Politica 10 Luglio 2020

Walter Ricciardi: «Senza Mes e la partita europea l’Italia è morta»

Il consigliere del ministero della Salute per l’emergenza Covid-19: «Servono assunzioni, e questo regionalismo differenziato in sanità non ha mai funzionato bene»

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

«L’Italia, se rinuncia al Mes e alla partita europea, è morta. Attualmente siamo al 160% del debito pubblico: o i cittadini lo capiscono adesso o lo capiranno quando arriva lo schiaffone dei licenziamenti, della povertà, addirittura della necessità di trovarsi da mangiare. Noi ovviamente vorremmo evitare tutto ciò, e per questo serve una leadership lungimirante». Lo ha detto Walter Ricciardi, consigliere del ministero della Salute per l’emergenza Covid-19, già presidente dell’ISS e responsabile sanità di Azione durante il webinar “Sanità – Cosa imparare dall’emergenza Covid-19” ospitato dall’ISPE – Istituto per la Promozione dell’Etica in Sanità. Un appuntamento che si è concentrato sull’analisi di cosa il sistema Italia ha imparato dall’emergenza coronavirus.

GLI INTERVENTI NECESSARI SECONDO WALTER RICCIARDI

«Abbiamo imparato che definanziare il SSN è come volare su un aeroplano avendo tolto i motori -ha continuato Ricciardi -. Spero che ora sia evidente che dobbiamo continuare sulla strada derivante da questa consapevolezza, assumere gli oltre 40mila fra medici e infermieri che non abbiamo potuto sostituire negli ultimi anni e pensare a come assumere i 53mila infermieri di cui siamo in carenza. Spero che si possano mettere in sicurezza gli ospedali fatiscenti che ci sono in tutta Italia, migliorare i reparti ospedalieri lavorando sulla dotazione di attrezzature e reingegnerizzare un tessuto sanitario che ha avuto danni e ferite».

Ha aggiunto Ricciardi: «L’emergenza ci ha dimostrato che chi aveva sul territorio i soli ospedali è andato meno bene di chi aveva le strutture per provvedere al tracking and tracing dei contagiati; mi chiedo allora se abbiamo imparato la lezione sulla frammentazione decisionale che porta solo danni».

«QUESTO REGIONALISMO NON PUÒ FUNZIONARE»

Nel 2002, spiega Walter Ricciardi, è stato aperto l’Osservatorio della Sanità presso l’Università del Sacro Cuore: «Sono insomma 18 anni che con tutti i nostri rapporti diciamo che questo regionalismo non può funzionare. Nessuno parla di un riaccentramento totale, ma questa geometria variabile differenziata non funziona e anche a Costituzione vigente, senza riforme di struttura, sarebbe possibile cambiare qualcosa: mi viene subito in mente la struttura della Medicina Generale che non può certo continuare così. Ho parlato con il direttore generale del presidio di Lodi. Mi ha detto che lui per parlare con i medici di Medicina Generale deve chiamarli uno ad uno: immaginatevi un generale d’esercito che durante la guerra parla con tutti i soldati per chiedergli se sono disposti ad avanzare».

CHE COSA ABBIAMO IMPARATO

«D’altro canto – ha concluso Ricciardi – c’è anche qualcosa che abbiamo imparato: ad esempio a seguire le evidenze scientifiche. So che si parla di stabilizzare e generalizzare la prassi dei comitati tecnici che abbiamo insediato per l’emergenza Covid. Abbiamo forse imparato che molti dei nostri professionisti migliori se ne sono andati e che noi il paziente “uno”, il manager lodigiano, l’abbiamo individuato grazie a degli studi bavaresi, perché in Germania ci sono ancora dei professionisti che sanno fare il tracking. Mi pare infine che ci siano delle Regioni che si stanno muovendo nella giusta direzione. Penso al Lazio che ha fatto degli sforzi interessantissimi, penso all’Emilia Romagna e a diversi altri esempi di buone pratiche sul territorio».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio
Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»
di Tommaso Caldarelli
La Fase 3 e l’aumento delle psicopatologie: l’importanza di medici e farmacisti
di Giacomo Cicalini, Farmacista
di Giacomo Cicalini, Direzione Tecnica Cofardis SpA
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 agosto, sono 18.288.573 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 693.805 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»