Salute 27 Marzo 2018

Vamping, Nobili (neuropsichiatra): «Attenti alle luci del pc, alterano melatonina»

«In aumento gli adolescenti deprivati di sonno, incapaci di affrontare gli impegni quotidiani». Così Lino Nobili, responsabile del centro di Medicina del Sonno dell’ospedale Niguarda di Milano

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Vampiri di notte e zombie di giorno. Quando diventa buio, per molti adolescenti non è arrivata l’ora di dormire, ma il momento giusto per socializzare, rigorosamente nel mondo virtuale. Si chiama Vamping ed è l’ultima ‘moda’ – se così si può definire – che incentiva i giovani a rimanere connessi tutta la notte per navigare tra un social e l’altro. Dopo notti insonni trascorse davanti al pc, gli adolescenti di oggi assomigliano più a degli zombie che a dei ragazzi pronti ad affrontare una giornata di scuola.

«Il Vamping è un’abitudine sempre più diffusa – ha spiegato  Lino Nobili, neurofisiopatologo e neuropsichiatra, responsabile del centro di Medicina del Sonno dell’ospedale Niguarda di Milano -. Capita spesso che a varcare la soglia dei nostri ambulatori siano giovani con un sintomo in comune: troppo stanchi per alzarsi al mattino e prepararsi ad affrontare le lezioni scolastiche».

LEGGI ANCHE: «BAMBINI E ADOLESCENTI “IPERCONNESSI”? QUANDO IL PROBLEMA SONO I GENITORI ASSENTI E CON SENSI DI COLPA»

Quali sono i principali effetti negativi del Vamping?

«Un eccessivo attaccamento ad Internet nelle ore serali comporta un disturbo del sonno e, più precisamente, del ritmo del sonno. L’effetto che si scatena è duplice. Da un lato c’è una componente comportamentale. L’adolescente spinto dalla voglia di estraniarsi dal mondo reale si lascia trascinare da quello virtuale: più resta connesso, più ha difficoltà a dire basta e staccare la spina. Dall’altro lato c’è un effetto biologico: la stimolazione luminosa del computer altera la secrezione della melatonina (un ormone che regola il ciclo sonno-veglia, ndr) e quindi impedisce l’addormentamento. Siamo di fronte ad un vero e proprio circolo vizioso dall’effetto univoco: adolescenti deprivati di sonno che non sono più in grado nemmeno di affrontare gli impegni quotidiani».

È tutta colpa del web?

«No, Internet ha solo complicato la situazione. L’adolescenza è un periodo molto particolare della vita di un individuo. In questa fascia di età, anche prima dell’era del web, i giovani erano alla ricerca di uno spazio proprio, intimo, privato. I ragazzi, in altre parole, hanno sempre cercato di trovare un diversivo che gli permettesse di allontanare l’ora dell’addormentamento. Internet ha, dunque, solo peggiorato una situazione già preesistente».

Perché il Vampig costituisce un “pericolo” più nell’età adolescenziale che in altri momenti della vita?

«Perché l’adolescente ha bisogno di dormine più dell’adulto. È proprio il sonno notturno a contribuire alla maturazione di alcune particolari sinapsi cerebrali».

Siamo di fronte ad una patologia da curare?

«Piuttosto lo definirei un aspetto sociale importante, da non sottovalutare. Questo disturbo del ritmo del sonno, causato dal Vamping, può creare anche un’alterazione dell’umore. Ma allo stesso tempo, può essere un disturbo dell’umore, già presente, a creare la necessità di un rifugio notturno nel web. Ogni adolescente ha una storia a sé. Per aiutarlo a superare questo attaccamento ad Internet – ha concluso Nobili – bisogna scoprire quale sia l’origine del circolo vizioso che si è instaurato. È davvero il Vamping a causare l’insonnia, o piuttosto l’insonnia è la conseguenza di un disagio sociale?».

LEGGI ANCHE: IPERCONNESSIONE, LA PSICOLOGA: «ANSIA, DEPRESSIONE, PROBLEMI SUL SONNO-VEGLIA E ABBANDONO SCOLASTICO SONO AUMENTATI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook
Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto gridare, con tutto il fiato che ho in corpo, queste cose a chi “governa” la sanità in Italia ma non è possibile»
Vaccini, l’avviso automatico di Facebook contro le fake news riaccende le polemiche
Basta digitare le parole “no vax”, “free vax” oppure chiedere l’iscrizione ad uno dei tanti gruppi sul tema presenti sulla piattaforma social per ricevere l’invito ad accedere al sito dell’OMS
Vaccini, scuola a rischio per pochi. Giannelli (ANP): «I no vax sono meno di quanti immaginiamo»
Per il presidente dell’Associazione nazionale dirigenti pubblici si tratta solo di «clamore mediatico», una percezione sbagliata causata dall’utilizzo di un megafono come i social network
Patto per la Salute, Lanzarin (Veneto) con Grillo: «Finanziamento non può essere a rischio»
Una distensione, quella tra Ministero e Conferenza delle Regioni, che sembrava già essere nell’aria, come dimostrano le parole dell’assessore alla Sanità Regione Veneto, Manuela Lanzarin: «Il finanziamento della sanità non può essere a rischio, perché stiamo parlando della salute dei cittadini»
Psicologia della cronicità, Lastretti (psicoterapeuta): «Esiste una vita prima ed un’altra dopo la diagnosi»
Non solo social network, chat, blog e app, ma anche dispositivi medici dotati di intelligenza artificiale, capaci di prendersi cura del paziente. L’esperta: «In un futuro non troppo lontano le learning machine potrebbero diventare gli alleati più fedeli dei malati cronici»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano