Sanità internazionale 3 Maggio 2017 10:30

In Africa la prima campagna di vaccinazione su larga scala contro la malaria

Sono circa 430mila le persone che ogni anno muoiono a causa della malaria, malattia causata dalla puntura di alcune specie di zanzara. Il 92% di questi casi si registra in Africa. Ecco perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che in tre stati africani, Kenya, Ghana e Malawi, nel 2018 si darà il via […]

Sono circa 430mila le persone che ogni anno muoiono a causa della malaria, malattia causata dalla puntura di alcune specie di zanzara. Il 92% di questi casi si registra in Africa. Ecco perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che in tre stati africani, Kenya, Ghana e Malawi, nel 2018 si darà il via al primo progetto pilota che, in tre anni, porterà alla vaccinazione contro la malaria di circa 750 mila bambini tra i 5 e 17 mesi.

La scelta è caduta su questi tre Stati poiché annoverano un tasso di malati particolarmente elevato e, per limitare il problema, hanno già avviato dei programmi anti – malaria che stanno raggiungendo i primi risultati: grazie agli sforzi fatti negli ultimi 15 anni i decessi sono diminuiti del 62%. L’obiettivo, secondo l’OMS, è di continuare su questa strada e salvare migliaia di vite, riducendo di un terzo le infezioni più gravi e il ricovero di bambini per complicazioni, spesso molto gravi, legate alla malattia. Inoltre, il progetto è volto a valutare la reale efficacia del vaccino sul campo e la realizzabilità di una tale campagna su ampia scala. Il problema principale del vaccino, infatti, è legato alla necessità di somministrarne 4 diverse dosi, una al mese per tre mesi e un’altra dopo 18 mesi. Quest’ultima è la più importante, senza la quale l’efficacia della vaccinazione è notevolmente ridotta. La sfida sarà proprio far capire alle popolazioni l’importanza di sottoporsi a tutti e quattro i richiami e di seguire le indicazioni dei medici, permettendo loro di monitorare i pazienti e la situazione sanitaria generale delle regioni in cui verranno somministrate le dosi.

Saranno i governi dei tre Stati a stabilire quali aree del paese sottoporre al programma, dando ovviamente priorità alle zone con un rischio più elevato, rispettando comunque il coordinamento dell’OMS e di altre organizzazioni sanitarie. Il vaccino RTS,S-Mosquirix è stato sviluppato negli ultimi 25 anni dall’azienda farmaceutica inglese GlaxoSmithKline e finanziato in parte dalla fondazione di Bill e Melinda Gates. Si stima che sarà in grado di prevenire 4 casi di malaria su 10, insegnando al sistema immunitario come attaccare il parassita che causa la malattia.

ANCORA DAL MONDO….

Macron vs Le Pen. I due candidati alle Primarie francesi si sfidano a colpi di sanità. Atteso per domenica il verdetto finale. Intanto sul fronte sanità ecco le proposte: Marine Le Pen vuole aumentare il numero chiuso per l’accesso ai corsi universitari e per le specializzazioni, con l’obiettivo di frenare l’afflusso di medici dall’estero. Inoltre,  vuole avviare molti pensionamenti attesi”. Emmanuel Macron vuole risparmiare denaro eliminando la l’Aide Médicale d’Etat (AME), rinvigorire la lotta contro le frodi, ridurre il prezzo dei farmaci costosi e renderne altri rimborsabili. Ne parla francetvinfo.fr

Innovazione in medicina. Un tavolo virtuale per studiare l’anatomia del corpo umano. Si chiama Anatomage ed è il nuovo acquisto della Scuola di medicina dell’Università di Bari, presentato agli studenti nell’aula magna del Policlinico. Anatomage è una creatura della Silicon Valley, utilizzata da centinaia di atenei in tutto il mondo. Ne parla Repubblica.it

 

Articoli correlati
Oltre 45mila sanitari hanno rifiutato il vaccino anti-Covid. Scattano le sospensioni
In una lettera il Presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli, ricorda come l’Ordine di appartenenza sia solo un «mero esecutore» di provvedimenti adottati da altri, nello specifico la Asl, che procede con le sospensioni temporanee fino ad assolvimento dell’obbligo vaccinale
Vaccini anti-Covid in adolescenza: più rischi o benefici?
A Sanità Informazione il parere di Gabriella Pozzobon, presidente della Società italiana di medicina dell’adolescenza (Sima): «Come per gli adulti, la vaccinazione è consigliata soprattutto agli adolescenti fragili con comorbidità. Ad oggi, i dati a nostra disposizione sui vaccini anti-Covid negli adolescenti sono pochi e la possibilità di trarre conclusioni definitive risulta limitata»
di Isabella Faggiano
Report Gimbe, casi e morti scendono ancora. L’85% degli over 60 ha ricevuto almeno una dose, ma ora preoccupa la vaccinazione eterologa
In discesa per la nona settimana consecutiva casi, ospedalizzazioni e decessi. La vaccinazione in Italia procede con 46 milioni di dosi consegnate. Per Fondazione Gimbe su AstraZeneca e la vaccinazione eterologa però, Ministero della Salute e Aifa devono produrre una nota congiunta
Cocktail vaccini, Cifaldi: «Pochi studi, avventate le dichiarazioni sulla sicurezza»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM