia […]
Ripartire dopo il cancro, il make up artist Pablo Gil Gagnè: «Così aiuto le donne a ritrovare la propria femminilità dopo la malattia»
«Innanzitutto, do indicazioni sulla cura della pelle che, a causa delle pesanti cure, risulta spenta e inspessita; quindi mi dedico allo sguardo. Per chi non ha manualità, insegno, con l’ausilio dello stencil, a disegnare le sopracciglia, a scegliere la tonalità di colore giusto per la propria fisionomia e per i propri colori», racconta a Sanità Informazione il famoso truccatore allievo di Gil Cagnè
di Federica Bosco
Roma, si accende la Fontana dei Quattro Fiumi per la giornata contro il cancro
Oggi si celebra la Giornata mondiale per la lotta al cancro (World cancer day- WCD), promossa dall’Unione internazionale contro il cancro (Uicc) e sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In occasione della Giornata, il ministro della Salute Giulia Grillo, il sottosegretario al ministero della Salute Armando Bartolazzi, il direttore generale dell’IFO Francesco Ripa di Meana e i direttori […]
La storia del probiotico che doveva curare il cancro
di Johann Rossi Mason – Giornalista Medico Scientifico
di Johann Rossi Mason – Giornalista Medico Scientifico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...