Politica 20 Agosto 2019

Veneto, scontro Burioni-Zaia su neolaureati in corsia. A settembre “proposta strong” su carenza medici

Il governatore leghista difende il provvedimento: «In questo momento storico sono a repentaglio servizi, reparti e forse anche ospedali: mancano 56mila in Italia e 1300 medici in Veneto, è grave». E annuncia provvedimento insieme a Bonaccini dell’Emilia-Romagna

La scelta della Regione Veneto di procedere all’assunzione di 500 medici neolaureati non specializzati da inserire nei reparti ospedalieri più carenti della regione continua a far discutere il mondo medico e il mondo politico. Se da un lato il governatore del Veneto Luca Zaia è determinato a difendere il provvedimento, dall’altro non mancano critiche molto dure come quella del virologo Roberto Burioni. Qualche giorno fa Burioni aveva scritto su Facebook: «Se il direttore di un’orchestra invece di assumere diplomati al conservatorio si accontentasse di musicisti che hanno fatto solo 92 ore di tirocinio come pensate che ne uscirebbe la musica? Ovviamente massacrata. Bene sappiate che la musica siete voi se finite al Pronto soccorso in Veneto».

LEGGI ANCHE: VENETO, ORDINI MEDICI LANCIANO PROPOSTA A ZAIA: «NO A NEOLAUREATI IN CORSIA., PUNTIAMO SU SPECIALIZZANDI CON IL TUTOR»

Oggi è arrivata la dura replica di Zaia: «Non mi risulta che debba decidere lui cosa deve fare la regione del Veneto, visto e considerato che rispettiamo le legge: andiamo in tribunale eventualmente» ha detto il Governatore leghista che poi ha aggiunto: «Va ricordato che Burioni è lo stesso che sosteneva che il nostro modello di vaccinazione era sbagliato mentre altri 15 paesi europei, tra cui Francia, Spagna, Germania e Gran Bretagna, l’avevano uguale».

Poi Zaia torna sul tema della carenza di medici: «Non viviamo di angherie o di dispetti, i dati mi dicono che le borse di studio sono inferiori alla necessità e che le Università sfornano meno medici di quelli che ci servono. In questo momento storico sono a repentaglio servizi, reparti e forse anche ospedali: mancano 56mila medici in Italia e 1300 medici in Veneto, è grave». E aggiunge: «C’è un problema e abbiamo trovato una soluzione, si tratta di medici laureati e abilitati. Ovviamente non abbiamo mai detto che possono andare a fare gli specialisti ma saranno impiegati in reparti come geriatria, medicina generale e pronto soccorso. Rispettiamo la formazione universitaria, crediamo nell’università e siamo certi che l’iper specializzazione sia il futuro. Ma si tratta di un cerotto necessario, vista e considerata la situazione attuale». Il governatore ha poi spiegato che a metà settembre sarà presentata sul tema una “proposta strong” in collaborazione con il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini.

Articoli correlati
«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto
Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche che le sintomatiche: avendole isolate, il tasso di infezione è calato di circa 12 volte». Poi sottolinea: «Bene le zone rosse ma serve sorveglianza attiva altrimenti diventano grandi incubatori»
Coronavirus nel Nord Italia, due morti e in continuo aumento il numero dei contagiati. Non individuati i pazienti zero
Oltre 60 i casi accertati tra Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte. Guariti due pazienti allo Spallanzani. Rientrati intanto in Italia i 19 connazionali bloccati sulla nave da crociera Diamond Princess: trascorreranno 14 giorni di quarantena alla Cecchignola
#DestinazioneSanità | Viaggio in Veneto, il miglior sistema sanitario regionale d’Italia (?)
GUARDA IL VIDEO | Un sistema che assicura ottimi risultati ma che non è più attrattivo per i medici, che scappano all’estero o si rifugiano nella medicina generale. Dal Sasso (Cimo Veneto): «Ci sarà un motivo se ad un concorso per 10 posti di postino si presentano 20mila candidati e per 80 posti di medici di pronto soccorso se ne presentano solo tre…»
Veneto, Aodi (Amsi): «Dottoresse rifiutate da pazienti e direttori sanitari perché indossano il velo islamico»
La denuncia di Foad Aodi, presidente AMSI e UMEM: «Ginecologhe e pediatre somale, sudanesi, palestinesi e irachene discriminate a Vicenza, Verona e Padova»
CIMO impugna la delibera del Veneto sulle competenze avanzate delle professioni sanitarie
«La deliberazione impugnata è in pretesa applicazione del contratto collettivo nazionale del comparto Sanità ed in contrasto con la normativa di legge nazionale», spiega il sindacato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...