Sanità internazionale 3 maggio 2017

In Africa la prima campagna di vaccinazione su larga scala contro la malaria

Sono circa 430mila le persone che ogni anno muoiono a causa della malaria, malattia causata dalla puntura di alcune specie di zanzara. Il 92% di questi casi si registra in Africa. Ecco perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che in tre stati africani, Kenya, Ghana e Malawi, nel 2018 si darà il via […]

Sono circa 430mila le persone che ogni anno muoiono a causa della malaria, malattia causata dalla puntura di alcune specie di zanzara. Il 92% di questi casi si registra in Africa. Ecco perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che in tre stati africani, Kenya, Ghana e Malawi, nel 2018 si darà il via al primo progetto pilota che, in tre anni, porterà alla vaccinazione contro la malaria di circa 750 mila bambini tra i 5 e 17 mesi.

La scelta è caduta su questi tre Stati poiché annoverano un tasso di malati particolarmente elevato e, per limitare il problema, hanno già avviato dei programmi anti – malaria che stanno raggiungendo i primi risultati: grazie agli sforzi fatti negli ultimi 15 anni i decessi sono diminuiti del 62%. L’obiettivo, secondo l’OMS, è di continuare su questa strada e salvare migliaia di vite, riducendo di un terzo le infezioni più gravi e il ricovero di bambini per complicazioni, spesso molto gravi, legate alla malattia. Inoltre, il progetto è volto a valutare la reale efficacia del vaccino sul campo e la realizzabilità di una tale campagna su ampia scala. Il problema principale del vaccino, infatti, è legato alla necessità di somministrarne 4 diverse dosi, una al mese per tre mesi e un’altra dopo 18 mesi. Quest’ultima è la più importante, senza la quale l’efficacia della vaccinazione è notevolmente ridotta. La sfida sarà proprio far capire alle popolazioni l’importanza di sottoporsi a tutti e quattro i richiami e di seguire le indicazioni dei medici, permettendo loro di monitorare i pazienti e la situazione sanitaria generale delle regioni in cui verranno somministrate le dosi.

Saranno i governi dei tre Stati a stabilire quali aree del paese sottoporre al programma, dando ovviamente priorità alle zone con un rischio più elevato, rispettando comunque il coordinamento dell’OMS e di altre organizzazioni sanitarie. Il vaccino RTS,S-Mosquirix è stato sviluppato negli ultimi 25 anni dall’azienda farmaceutica inglese GlaxoSmithKline e finanziato in parte dalla fondazione di Bill e Melinda Gates. Si stima che sarà in grado di prevenire 4 casi di malaria su 10, insegnando al sistema immunitario come attaccare il parassita che causa la malattia.

ANCORA DAL MONDO….

Macron vs Le Pen. I due candidati alle Primarie francesi si sfidano a colpi di sanità. Atteso per domenica il verdetto finale. Intanto sul fronte sanità ecco le proposte: Marine Le Pen vuole aumentare il numero chiuso per l’accesso ai corsi universitari e per le specializzazioni, con l’obiettivo di frenare l’afflusso di medici dall’estero. Inoltre,  vuole avviare molti pensionamenti attesi”. Emmanuel Macron vuole risparmiare denaro eliminando la l’Aide Médicale d’Etat (AME), rinvigorire la lotta contro le frodi, ridurre il prezzo dei farmaci costosi e renderne altri rimborsabili. Ne parla francetvinfo.fr

Innovazione in medicina. Un tavolo virtuale per studiare l’anatomia del corpo umano. Si chiama Anatomage ed è il nuovo acquisto della Scuola di medicina dell’Università di Bari, presentato agli studenti nell’aula magna del Policlinico. Anatomage è una creatura della Silicon Valley, utilizzata da centinaia di atenei in tutto il mondo. Ne parla Repubblica.it

 

Articoli correlati
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila