Salute 14 Dicembre 2021 13:12

Vaccini nella fascia 5-11 anni, Staiano (Sip): «Più rischi dal Covid che da reazioni avverse»

La presidente della Società Italiana di Pediatria conferma a Sanità Informazione la necessità di procedere anche con le vaccinazioni per i più piccoli: «Bambini serbatoio per la pandemia. Pfizer è sicuro ed efficace»

Vaccini nella fascia 5-11 anni, Staiano (Sip): «Più rischi dal Covid che da reazioni avverse»

La Società Italiana di Pediatria si è espressa più volte pubblicamente in favore della vaccinazione in tutte le fasce d’età che vanno da 0 a 19 anni. Per questo, la presidente Annamaria Staiano conferma la valutazione favorevole anche alla vaccinazione tra i 5 e gli 11 anni (il cui inizio è previsto per il 16 dicembre), in quanto «riteniamo il vaccino sia sicuro che efficace». Efficace in quanto «gli studi clinici condotti sull’unico vaccino sinora disponibile per questa fascia d’età, ovvero quello di Pfizer, dimostrano come questo sia capace di ridurre il rischio di infezione nell’oltre 90% dei casi».

Gli studi effettuati prima dell’autorizzazione sono sufficienti?

Qualche voce però sostiene che i bambini inclusi nello studio clinico che ha poi portato all’approvazione del vaccino dalle varie agenzie regolatorie (ovvero Fda, Ema e Aifa) siano stati troppo pochi. Staiano risponde che «in Italia si è deciso di procedere dopo che la vaccinazione a questa fascia d’età è già diventata una realtà in diverse nazioni, come Stati Uniti, Israele e Canada. Possiamo dunque contare su circa 5 milioni di bambini vaccinati, e non poche migliaia. E dall’osservazione clinica di questi bambini già vaccinati possiamo stabilire che gli effetti collaterali forse si presentano in numero ridotto e anche di severità inferiore rispetto a quelli che colpiscono tutte le altre fasce d’età».

Perché vaccinare i bambini?

Partendo dal presupposto che «le manifestazioni cliniche in chi risulta positivo al Sars-CoV-2 in questa fascia d’età sono senza dubbio inferiori rispetto agli adulti», non è possibile escludere «il verificarsi di manifestazioni severe, che tra l’altro hanno già portato molti bambini in questa fascia d’età al ricovero, anche in terapia intensiva». Ma non basta: «Negli ultimi tempi si stanno verificando maggiormente, anche nei bambini positivi al Covid, sintomi lievi che possono avere successivamente delle sequele: il cosiddetto Long Covid». È dunque possibile che, «a distanza di qualche settimana, anche in questa fascia d’età possono verificarsi delle manifestazioni severe che non è possibile predire». E dunque, si chiede la presidente Sip, «Perché mettere a rischio la salute dei bambini?». Ma oltre che a proteggere i più piccoli da possibili complicanze anche gravi, la vaccinazione di questa fascia d’età rappresenta un valore aggiunto nella lotta alla pandemia: «I bambini rappresentano un serbatoio per la circolazione del virus. Per questo, se davvero vogliamo contrastare la pandemia, dobbiamo vaccinare il più possibile anche loro. Questo ultimo concetto viene, in verità, visto da qualcuno come la volontà della comunità scientifica di proteggere gli adulti attraverso la vaccinazione dei più piccoli. Non è così: noi raccomandiamo la vaccinazione dei bambini prima di tutto per metterli in sicurezza, e poi, certo, anche per proteggere gli adulti, ma solo secondariamente».

L’andamento dei contagi tra bambini e ragazzi

«I dati più recenti provenienti dall’Istituto Superiore di Sanità – spiega Staiano – dimostrano come l’aumento dell’incidenza massima si stia verificando proprio nella fascia 5-11 anni, ovvero quella non ancora vaccinata. In aggiunta, 1 malato su 4 è un ragazzo in età scolare e il 27% dei nuovi contagi riguarda ragazzi dai 19 anni in giù. Di questi, il 51% dei positivi si concentra nella fascia 5-11 anni. Abbiamo inoltre raggiunto – continua – un’incidenza superiore ai 250 casi ogni 100mila abitanti, che è molto superiore rispetto a tutte le altre fasce di popolazione, indipendentemente dalla distinzione anagrafica». Parlando infine di ricoveri e decessi, «sotto gli 11 anni, al momento, abbiamo avuto più di 5mila ricoveri, 120 dei quali in terapia intensiva, e 19 decessi». Insomma, i dati ci sono e non sono incoraggianti, ed è per questo che «dobbiamo tenerli presenti per spronare le mamme ad accettare un vaccino che non ha rischi più elevati rispetto a quelli che vengono normalmente somministrati nell’infanzia». E, se vogliamo prendere ad esempio due possibili complicanze, come miocardite o pericardite, il rischio di beccarsele è «maggiore nei malati di Covid che non nei vaccinati».

Qualche precauzione da adottare?

La presidente di Sic spiega che «tutti i bambini possono vaccinarsi. Anzi, perfino chi soffre di un qualche tipo di patologia o allergia (i cosiddetti “fragili”) può farlo ed ha addirittura la priorità, in quanto saranno i primi ad essere vaccinati». Bisogna comunque fare attenzione a «bambini in terapia o chemioterapici», ma anche «gli allergici possono sottoporsi al vaccino in quanto l’unica controindicazione esistente è rappresentata da uno degli eccipienti del vaccino, ovvero il Peg (polietilenglicole), ma i bambini con questa allergia sono rarissimi». Nessuna limitazione particolare, dunque, ma il consiglio è sempre quello di «parlare con il proprio medico, in particolare se si tratta di un soggetto allergico».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«In Afghanistan il rischio di morte in parto è 300 volte superiore all’Italia. Governo non paga i medici», il quadro di Brunelli (Intersos)
I progetti già realizzati da Intersos, il vicedirettore regionale per l’Afghanistan: «Operativi due Trauma Point, due centri di salute e tre cliniche mobili. Trattiamo la malnutrizione grave tra i bambini. Sosteniamo psicologicamente, legalmente ed economicamente le categorie fragili»
Minacce e insulti social dei no vax ai ragazzi autistici di PizzAut. La risposta del fondatore
Nico Acampora: «Ringrazio Enrico Mentana, il ministro del lavoro Andrea Orlando e tutti coloro che sui social hanno speso parole per noi, ma ho voluto tenere i toni bassi per evitare di far crescere la divisione tra Guelfi e Ghibellini che si è generata sui vaccini e non alimentare l’odio per un gesto di ringraziamento. Lavoriamo invece per far crescere il progetto di inclusione sociale»
di Federica Bosco
Covid, Tozzi (Bambino Gesù): «Ricoverati bimbi di tutte le età. Vaccinate i più piccoli con estrema fiducia e tranquillità»
«Ci sono neonati di pochi giorni fino a ragazzi di 16. Tre sono in terapia intensiva. I vaccini anti Covid si sono dimostrati efficaci e sicuri in una quantità così grande di casi che non ci aspettiamo sorprese. Devono invece prevenire i guai che vediamo in questi giorni»
Cauda (consulente EMA): «Quarantena cautelativa misura a basso rischio»
L’infettivologo Roberto Cauda nominato consulente per le malattie infettive all’EMA nell'intervista a Sanità Informazione: «Flurona, almeno per ora, non ha rilevanza epidemiologica. Tra metà e fine gennaio il picco della quarta ondata. A lungo termine è ragionevole ipotizzare che non si parlerà più di pandemia, ma di endemia»
Covid, Dattolo (OMCeO Firenze): “Sistema in crisi, subito obbligo vaccinale”
Il presidente dell'Ordine dei Medici di Firenze “Stop a 21 sistemi sanitari regionali diversi: serve regia unica nazionale”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre