Salute 20 Agosto 2019

Veneto, Ordini medici lanciano proposta a Zaia: «No a neolaureati in corsia, puntiamo su specializzandi con il tutor»

Parla a Sanità Informazione il Presidente di OMCeO Rovigo, Francesco Noce: «Capisco la preoccupazione del Presidente della Regione Veneto, ma l’idea dei corsi di formazione ci lascia molto perplessi, si potrebbe andare incontro a rischi professionali». Poi sottolinea i vantaggi della proposta inoltrata a Zaia che «potrebbe liberare numerose borse di studio e colmare il gap attuale»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Alla luce della recente delibera della Regione Veneto sull’assunzione e formazione di 500 giovani laureati non specializzati, gli ordini dei medici di Belluno, Rovigo, Treviso, Padova, Venezia, Verona e Vicenza chiedono un incontro al presidente di Regione Veneto Luca Zaia per presentare una proposta in grado di risolvere il gravoso tema della carenza di medici.

«In Veneto mancano 1300 specialisti – esordisce Francesco Noce, presidente dell’Ordine dei Medici di Rovigo – gli Ordini dei medici del Veneto hanno intravisto questo pericolo negli ultimi 10 anni e chiesto ai vari governi di intervenire. L’aiuto formativo così come strutturato fino ad oggi, ha fatto sì che negli anni si siano laureati più medici di quanti poi siano riusciti a specializzarsi, per cui, di fatto, non c’è carenza di medici, ma di specialisti, ovvero coloro che, secondo la normativa, sono gli unici che possono adire ai concorsi pubblici negli ospedali o sul territorio. Oggi subiamo questa situazione perché non esiste alcun provvedimento per adattare le borse di studio alle reali esigenze. D’altro canto, posso capire anche la preoccupazione del Presidente di Regione Veneto, Luca Zaia, di avere gli ospedali sguarniti di medici nei reparti e nel pronto soccorso».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, VENETO ASSUME 500 NEOLAUREATI. FNOMCeO E SINDACATI ALL’ATTACCO: «COSI’ SI SVILISCE PROFESSIONE E SI ABBASSA LA QUALITA’ DELLE CURE»

Qual è la vostra idea al riguardo?  

«Noi abbiamo lanciato una proposta, in accordo con il presidente della Federazione degli Ordini dei medici, Filippo Anelli, che consiste nel far sì che quando vengono assunti dei medici, non ancora specializzati, siano però agli ultimi anni di specializzazione ed abbiano quasi terminato la loro formazione. In questo modo possono continuare a frequentare l’università per completare la specializzazione, ma essere anche assunti negli organici con dei contratti temporanei e affiancati da tutor fino al conseguimento della specializzazione. Dopodiché essere messi nell’organico».

Sul piano pratico cosa cambierebbe?

«Questa soluzione, rapportata alla situazione del Veneto dove abbiamo circa 600 specializzandi, avrebbe il duplice vantaggio di liberare numerose borse di studio – dai nostri calcoli circa 5mila a livello nazionale – per poter formare altri specialisti e nel giro di qualche anno colmare il gap che c’è attualmente. Abbiamo già formulato una proposta e la faremo pervenire nelle prossime ore al presidente Zaia. Poi vedremo, qualora non ci fossero abbastanza specialisti per coprire i posti vacanti in alcuni reparti, prenderemo in considerazione altre proposte».

La soluzione di avere medici neolaureati abilitati, che non frequentano gli ultimi anni di specializzazione, ma assunti con contratti a tempo indeterminato non vi convince?

«In verità ci lascia molto perplessi, non solo da un punto di vista legale per i rischi professionali a cui potrebbero andare incontro, ma anche assicurativo, perché in caso di incidente le compagnie non coprirebbero un danno fatto e creato da un medico non titolato ad essere in quel posto. Infine ritengo che la formazione debba essere fatta in collaborazione con università e Ordini dei medici per creare professionisti in grado di svolgere la loro attività in modo proficuo, con tutte le garanzie possibili».

Articoli correlati
Radiologia, nuovo mammografo digitale allo IOV
«Immagini ad alta risoluzione in 3D che permettono una ricostruzione stratificata della mammella, ma con meno radiazioni per garantire più sicurezza per le pazienti. È arrivato all’Istituto Oncologico Veneto – IRCCS di Padova il nuovo mammografo digitale dotato di tomosintesi e modulo per la mammografia con mezzo di contrasto, acquistato tramite gara regionale gestita da […]
«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio
Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l'abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»
Spalle al palazzo e via il camice, la protesta degli specializzandi a Montecitorio: «Troppe poche borse, si rischia un esercito di camici grigi»
Sit-in di un centinaio di giovani medici davanti la Camera dei deputati a cui hanno aderito 11 sigle. Di Silverio (Anaao): «Pronto ad incatenarmi se non si risolve l’imbuto formativo». Solidarietà e vicinanza dai parlamentari di tutti i partiti, in piazza anche gli ex ministri Lorenzin e Grillo
Formazione, PD: «Saremo in piazza con gli specializzandi. Urgente riforma del settore»
Tra le priorità del Partito democratico quella di colmare l'imbuto formativo e rivedere la modalità di selezione dei medici del futuro: «Il test deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...