Sanità internazionale 7 Gennaio 2020

Medicina spaziale, astronauta sulla Iss curato da medico negli Stati Uniti

È un caso estremo di telemedicina, quello che ha permesso ad un astronauta in missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss) di essere curato da un medico negli Stati Uniti. Non si conosce il nome del paziente, che è tornato sulla Terra, ma sappiamo quello del medico: Stephen Moll dell’Università del Nord Carolina, che un giorno […]

Immagine articolo

È un caso estremo di telemedicina, quello che ha permesso ad un astronauta in missione sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss) di essere curato da un medico negli Stati Uniti. Non si conosce il nome del paziente, che è tornato sulla Terra, ma sappiamo quello del medico: Stephen Moll dell’Università del Nord Carolina, che un giorno è stato chiamato dalla Nasa perché un astronauta in orbita intorno alla Terra, a 400 chilometri di distanza, ha scoperto di avere un embolo nella vena giugulare. Agli astronauti era infatti stato chiesto di farsi un’ecografia al collo per un progetto di ricerca sulla ridistribuzione dei fluidi del corpo in assenza di gravità.

«La Nasa mi ha chiamato dicendomi che non potevano mandarmi nello spazio abbastanza in fretta, quindi ho valutato il caso ed il trattamento dalla Terra», ha raccontato il dottor Moll al Daily Mail.

È la prima volta che una trombosi venosa profonda viene diagnosticata nello spazio. «Una situazione complessa, perché i farmaci a bordo della Iss sono pochi, e prelevare fluidi in assenza di gravità è particolarmente complesso. E poi non c’erano precedenti, non era stato stabilito un trattamento utile per le condizioni in cui si trovava il paziente», ha continuato Moll.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

LEGGI ANCHE: TELEMEDICINA, SANTORO (ISTITUTO MARIO NEGRI): «DALLA RIABILITAZIONE ALL’ADERENZA TERAPEUTICA, ECCO DOVE SI PUO’ APPLICARE»

«Generalmente, per evitare che l’embolo cresca e diminuire il rischio che si sposti, vengono somministrati anticoagulanti per almeno tre mesi. Ma in questo caso sarebbe stato difficile fermare un’eventuale emorragia interna. Sapendo che nello spazio non ci sono sale operatorie, abbiamo dovuto valutare tutte le opzioni con molta attenzione», ha ricordato il medico.

Moll ed il team di esperti che hanno lavorato al caso hanno quindi deciso di far somministrare all’astronauta un farmaco presente a bordo della Stazione Spaziale, il cui dosaggio non era tuttavia sufficiente. Dopo tre giorni, è stata inviata una navicella con i rifornimenti necessari. L’intera cura è durata 90 giorni e periodicamente l’astronauta doveva farsi da solo un’ecografia del collo, sotto la guida dei radiologi sulla Terra.

Dopo il rientro a casa, il dottor Moll ha visitato il paziente stabilendone la guarigione. Adesso lavora con la Nasa per studiare il rischio di emboli in assenza di gravità e le migliori opzioni di trattamento. I risultati delle sue prime ricerche sono state pubblicate sul New England Journal of Medicine.  

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Telemedicina, Alovisio (Università Torino): «Ecco i consigli per una cultura digitale in sanità»
«L’Italia è piena di buone pratiche che nessuno mette a sistema», spiega il fellow del centro Nexa dell'Università di Torino: «Serve cultura digitale»
di Tommaso Caldarelli
Telemedicina, l’innovazione in cardiologia è sempre più digitale
Il Professore Fabrizio Ammirati spiega come la telemedicina e l’intelligenza artificiale affrontano la patologia dello scompenso cardiaco che ogni anno interessa un numero di italiani superiore a quelli affetti da COVID-19
Telemedicina, partnership Valore in Sanità e Politecnico di Milano per studiarne le potenzialità nella sanità integrativa
In occasione dell’evento organizzato da Valore srl “Le politiche d’investimento degli investitori istituzionali: superare le avversità guardando al futuro”, durante la tavola rotonda dedicata alle opportunità di evoluzione del Sistema Sanitario Integrativo post Covid-19, Valore in Sanità ha presentato nuovi modelli di erogazione di prestazioni sanitarie basate sul digital health. «La rivoluzione digitale ha determinato […]
Dalla telemedicina un aiuto ai malati di epilessia. Mecarelli (Lice) alle Istituzioni: «Serve formazione»
Il presidente Lice: «Un nuovo lockdown farebbe meno paura ai malati di epilessia con il supporto specialistico a distanza»
di Federica Bosco
Scompenso cardiaco, Aisc: «Un milione di persone affette, ma numero in aumento»
Telemedicina e teleconsulti: nel 6° incontro nazionale annuale dal titolo “La gestione dello scompenso cardiaco nell’era post covid-19: parliamone con i pazienti” le associazioni di pazienti chiedono di rendere operativo il modello per patologie croniche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...