Sanità internazionale 11 Gennaio 2022 12:51

Nessuno vuole guidare l’OMS: la rielezione di Ghebreyesus è l’unica opzione possibile

Sostenuto da 28 degli Stati membri dell’Organizzazione mondiale della sanità, Ghebreyesus è l’unico candidato per il mandato 2022-27 alla direzione dell’OMS

Nessuno vuole guidare l’OMS: la rielezione di Ghebreyesus è l’unica opzione possibile

L’attuale direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, è l’unico candidato per la guida dell’OMS anche per il nuovo mandato 2022-2027. Il prossimo 25 gennaio il comitato esecutivo dovrebbe nominarlo pro forma per la rielezione a maggio. La sua rielezione “scontata” premia la leadership dimostrata negli anni di pandemia da Covid-19 e si punta probabilmente a mantenere una coerenza.

Nel 2017 Ghebreyesus vinse le elezioni contro altri cinque candidati, divenendo il primo africano a guidare l’OMS. Da allora ha inaugurato la prima divisione scientifica e creato un programma per rispondere a epidemie di malattie infettive ed altre emergenze sanitarie. Riforme che hanno dovuto affrontare subito dopo un’epidemia di Ebola nel 2018 e poi quella di Covid nel 2020.

Le motivazioni possibili

Non è comunque la prima volta che un dg OMS si candida per un secondo mandato senza trovare opposizione. Normalmente gli stati membri dell’OMS propongono i propri candidati nell’anno precedente all’elezione. Nel 2022 sono 28 gli Stati favorevoli al prosieguo del suo mandato. Una curiosità è che il suo paese, l’Etiopia, non lo ha nominato. Forse per le posizioni forti prese dal leader contro il conflitto tra governo etiope e Tigray, regione settentrionale del paese da cui lui proviene. In 160 non hanno nominato nessuno, comprese Cina e Stati Uniti. Il che potrebbe corrispondere, secondo i ricercatori della rivista Nature, a una tacita approvazione del candidato unico. «In generale, non si vuole mai cambiare leadership durante una guerra» ha detto Amanda Glassman, vicepresidente esecutivo del Center for Global Development di Washington DC.

Critiche e lodi al leader OMS

Ghebreyesus ha saputo conquistarsi l’ammirazione di molti nella comunità sanitaria globale. Battendosi sempre strenuamente per un approccio equo alla distribuzione dei vaccini, specie nei luoghi del mondo in cui non era possibile produrli. Lo ha fatto convincendo 194 stati membri dell’OMS ad andare avanti per realizzare un accordo sulla prossima risposta alle future epidemie.

La vera sfida era superare il disappunto di quei ricercatori che lo hanno accusato di aver rilasciato troppo in ritardo l’avvertimento pubblico dell’OMS sulla gravità e pericolosità del nuovo coronavirus. Altri invece hanno rivolto critiche all’Organizzazione per non essere stata abbastanza dura con la Cina, che ha segnalato con molto ritardo e poca attenzione i primi casi di Covid-19, nonché ha collaborato molto poco alle indagini sull’origine. Questo atteggiamento aveva addirittura portato l’ex presidente USA Donald Trump a uscire dall’OMS. Salvo poi il ritorno per gli Stati Uniti con il presidente Joe Biden.

Ghebreyesus resta comunque il primo candidato nella storia dell’OMS ad essere stato nominato da oltre 25 paesi, anche l’OMS ora più che mai chiede una leadership stabile.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
World Health Day. Inquinamento killer, Miani (SIMA): «Ogni anno, uccide 13 mln di persone nel mondo»
I dati OMS: 9 persone su 10 respirano aria inquinata, 3,6 miliardi di individui non dispongono di servizi igienici adeguati, 2 miliardi non hanno acqua potabile. Il presidente della SIMA: «In Italia, le patologie cardiovascolari sono la prima causa di morte per inquinamento»
Ucraina: attacchi a ospedali e ambulanze, la denuncia dell’Oms
L'Oms ha dichiarato che, negli ultimi giorni, sono aumentati gli attacchi alle strutture sanitarie dell'Ucraina, come ospedali e ambulanze
Giornata Mondiale dell’Udito: adeguata formazione tra le sei raccomandazioni dell’OMS
Consulcesi lancia il corso per medici e operatori sanitari per la comunicazione con persone affette da deficit uditivi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi