Mondo 8 Settembre 2015 19:05

Vaccini, fa più paura una malattia mortale o una diceria?

Il WHO all’attacco: nuova strategia per combattere i falsi miti. La ricerca del British Medical Journal

Vaccini, fa più paura una malattia mortale o una diceria?

Fa più paura una malattia mortale o una diceria? Autismo, sterilità, tumori. Sono questi i falsi effetti collaterali imputati ai vaccini, in quella che sempre più sta prendendo le sembianze di una vera e propria crociata.


Frutto di una cattiva informazione, intrisa di luoghi comuni e pregiudizi, la recente demonizzazione delle vaccinazioni, la “vaccine hesitancy” è ormai un fenomeno sempre più esteso e preoccupante, e il WHO (World Health Organization) sta studiando le strategie per contrastarlo: attualmente, un bambino su cinque non riceve le vaccinazioni di routine, mentre circa un milione e mezzo di decessi all’anno potrebbero essere evitati grazie a una copertura vaccinale completa.

Colmare questo “immunization gap” è una sfida crescente per i Paesi di tutto il mondo. «I vaccini, se utilizzati, possono solo migliorare la salute e prevenire le morti; i programmi di immunizzazione devono essere in grado di raggiungere e mantenere elevati tassi di vaccinazione» ha dichiarato il dottor Philippe Duclos, Senior Health Adviser del Dipartimento di Immunizzazione, vaccini e medicinali biologici del WHO. Tuttavia, diffondere una comunicazione corretta è importante, ma non basta. Bisogna infatti che il messaggio, oltre ad essere veritiero, riesca effettivamente a modificare le convinzioni – e di conseguenza le abitudini – errate della comunità in tema di vaccini.

Molte le ricerche mirate per trovare un approccio efficace al problema. Una, in particolare, condotta dai ricercatori dall’Università dell’Illinois e pubblicata sul British Medical Journal, ha fatto emergere dati interessanti: lo studio, effettuato su un campione di 315 soggetti cui è stato sottoposto un questionario, ha dimostrato che dirigere l’attenzione delle persone verso i rischi che si corrono con la mancata vaccinazione, cioè contrarre le malattie ed esporsi alle pericolose complicazioni ad esse associate, cambia in positivo l’atteggiamento nei confronti dei vaccini, anche nei partecipanti più scettici, molto più che smentire le idee sbagliate riguardo agli ipotetici effetti collaterali delle vaccinazioni. Infatti, dicono gli autori, «è difficile fornire una prova convincente dell’assenza di rischio; perciò è spesso più facile rimpiazzare una convinzione esistente con una alternativa, invece che tentare di contrastarla direttamente».

Una strategia che potrebbe portare a una rinnovata fiducia nello strumento dei vaccini, con un tempismo perfetto, visto che la stagione influenzale è di nuovo alle porte. Ma anche un modello di comunicazione che, applicato nel mondo dell’informazione, si candida ad essere la chiave per sfatare, una volta per tutte, tanti altri falsi miti tuttora esistenti nel mondo della sanità.

Articoli correlati
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Vaccino anti-Covid fascia 5-11 anni, Pfizer: «Forte risposta immunitaria»
I dati sulla fascia di età 5-11 anni con dose di vaccino inferiore rispetto agli adulti mostra un'immunità molto alta. Secondo Pfizer si potrebbe iniziare con le somministrazioni dall'inizio della stagione invernale
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco