Salute 4 Marzo 2022 12:01

Ucraina, sui social media «istruzioni» per resistere all’invasione russa

I civili ucraini possono trovare sui social network informazioni utili per la resistenza agli invasori russi

Ucraina, sui social media «istruzioni» per resistere all’invasione russa

Tutorial su Twitter per costruire bombe molotov. Lezioni di guida di carri armati su TikTok. Consigli per creare barricate su Facebook. I social media sono considerati dei veri e propri alleati per i civili ucraini che stanno combattendo contro l’invasione russa. Il primo ad affidarsi ai social è stato lo stesso Volodymyr Zelensky. Dall’inizio dell’invasione russa, il presidente ucraino ha fatto affidamento sull’uso regolare dei social network. Ad esempio, per radunare l’opinione pubblica a favore della sua causa, ma anche per esortare i suoi concittadini a resistere.

I social network sono un potente strumento di comunicazione per la resistenza

È su Facebook che Zelensky  ha scelto di dichiarare, due giorni dopo l’invasione russa, il 26 febbraio, in un video selfie : «Sono qui. Non abbiamo intenzione di deporre le armi e difenderemo il nostro Paese». Su Facebook e Twitter il giorno prima, il ministero della Difesa ucraino ha incoraggiato i cittadini del Paese a «fare bombe molotov e neutralizzare l’occupante». È evidente che i social network sono diventati un potente strumento di comunicazione per organizzare, in extremis, la protezione e la resistenza del popolo ucraino contro l’invasione russa.

Istruzioni sui social per riconoscere e costruire bombe molotov

Il ministero della Difesa ucraino non si è infatti accontentato di usare i social network per chiamare i cittadini alle armi, ma li ha usati per diffondere le istruzioni per costruire bottiglie molotov in modo da aiutare i civili a riconoscerle il più rapidamente possibile. Il ministero ha anche spiegato ai cittadini come usare saggiamente queste bombe molotov, rivelando a quali punti vulnerabili dei diversi veicoli e carri armati russi puntare. Un tutorial trasmesso dallo Stato maggiore delle Forze armate ucraine lancia un messaggio molto chiaro: «Vulnerabilità dei veicoli nemici. Sconfiggi l’occupante! Vinciamo insieme!». «La fine della guerra è nelle mani di tutti! Distruggere! Scacciate il nemico da casa vostra, fuori dal vostro paese», incoraggia un altra comunicazione social dello Stato Maggiore.

Su Twitter e Facebook consigli per creare «trappole stradali» ai russi

Per fermare l’avanzata delle colonne corazzate russe, lo Stato Maggiore delle forze armate ucraine ha anche fornito consigli tramite i suoi account Twitter e Facebook ai residenti rurali e ai contadini. «Come sbarazzarsi del “diavolo russo”», indica un’infografica. «Taglia gli alberi per ostruire la strada (…) se arrivano, brucia le foreste e la tua terra (…) spara alle ruote dei veicoli», si legge. In un post su Facebook, l’agenzia della rete stradale statale esorta ancora gli ucraini a «bruciare alberi, fare barricate, bruciare pneumatici!» . «Usa tutto quello che hai a portata di mano! L’occupante deve capire che qui non è atteso e che sarà contrastato in ogni strada, in ogni strada! (…) Insieme per la vittoria! L’occupante sarà distrutto!» , continua il messaggio.

Su TikTok un tutorial che insegna aguidare un carro armato

In un video su TikTok una giovane donna bionda mostra come avviare un carro armato abbandonato su una strada innevata. Si tratta di un video che è stato ampiamente condiviso sui social network. Si è poi scoperto questa questa influencer è russa e non ucraina, ma il suo video dettagliato potrebbe esser stato d’aiuto alla resistenza. Un’altra influencer, questa volta davvero ucraina, ha condiviso sui social suggerimenti utili per la preparazione di un kit di sopravvivenza diverse settimane prima dell’invasione russa. Il 25 gennaio, un altro utente ucraino su Twitter ha condiviso l’elenco degli oggetti da mettere in uno zaino, nonché un elenco di rifugi anti-bombardamento a Ivano-Frankivsk, nell’Ucraina Occidentale.

Un sito web per ritrovare i soldati russi deceduti

Le autorità ucraine hanno anche lanciato  anche un sito web che consente ai parenti dei soldati russi uccisi di ritrovare i propri cari. Un’iniziativa benefica, ma che permette anche di rendere molto reali le perdite dell’avversario, e di giocare sul morale del nemico.
Chiamato 200rf.com, un codice usato a lungo in Russia per riferirsi ai soldati caduti, il sito offre un modulo di ricerca e pubblica anche video di soldati catturati. Da allora è stato censurato dalla Russia.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...