Sanità internazionale 7 Gennaio 2020

Medicina spaziale, astronauta sulla Iss curato da medico negli Stati Uniti

È un caso estremo di telemedicina, quello che ha permesso ad un astronauta in missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss) di essere curato da un medico negli Stati Uniti. Non si conosce il nome del paziente, che è tornato sulla Terra, ma sappiamo quello del medico: Stephen Moll dell’Università del Nord Carolina, che un giorno […]

Immagine articolo

È un caso estremo di telemedicina, quello che ha permesso ad un astronauta in missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss) di essere curato da un medico negli Stati Uniti. Non si conosce il nome del paziente, che è tornato sulla Terra, ma sappiamo quello del medico: Stephen Moll dell’Università del Nord Carolina, che un giorno è stato chiamato dalla Nasa perché un astronauta in orbita intorno alla Terra, a 400 chilometri di distanza, ha scoperto di avere un embolo nella vena giugulare. Agli astronauti era infatti stato chiesto di farsi un’ecografia al collo per un progetto di ricerca sulla ridistribuzione dei fluidi del corpo in assenza di gravità.

«La Nasa mi ha chiamato dicendomi che non potevano mandarmi nello spazio abbastanza in fretta, quindi ho valutato il caso ed il trattamento dalla Terra», ha raccontato il dottor Moll al Daily Mail.

È la prima volta che una trombosi venosa profonda viene diagnosticata nello spazio. «Una situazione complessa, perché i farmaci a bordo della Iss sono pochi, e prelevare fluidi in assenza di gravità è particolarmente complesso. E poi non c’erano precedenti, non era stato stabilito un trattamento utile per le condizioni in cui si trovava il paziente», ha continuato Moll.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

LEGGI ANCHE: TELEMEDICINA, SANTORO (ISTITUTO MARIO NEGRI): «DALLA RIABILITAZIONE ALL’ADERENZA TERAPEUTICA, ECCO DOVE SI PUO’ APPLICARE»

«Generalmente, per evitare che l’embolo cresca e diminuire il rischio che si sposti, vengono somministrati anticoagulanti per almeno tre mesi. Ma in questo caso sarebbe stato difficile fermare un’eventuale emorragia interna. Sapendo che nello spazio non ci sono sale operatorie, abbiamo dovuto valutare tutte le opzioni con molta attenzione», ha ricordato il medico.

Moll ed il team di esperti che hanno lavorato al caso hanno quindi deciso di far somministrare all’astronauta un farmaco presente a bordo della Stazione Spaziale, il cui dosaggio non era tuttavia sufficiente. Dopo tre giorni, è stata inviata una navicella con i rifornimenti necessari. L’intera cura è durata 90 giorni e periodicamente l’astronauta doveva farsi da solo un’ecografia del collo, sotto la guida dei radiologi sulla Terra.

Dopo il rientro a casa, il dottor Moll ha visitato il paziente stabilendone la guarigione. Adesso lavora con la Nasa per studiare il rischio di emboli in assenza di gravità e le migliori opzioni di trattamento. I risultati delle sue prime ricerche sono state pubblicate sul New England Journal of Medicine.  

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Farmaci, a Pavia sperimentazione su informatizzazione nella somministrazione ai pazienti a letto
Il Dg dell’ASST di Pavia Michele Brait spiega: «Questo consente una riduzione dell’errore, della tracciabilità della malattia, somministrazione di farmaci monodose con un valore aggiunto in termini di risparmio economico per quanto riguarda scaduti, scarti»
di Federica Bosco
Endocrinologia: in aumento l’uso della telemedicina. Le parole più cercate sono “menopausa” e “tiroide”
Associazione Medici Endocrinologi (AME) rivela i dati delle piattaforme di telemedicina. L’identikit dell’utente: il 60% è donna e vive in città
Telemedicina, Santoro (Istituto Mario Negri): «Dalla riabilitazione all’aderenza terapeutica, ecco dove si può applicare»
Il responsabile del laboratorio di informatica medica dell'IRCCS “Mario Negri” sottolinea che in Italia bisognerebbe fare di più: «Gli investimenti arrivano prevalentemente dal settore privato, il settore pubblico è ancora molto indietro». Oltre 250mila le app che interessano la salute
Telemedicina e cooperazione: la sfida, vinta, dalla Onlus GHT di Michelangelo Bartolo
GHT è un servizio di teleconsulto multi-specialistico e gratuito attivo in 15 paesi, curato da un pool di specialisti europei che nasce per rispondere ai quesiti medici che arrivano dai luoghi più disagiati del mondo. Ci spiega tutto il medico fondatore Bartolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...