Salute 10 Settembre 2021 12:02

Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»

La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»

di Isabella Faggiano

Il vaccino contro l’influenza stagionale e quello anti-Covid non possono essere somministrati contemporaneamente. «Deve trascorrere almeno un mese tra l’inoculazione del vaccino contro il Covid-19 e la somministrazione di qualunque altra tipologia di vaccino – spiega Tommasa Maio, responsabile dell’area vaccini di Fimmg -. Tuttavia, nel giorno in cui si effettuerà quello antinfluenzale è possibile, soprattutto per la popolazione adulta e previo consiglio del proprio medico curante, mettersi al riparo da herpes zoster e pneumococco».

Per questo, è consigliabile programmare fin da subito il proprio personale calendario vaccinale. «La campagna vaccinale antinfluenzale comincerà i primi giorni di ottobre e, così come ribadito da una direttiva diffusa già durante l’estate, dovrà essere garantita la massima puntualità ed efficienza», sottolinea Maio.

Vaccino antinfluenzale, chi deve farlo

«Il vaccino antinfluenzale è consigliato a tutti i soggetti di età superiore ai sessant’anni e non solo. Al di là della classificazione per età, infatti – aggiunge la responsabile area vaccini della Fimmg – esistono delle classi di lavoratori per i quali risulta ugualmente indicato: operatori sanitari, impiegati che lavorano a contatto con il pubblico o chi, come gli allevatori, è sempre accanto agli animali».

Poi, ci sono le cosiddette categorie fragili: «Bambini con più di sei mesi di vita – continua Maio -, donne in gravidanza e soggetti anche giovani ma che, soffrendo di patologie croniche, potrebbero incorrere in serie complicanze contraendo l’influenza».

Perché farlo

Da non trascurare la somiglianza della sintomatologia di esordio dell’influenza con quella del Covid-19: «In soggetti non vaccinati – spiega il medico di famiglia – sarebbe molto più complesso effettuare la diagnosi differenziale. Ancora, ammalarsi di meno significa pure limitare l’accesso ai pronto soccorso ed evitare che le persone fragili, costrette a recarsi in ospedale per controlli e terapie, possano entrare in contatto con il virus dell’influenza. Senza considerare che abbassare il numero di pazienti che contraggono l’influenza in modo severo eviterebbe di gravare sulle strutture ospedaliere che, purtroppo, ci aspettiamo (anche se speriamo di sbagliarci)  saranno nuovamente sotto pressione per la gestione dell’emergenza Covid».

Ma un’aspettativa positiva c’è: «Crediamo che anche quest’anno, come nel 2020, ci sarà una richiesta di vaccinazioni antinfluenzali superiore all’epoca pre-Covid. Per questo, è stato già deciso che la campagna vaccinale continuerà anche nel periodo natalizio, così da permettere ai ritardatari ed anche a chi per motivi familiari o di lavoro si trova all’estero, di assicurarsi la protezione contro l’influenza».

Effetti collaterali del vaccino antinfluenzale

Niente paura, il vaccino antinfluenzale non rovinerà di certo il Natale: «Gli effetti collaterali riferiti sono sempre piuttosto trascurabili, con rare manifestazioni di dolore nella sede di inoculo o lieve innalzamento della temperatura – assicura Maio -. Per evitare possibili complicanze più gravi è fondamentale effettuare sempre un’accurata anamnesi pre-vaccinale affidandosi ai pediatri di libera scelta o ai medici di medicina generale a conoscenza di eventuali reazioni allergiche gravi, come un’anafilassi, dopo l’inoculazione di un vaccino o – conclude – di uno dei suoi componenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
Cardiologia e sport legati (sempre più) a filo doppio. Ecco perché
Corrado (Università di Padova): «I medici dello sport siano formati anche per valutare una risonanza magnetica»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco