Sanità internazionale 23 Aprile 2019

«Io, il cancro e il Trono di Spade…»

«Quando mi hanno diagnosticato un cancro incurabile, ho pensato che avrei potuto non scoprire come finisce la saga»

«La cosa più strana che accade quando riceviamo brutte notizie è che i nostri pensieri non seguono esattamente il corso che immagineremmo. Ad esempio, quando mi hanno detto che il cancro al seno che avevo sconfitto due anni fa era improvvisamente ricomparso al fegato ed era incurabile, la prima cosa che mi è passata per la testa non erano mio marito o i miei figli, ma “oddio, forse non scoprirò mai come finisce il Trono di Spade”».

La critica televisiva inglese Sarah Hughes inizia così il suo articolo pubblicato sul Guardian. Farà sorridere, potrà sembrare insensibile o irrispettoso, si penserà che si tratta di un raro caso di fan particolarmente appassionato alle vicende di Westeros, ma basta una rapida ricerca su Google per rendersi conto che lottare contro il cancro (anche) per riuscire a conoscere la fine del Trono di Spade sia un atteggiamento più diffuso di quanto si possa immaginare.

Ad esempio gli amici di Angela, a cui è stato diagnosticato un cancro al colon e detto che le rimangono solo 2 o 3 mesi di vita, hanno creato una petizione sulla piattaforma Change.org  per chiedere alla produzione della serie di mostrarle in anteprima l’ultima stagione. Per quel che ne sappiamo potrebbe anche essere un fake, ma intanto oltre 6mila persone hanno firmato, e centinaia di queste hanno pubblicato commenti in cui le dimostrano la loro vicinanza e comprensione (chiedendole però di non spoilerare il finale, qualora il suo desiderio venisse avverato).

LEGGI ANCHE: L’INVERNO STA ARRIVANDO. COSA IL SISTEMA SANITARIO AMERICANO PUO’ IMPARARE DA “IL TRONO DI SPADE”

«Superato il trauma del Trono di Spade – continua a scrivere Sarah -, ho iniziato a pensare a tutte le cose che avrei potuto non finire. Le altre serie TV lasciate incomplete, i film non visti, la musica non ascoltata. Quando mi hanno detto che il mio scrittore preferito avrebbe pubblicato il suo nuovo libro l’anno successivo, non ho pensato “che bello, non vedo l’ora di leggerlo”, ma “chissà se ci sarò per leggerlo”. Ho anche pensato che se la mia squadra di calcio, il Tottenham Hotspur, dovesse vincere qualcosa a breve, potrei non esserci per festeggiare e ricambiare una vita di sofferenze».

«Ma bisogna accettare che a notizie di questo tipo ognuno reagisce a suo modo – continua Sarah -. C’è chi migliora l’alimentazione e butta carne rossa, patatine e cioccolata per far spazio a verza, curcuma e lamponi; c’è chi si concentra sullo sport e fa di tutto per rendere il proprio corpo più forte e atletico possibile; c’è chi tenta sport estremi e prova a sentirsi più vivo, chi vuole semplicemente stendersi nel letto e passare così il tempo che rimane e chi decide di proseguire la sua vita come se nulla fosse accaduto». Ma una cosa, di certo, vale per tutti, sani o malati che siano: Valar Morghulis.

Articoli correlati
Gli oncologi: «Fondamentali potenziamento cure territoriali, assistenza domiciliare, telemedicina e reti oncologiche»
Non è necessario ribadire quanto l’emergenza Covid-19 abbia pesato sui malati oncologici, sono i dati a parlare. Diagnosi e biopsie dimezzate, 64% di interventi chirurgici con ritardi e il 57% di visite in meno dei pazienti. Intervenire è urgente e per questo noi di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi, abbiamo stilato un documento […]
di i presidenti di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi
Cancro e Covid-19, il presidente Aiom: «Deve riprendere lo screening o rischiamo di trovare malattie difficilmente curabili»
Giordano Beretta fa il punto sulla fase 2: ripresa delle attività chirurgiche, reti oncologiche in collaborazione con il territorio e una forte ripresa del sistema diagnostico, per imparare dall'emergenza
di Gloria Frezza
Screening oncologici rimandati per Covid-19, studio Nomisma: «Recuperare 4 milioni di test»
Per le ricercatrici non si tornerà alla normalità prima di settembre e allora, per rimettersi in pari con gli anni passati, andranno fatti 1,2 milioni di test mammografici, 1,1 milioni di test cervicali e 1,6 milioni di colorettali
Covid-19, le preoccupazioni dei malati oncologici. Iannelli (FAVO): «Ora percorsi protetti per limitare rischio contagio»
Molti pazienti invitati a rimanere a casa per evitare il contagio, ma la sospensione delle terapie non è sostenibile a lungo. Elisabetta Iannelli, Segretario generale della Federazione Italiana delle Associazioni di volontariato in Oncologia: «Spesso i malati si sono sentiti abbandonati a se stessi»
Cancro, gli oncologi: «Creare ospedali COVID19 a bassa incidenza per continuare a curarlo»
SICO-AIOM-AIRO sul trattamento delle neoplasie in regime di emergenza COVID-19: «Chiediamo una tempestiva riorganizzazione dei presidi al fine di poter continuare ad effettuare interventi di chirurgia oncologica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco