Salute 30 Settembre 2021 15:31

Vaccini in farmacia, al via nel Lazio le prenotazioni per le terze dosi

Si comincia con gli ultraottantenni. Cicconetti (Federfarma Roma): «Le vaccinazioni cominceranno da lunedì 4 ottobre. Più di 600 farmacie arruolate»

Vaccini in farmacia, al via nel Lazio le prenotazioni per le terze dosi

Da oggi è possibile prenotarsi per la terza dose di vaccino anti-Covid anche nelle farmacie del Lazio. Stando ai dati comunicati da Federfarma Roma, al momento sono più di 600 le farmacie della Regione ad essere state arruolate ma, come già accaduto nel caso dei tamponi rapidi e test sierologici e delle vaccinazioni contro il SARS-CoV-2 avviate lo scorso giugno, il numero è destinato ad aumentare nel corso delle prossime settimane. «Grazie alla Regione Lazio – spiega Andrea Cicconetti, Presidente di Federfarma Roma – aggiungiamo, tra i primi in Italia, un nuovo, fondamentale servizio alla cittadinanza senza interrompere né l’attività di screening né le vaccinazioni con prima e seconda dose di Moderna. E a breve daremo il via anche alla campagna vaccinale antinfluenzale».

Prenotazioni aperte agli ultraottantenni

Per il momento, le prenotazioni sono aperte agli ultraottantenni. Le vaccinazioni partiranno lunedì 4 ottobre. Il vaccino che verrà somministrato è Spikevax di Moderna, ma entro metà ottobre, contestualmente all’allargamento delle fasce di popolazione vaccinabili, verranno accolte anche le prenotazioni per la terza dose con il vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech. «Come al solito – spiega ancora Cicconetti –, il cittadino non dovrà fare altro che andare sul portale della Regione Lazio e scegliere la farmacia più vicina a casa. Si tratta di un importantissimo attestato di stima da parte della Regione Lazio e della giusta riconoscenza per il grande lavoro svolto dalle farmacie dal primo giugno ad oggi in tema di vaccinazioni contro il Covid-19. Ringraziamo dunque la Regione Lazio, l’Assessore alla Sanità Alessio D’Amato e il Presidente Nicola Zingaretti, che ci hanno dato nuovamente la possibilità di dimostrare la professionalità, la capillarità e il ruolo fondamentale all’interno del Servizio sanitario regionale delle farmacie e di tutto il personale che ci lavora».

Come prenotarsi

L’accesso alla vaccinazione in farmacia avviene solo attraverso il sistema di prenotazione on-line della Regione Lazio, nell’ambito della fascia di età per cui è attiva la prenotazione. Ciò significa che non è possibile prenotare direttamente nelle farmacie.

Le persone assistite dal Servizio sanitario regionale del Lazio che vogliono prenotare il vaccino devono: avere a disposizione la propria tessera sanitaria (in corso di validità) per comunicare il codice fiscale e le ultime 8 cifre del codice numerico TEAM posto sul retro della tessera; scegliere nell’elenco la farmacia dove intendono ricevere il vaccino; selezionare il giorno; lasciare il proprio numero di telefono: la Farmacia scelta chiamerà per fissare l’orario dell’appuntamento.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
Vaccini antinfluenzali in farmacia, politica e mondo della sanità divisi su norma che li rende strutturali
La norma, contenuta nel Dl Riaperture, estende anche al periodo ordinario una possibilità già concessa in stato di emergenza. Rossi (OMCeO Milano): «Va bene collaborare ma la somministrazione di farmaci è compito del medico». Il M5S promette battaglia sul provvedimento difeso invece dal Pd
di Federica Bosco e Francesco Torre
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...