Sanità internazionale 28 Maggio 2018 15:42

Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi

Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]

Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri del contagio: sono 58 i casi di ebola, (28 confermati, 21 probabili e 9 sospetti), inclusi i tre operatori sanitari contagiati dal virus, e 27 le morti già registrate. Sono tre le Regioni colpite: Bikoro (con 29 casi), Iboko (con 22 casi) e Wangata (con 7 casi).

I contatti registrati sono più di 600, pazienti che sono seguiti e monitorati dai medici e le autorità che stanno affrontando la crisi sul campo. Da segnalare, inoltre, il caso di tre pazienti affetti da ebola che hanno lasciato il centro dove erano curati e isolati per recarsi, insieme alle loro famiglie, in una chiesa di Mbandaka, una città di un milione di abitanti. Due di questi pazienti sono in seguito morti, mentre il terzo è riuscito a rientrare nel centro di cura. I medici temono, tuttavia, la rapida diffusione del virus per contagio. Non essendoci infatti una cura, l’isolamento è la strada principale per evitare che l’emergenza si trasformi in un’epidemia ancor più grave.

LEGGI ANCHE: EBOLA È TORNATA. ROBERTO CAUDA (GEMELLI): «IN REALTÀ IL VIRUS NON SE N’È MAI ANDATO, C’È SEMPRE STATO» 

L’ultima crisi ha però consentito una migliore preparazione di autorità e operatori sanitari, più consapevoli dei rischi e delle principali problematiche da affrontare nel corso dell’emergenza. E, in particolare, a differenza della scorsa epidemia, oggi sono disponibili i vaccini: sono 8640 le dosi già consegnate in Congo, a cui se ne dovrebbero aggiungere ulteriori 8mila nei prossimi giorni.

L’OMS sta lavorando a stretto contatto con il Ministero della Salute del Congo e della Guinea, Medici Senza Frontiere, l’Unicef e Gavi the Vaccine Alliance. Insieme, stanno vaccinando la popolazione più esposta al rischio di contagio. Inoltre, tra le priorità vi sono anche il rafforzamento della sorveglianza, il controllo e la prevenzione delle infezioni e il coordinamento delle diverse azioni. Tutte le organizzazioni coinvolte stanno aiutando il Ministero per rendere le comunità coinvolte più consapevoli dei rischi, insegnando loro a riconoscere i primi sintomi di ebola e cercare cure e trattamenti efficaci.

«Il rischio di diffusione è molto alto a livello nazionale – si legge nel bollettino – e alto a livello regionale. Nove paesi confinanti sono stati avvertiti dell’alta probabilità di contagio, e hanno rafforzato le procedure di controllo. Al momento il rischio di diffusione globale è considerato basso». Inoltre, l’OMS continua a sconsigliare qualunque restrizione a viaggi o al commercio internazionale da e per il Paese colpito. Ritenuta, tuttavia, di particolare importanza l’esecuzione di screening a coloro che lasciano il Paese.

Articoli correlati
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale
Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...