Salute 4 Settembre 2017 12:46

Vaccini: l’anti-morbillo spaventa genitori. L’intervista al Dottor Ieraci (Asl Roma1): «Tutto quello che c’è da sapere»

11 settembre e 31 ottobre: nessun rinvio per la consegna dei certificati vaccinali nelle scuole. A pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico ancora tante le richieste di chiarimenti da parte delle famiglie. Ai nostri microfoni l’intervista a Roberto Ieraci Direttore UOC vaccinazioni Centro Vaccinazioni Internazionali Asl Roma 1

Vaccini: l’anti-morbillo spaventa genitori. L’intervista al Dottor Ieraci (Asl Roma1): «Tutto quello che c’è da sapere»

«L’anti-morbillo mi spaventa più delle altre vaccinazioni perché si tratta di un virus attivo» spiega la mamma di Giulio, 6 anni in attesa di entrare in ambulatorio per fare il richiamo del morbillo, parotite, rosolia e contro varicella (la cui prima dose è prevista tra i 13 e i 15 mesi). «È bene fare chiarezza – interviene ai nostri microfoni Roberto Ieraci, direttore UOC Vaccinazioni  della Asl Roma 1 -. L’anti-morbillo è costituito da virus vivi attenuati, dal punto di vista scientifico si tratta di un vaccino sicuro ed efficace. Non esiste rischio, non c’è nessun allarme: l’esitazione dei genitori probabilmente è dovuta ad una scarsa informazione».

LEGGI ANCHE ASL, LA GRANDE SFIDA DELL’ORGANIZZAZIONE. TANESE (ASL ROMA1): «LA CHIAVE È INFORMARE LE FAMIGLIE»

Ed è proprio una corretta comunicazione fra istituzioni, presidi sanitari, scuole  e famiglie la chiave di un colloquio sano e produttivo, ribadisce il Dottor Ieraci che può vantare presso il presidio Asl/Roma 1, una media di 130 utenti da vaccinare al giorno da svariati mesi. «È fondamentale che il cittadino riceva un messaggio chiaro e definito su cosa fare: noi come Asl abbiamo attivato un call center che opera sia per telefono (06 6835.4666) che per via email (vaccinazioni@aslroma1.it) con l’obiettivo di dare un riscontro veloce ed efficace alle richieste della cittadinanza», le vaccinazioni inoltre «possono essere anche prenotate attraverso il CUP aziendale»  prosegue.

«Il momento comunicativo è fondamentale, quindi è importante che ci sia una collaborazione fra tutti gli organi istituzionali e chiarezza anche da parte dei media – ribadisce il Dottore -. Altro aspetto importante è che anche la gente sappia che l’accesso a scuola è possibile anche mediante l’autocertificazione delle vaccinazioni e il certificato può essere portato in un secondo momento». Infatti è recente ma operativa la circolare ministeriale che sancisce la validità dell’autocertificazione come sostitutiva delle attestazioni vaccinali.

LEGGI ANCHE VACCINI, DOCUMENTAZIONI, SCADENZE E ACCESSO ALLE SCUOLE. TUTTE LE INDICAZIONI DAL MINISTERO DELLA SALUTE E DAL MIUR

«Il modello dell’autocertificazione è stato predisposto dalla Regione Lazio (che ha provveduto ad inviarlo alle Asl), si tratta di un documento firmato che attesta se il genitore è in regola o non è in regola con le vaccinazioni. Dopo l’autocertificazione presentata a scuola, entro il 10 marzo occorrerà presentare il certificato completo delle vaccinazioni» spiega il Dottor Ieraci e aggiunge che «per chi non sarà in regola, le Asl stanno predisponendo un piano: provvederemo a chiamare direttamente le persone per così dire ‘resistenti’ in modo che gli vengano fornite tutte le informazioni sufficienti a chiarirsi le idee e quindi superare tutte le resistenze per l’effettuazione della vaccinazione».

«In ogni caso – conclude il medico – il nostro Piano Nazionale 2017-19  è magnifico, ottimale, quindi il messaggio che voglio trasmettere ai cittadini è che non c’è da preoccuparsi, tutti devono seguire le indicazioni riportate chiaramente nel Piano vaccinale 2017/2019 in rapporto alle fasce d’età e non ci sarà alcun problema».

Articoli correlati
Gimbe, numeri scendono ma salgono i decessi. 4 milioni di italiani hanno completato il ciclo vaccinale
Numeri del Covid cominciano a scendere, ma secondo gli esperti Gimbe in maniera "irregolare". Notevoli le differenze regionali nelle somministrazioni di vaccini anti-Covid: in Sardegna e Toscana solo il 30% degli over 80
MMG e campagna vaccinale, a che punto siamo nel Lazio?
Intervista a Giovanni Cirilli, Segretario FIMMG Lazio: «Peccato non essere stati messi in condizione di partire prima»
Obbligo vaccinale, vale per tutti gli operatori sanitari o solo per quelli “in prima linea”?
Intervista all’avvocato Andrea Marziale, partner di QUORUM Studio Legale e Tributario Associato e consulente di Consulcesi & Partners, specializzato in Diritto del Lavoro e Sanitario
Medici no vax sui social, Tortorella (Consulcesi): «Formazione chiave per scongiurare derive antivacciniste»
La best practice Consulcesi: il 30% dei medici ha già concluso nei primi tre mesi del 2021 i 50 crediti annuali grazie alla FAD
Sono stato vaccinato. Cosa posso o non posso fare ora?
Devo continuare ad indossare la mascherina e mantenere il distanziamento? Chi è vaccinato deve adottare le misure di sicurezza anche sul luogo di lavoro? Le risposte dell’ISS
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...