Salute 20 Agosto 2019 09:45

Veneto, Ordini medici lanciano proposta a Zaia: «No a neolaureati in corsia, puntiamo su specializzandi con il tutor»

Parla a Sanità Informazione il Presidente di OMCeO Rovigo, Francesco Noce: «Capisco la preoccupazione del Presidente della Regione Veneto, ma l’idea dei corsi di formazione ci lascia molto perplessi, si potrebbe andare incontro a rischi professionali». Poi sottolinea i vantaggi della proposta inoltrata a Zaia che «potrebbe liberare numerose borse di studio e colmare il gap attuale»

di Federica Bosco
Veneto, Ordini medici lanciano proposta a Zaia: «No a neolaureati in corsia, puntiamo su specializzandi con il tutor»

Alla luce della recente delibera della Regione Veneto sull’assunzione e formazione di 500 giovani laureati non specializzati, gli ordini dei medici di Belluno, Rovigo, Treviso, Padova, Venezia, Verona e Vicenza chiedono un incontro al presidente di Regione Veneto Luca Zaia per presentare una proposta in grado di risolvere il gravoso tema della carenza di medici.

«In Veneto mancano 1300 specialisti – esordisce Francesco Noce, presidente dell’Ordine dei Medici di Rovigo – gli Ordini dei medici del Veneto hanno intravisto questo pericolo negli ultimi 10 anni e chiesto ai vari governi di intervenire. L’aiuto formativo così come strutturato fino ad oggi, ha fatto sì che negli anni si siano laureati più medici di quanti poi siano riusciti a specializzarsi, per cui, di fatto, non c’è carenza di medici, ma di specialisti, ovvero coloro che, secondo la normativa, sono gli unici che possono adire ai concorsi pubblici negli ospedali o sul territorio. Oggi subiamo questa situazione perché non esiste alcun provvedimento per adattare le borse di studio alle reali esigenze. D’altro canto, posso capire anche la preoccupazione del Presidente di Regione Veneto, Luca Zaia, di avere gli ospedali sguarniti di medici nei reparti e nel pronto soccorso».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, VENETO ASSUME 500 NEOLAUREATI. FNOMCeO E SINDACATI ALL’ATTACCO: «COSI’ SI SVILISCE PROFESSIONE E SI ABBASSA LA QUALITA’ DELLE CURE»

Qual è la vostra idea al riguardo?  

«Noi abbiamo lanciato una proposta, in accordo con il presidente della Federazione degli Ordini dei medici, Filippo Anelli, che consiste nel far sì che quando vengono assunti dei medici, non ancora specializzati, siano però agli ultimi anni di specializzazione ed abbiano quasi terminato la loro formazione. In questo modo possono continuare a frequentare l’università per completare la specializzazione, ma essere anche assunti negli organici con dei contratti temporanei e affiancati da tutor fino al conseguimento della specializzazione. Dopodiché essere messi nell’organico».

Sul piano pratico cosa cambierebbe?

«Questa soluzione, rapportata alla situazione del Veneto dove abbiamo circa 600 specializzandi, avrebbe il duplice vantaggio di liberare numerose borse di studio – dai nostri calcoli circa 5mila a livello nazionale – per poter formare altri specialisti e nel giro di qualche anno colmare il gap che c’è attualmente. Abbiamo già formulato una proposta e la faremo pervenire nelle prossime ore al presidente Zaia. Poi vedremo, qualora non ci fossero abbastanza specialisti per coprire i posti vacanti in alcuni reparti, prenderemo in considerazione altre proposte».

La soluzione di avere medici neolaureati abilitati, che non frequentano gli ultimi anni di specializzazione, ma assunti con contratti a tempo indeterminato non vi convince?

«In verità ci lascia molto perplessi, non solo da un punto di vista legale per i rischi professionali a cui potrebbero andare incontro, ma anche assicurativo, perché in caso di incidente le compagnie non coprirebbero un danno fatto e creato da un medico non titolato ad essere in quel posto. Infine ritengo che la formazione debba essere fatta in collaborazione con università e Ordini dei medici per creare professionisti in grado di svolgere la loro attività in modo proficuo, con tutte le garanzie possibili».

Articoli correlati
Università, ok della Camera all’abrogazione del divieto di iscrizione a due corsi
La norma ha avuto il via libera all’unanimità da Montecitorio, ora è attesa a Palazzo Madama. Per gli specializzandi novità su master e dottorati
di Francesco Torre
Doppia laurea, Tuzi (M5S): «Svolta straordinaria per specializzandi in medicina»
Con la riforma al voto a Montecitorio gli specializzandi, per la prima volta, potranno seguire contemporaneamente altri corsi di formazione, master o conseguire un dottorato di ricerca
Lea, Veneto sul podio. Lanzarin: «Puntiamo al massimo dei voti. Cesarei e vaccino influenza le criticità su cui investire»
Pubblicata dal Ministero della Salute la griglia di valutazione dei Livelli essenziali di assistenza del 2019. Al top con il Veneto, Toscana ed Emilia-Romagna. Insufficienti Bolzano, Molise, Calabria e Sardegna
di Isabella Faggiano
«Green pass per bar e ristoranti significa rendere obbligatorio il vaccino». Intervista al Presidente del Veneto Luca Zaia
Il Governatore punta su un monitoraggio di massa e offre tamponi gratis a tutti: «Una campagna aggressiva ci serve per avere sempre sottomano l’evoluzione della pandemia. Obiettivo 30 mila al giorno»
di Federica Bosco
Imbuto formativo, PNRR e nuovi contratti. Viola (Federspecializzandi): «Ecco come devono evolvere le scuole di specializzazione»
Intervista alla presidente di Federspecializzandi: «Necessario adattarsi ai tempi che viviamo e comprendere cose che non sono state ancora capite»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?