Salute 4 settembre 2017

Vaccini: l’anti-morbillo spaventa genitori. L’intervista al Dottor Ieraci (Asl Roma1): «Tutto quello che c’è da sapere»

11 settembre e 31 ottobre: nessun rinvio per la consegna dei certificati vaccinali nelle scuole. A pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico ancora tante le richieste di chiarimenti da parte delle famiglie. Ai nostri microfoni l’intervista a Roberto Ieraci Direttore UOC vaccinazioni Centro Vaccinazioni Internazionali Asl Roma 1

Immagine articolo

«L’anti-morbillo mi spaventa più delle altre vaccinazioni perché si tratta di un virus attivo» spiega la mamma di Giulio, 6 anni in attesa di entrare in ambulatorio per fare il richiamo del morbillo, parotite, rosolia e contro varicella (la cui prima dose è prevista tra i 13 e i 15 mesi). «È bene fare chiarezza – interviene ai nostri microfoni Roberto Ieraci, direttore UOC Vaccinazioni  della Asl Roma 1 -. L’anti-morbillo è costituito da virus vivi attenuati, dal punto di vista scientifico si tratta di un vaccino sicuro ed efficace. Non esiste rischio, non c’è nessun allarme: l’esitazione dei genitori probabilmente è dovuta ad una scarsa informazione».

LEGGI ANCHE ASL, LA GRANDE SFIDA DELL’ORGANIZZAZIONE. TANESE (ASL ROMA1): «LA CHIAVE È INFORMARE LE FAMIGLIE»

Ed è proprio una corretta comunicazione fra istituzioni, presidi sanitari, scuole  e famiglie la chiave di un colloquio sano e produttivo, ribadisce il Dottor Ieraci che può vantare presso il presidio Asl/Roma 1, una media di 130 utenti da vaccinare al giorno da svariati mesi. «È fondamentale che il cittadino riceva un messaggio chiaro e definito su cosa fare: noi come Asl abbiamo attivato un call center che opera sia per telefono (06 6835.4666) che per via email (vaccinazioni@aslroma1.it) con l’obiettivo di dare un riscontro veloce ed efficace alle richieste della cittadinanza», le vaccinazioni inoltre «possono essere anche prenotate attraverso il CUP aziendale»  prosegue.

«Il momento comunicativo è fondamentale, quindi è importante che ci sia una collaborazione fra tutti gli organi istituzionali e chiarezza anche da parte dei media – ribadisce il Dottore -. Altro aspetto importante è che anche la gente sappia che l’accesso a scuola è possibile anche mediante l’autocertificazione delle vaccinazioni e il certificato può essere portato in un secondo momento». Infatti è recente ma operativa la circolare ministeriale che sancisce la validità dell’autocertificazione come sostitutiva delle attestazioni vaccinali.

LEGGI ANCHE VACCINI, DOCUMENTAZIONI, SCADENZE E ACCESSO ALLE SCUOLE. TUTTE LE INDICAZIONI DAL MINISTERO DELLA SALUTE E DAL MIUR

«Il modello dell’autocertificazione è stato predisposto dalla Regione Lazio (che ha provveduto ad inviarlo alle Asl), si tratta di un documento firmato che attesta se il genitore è in regola o non è in regola con le vaccinazioni. Dopo l’autocertificazione presentata a scuola, entro il 10 marzo occorrerà presentare il certificato completo delle vaccinazioni» spiega il Dottor Ieraci e aggiunge che «per chi non sarà in regola, le Asl stanno predisponendo un piano: provvederemo a chiamare direttamente le persone per così dire ‘resistenti’ in modo che gli vengano fornite tutte le informazioni sufficienti a chiarirsi le idee e quindi superare tutte le resistenze per l’effettuazione della vaccinazione».

«In ogni caso – conclude il medico – il nostro Piano Nazionale 2017-19  è magnifico, ottimale, quindi il messaggio che voglio trasmettere ai cittadini è che non c’è da preoccuparsi, tutti devono seguire le indicazioni riportate chiaramente nel Piano vaccinale 2017/2019 in rapporto alle fasce d’età e non ci sarà alcun problema».

Articoli correlati
Simedet, parla il Presidente Capuano: «Grazie alla multidisciplinarietà puntiamo a dare una corretta informazione in sanità»
La Società italiana di Medicina Diagnostica e terapeutica, nata un anno fa, ha celebrato il suo primo congresso parlando dei vaccini. Tra i responsabili scientifici l’immunologo Aiuti e il professor Fara
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Roma, al via la presentazione di Expo Salus e Nutrition
Lunedì 22 ottobre all’Auditorium del Ministero della Salute (Lungotevere Ripa 1) alle ore 12, si terrà la conferenza stampa per la presentazione di ExpoSalus, la prima Fiera a Roma su salute, benessere e qualità di vita. Un luogo di confronto e condivisione tra professionisti, istituzioni, aziende, associazioni di pazienti e cittadini per essere protagonisti attivi del […]
Asl Roma 1, nasce il centro internazionale per la promozione della salute e del benessere
Il Direttore Generale della ASL Roma 1 Angelo Tanese e il Professor Mario Bertini, Professore Emerito di Psicologia della Salute alla Sapienza Università di Roma, presentano il Centro Internazionale per la Promozione della Salute e del Benessere che avrà sede presso il Santa Maria della Pietà. Obiettivo del Centro progettare e realizzare ricerche, la formazione degli […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...