Salute 21 Ottobre 2019

“Forti come noi”, Valentina Vignali si racconta: «Così sono riuscita a superare il tumore»

La celebre cestista ed influencer presenta il suo primo libro autobiografico e parla della sua esperienza con il cancro: «Non è stato facile né per me né per la mia famiglia, ma alla fine ho vinto io»

Cestista, modella, influencer. Valentina Vignali è un volto noto della televisione (ha partecipato all’ultima edizione del Grande Fratello), dei social (la sua pagina Facebook supera i 600mila fan, il profilo Instagram i 2 milioni) e del mondo dello sport. Una vita da star, insomma, in cui però i momenti difficili non sono mancati. Li racconta nel suo primo libro, intitolato “Forti come noi”. Il titolo fa riferimento a ciò che ha dovuto affrontare a causa del tumore alla tiroide che l’ha colpita quando era ancora molto giovane: «Avevo 21 anni – spiega ai nostri microfoni –. L’iter di una malattia come il cancro è pesante. Ricordo che avevo molta forza e tranquillità ma non valeva lo stesso per le persone che mi stavano vicino. Ho scritto questo libro per condividere la mia storia e cercare di aiutare chi magari ci sta passando adesso».
Ma lei come ha affrontato la malattia? «Ho deciso di non smettere mai di fare cose. Mi dicevo ‘domani faccio qualcosa in più’. Era uno stimolo. Il mio consiglio alle persone che stanno vivendo una situazione del genere è questo: se avete un problema anche grosso di salute cercate di sconvolgere il meno possibile la vostra vita. Se mi fossi abbandonata nel letto di casa o in quello dell’ospedale sarei implosa. Ho cercato di rendere la mia vita il più possibile simile a quella che era prima della malattia».
Articoli correlati
Cancro, gli oncologi: «Creare ospedali COVID19 a bassa incidenza per continuare a curarlo»
SICO-AIOM-AIRO sul trattamento delle neoplasie in regime di emergenza COVID-19: «Chiediamo una tempestiva riorganizzazione dei presidi al fine di poter continuare ad effettuare interventi di chirurgia oncologica»
Cancro infantile, un libro per raccontare le storie dei piccoli pazienti. L’ideatrice: «Se ne parla tanto, ma in modo sbagliato»
“Ascoltami ora” è il progetto dell’associazione “Adolescenti e Cancro” che raccoglie le esperienze in prima persona dei ragazzi oncologici e delle loro famiglie per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla realtà dei tumori pediatrici
Tumori cerebrali pediatrici, dimostrata l’efficacia di un farmaco che agisce come «una batteria al contrario»
La ricerca condotta da ricercatori dell’Università Sapienza, dell’Istituto Pasteur Italia e dell’IIT è stata pubblicata su Cell Reports. La fenformina “carica” le cellule tumorali per spegnerle, ma si ipotizza l’esistenza di cibi e integratori che siano in grado di raggiungere gli stessi risultati
World Cancer Day 2020, al via campagna video di sensibilizzazione Ministero della salute-IFO
“Il cancro si può battere, facciamolo insieme”. Questo è l’appello che lancia il Ministero della Salute insieme agli IFO, Regina Elena e San Gallicano, in occasione della Giornata Mondiale contro il Cancro. Una campagna di sensibilizzazione in chiave positiva, affidata alle voci di medici e ricercatori che invitano alla prevenzione primaria e agli screening oncologici. Un’iniziativa […]
Giornata mondiale contro il cancro: in Italia +53% di pazienti vivi dopo la diagnosi in 10 anni
Il monito dell’Aiom: «Il nostro Paese ai vertici in Europa nell’assistenza oncologica - dichiara il presidente Giordano Beretta - ma ci sono ancora differenze territoriali nell’accesso alle cure. Seguire l’esempio delle regioni virtuose nel favorire l’accesso a farmaci innovativi e agli esami in grado di predire l’efficacia della chemioterapia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 aprile, sono 860.793 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 42.354 i decessi e 178.378 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...