Salute 12 Aprile 2021 18:41

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»

di Federica Bosco
Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

La decisione dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) di consigliare il vaccino AstraZeneca ad una popolazione over 60 rischia di creare confusione tra la cittadinanza. Per questo la professoressa Flora Peyvandi, primario dell’Unità Operativa Complessa di Medicina Generale – Emostasi e Trombosi presso la Fondazione Cà Granda dell’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano e membro del comitato scientifico di EMA, invita alla cautela.

Professoressa, AstraZeneca è associabile alla trombosi cerebrale come sembrerebbe dire anche EMA?

«La trombosi venosa o arteriosa è un evento comune che succede ogni 5mila persone. Nell’ultimo anno, con l’arrivo della pandemia, abbiamo visto più eventi trombotici soprattutto quando non si utilizzavano gli anticoagulanti e questo ha avuto un ruolo significativo nella mortalità, tanto è vero che nella prima ondata nei reparti Covid avevamo numeri di decessi importanti. Una volta che abbiamo cambiato la terapia, con l’utilizzo dei farmaci antinfiammatori e anticoagulanti la situazione è migliorata, ma i rischi potevano aumentare comunque del 20 o del 30% nei reparti di rianimazione. Recentemente abbiamo avuto segnalazioni di trombosi venose cerebrali in soggetti che avevano ricevuto il vaccino di AstraZeneca nei paesi nordici, Danimarca, Inghilterra e poi ancora Spagna e Italia a distanza di 4 o 5 giorni fino a due settimane dalla somministrazione. Ci sono stati diversi sintomi e quadri evidenziati. Alcuni giorni fa EMA ha raccolto i dati inglesi ed europei ed ha visto che su 34 milioni di persone vaccinate si sono verificati 179 casi di trombosi venosa cerebrale e 53 casi di trombosi arteriosa».

Dai vostri studi avete capito cosa determina in alcuni soggetti l’insorgenza della trombosi?

«Non sappiamo quali siano i fattori di rischio ed è molto difficile, pertanto, dare delle raccomandazioni precise. Molti paesi hanno deciso, in seguito alle disposizioni date da EMA, di somministrare AstraZeneca agli over 60 e quindi di diversificare la somministrazione a seconda dell’età dei riceventi. Anche lì però non ci sono dati precisi su quale categoria di pazienti potrebbe essere più a rischio. Non avendo questo dato, ogni cosa che viene detta è scientificamente sbagliata e quindi il messaggio che voglio trasmettere è che è necessario vaccinare tutti, il più velocemente possibile, per arrivare ad una immunità tale da poter ridurre la mortalità».

Questo fenomeno è stato riscontrato in maniera prevalente o esclusiva con AstraZeneca o anche negli altri vaccini c’è stata una correlazione o un aumento degli effetti trombotici?

«In realtà non abbiamo ancora un dato di confronto tra gli effetti collaterali dei vaccini. Da quello che posso riportare io, l’effetto collaterale di piastrinopenia (si intende una quantità di piastrine circolanti inferiore a 150.000/mm³) è stato riscontrato anche con alcuni pazienti che hanno fatto Pfizer, mentre il quadro della trombosi venosa cerebrale insieme a piastrinopatia grave o con evento emorragico è stato visto con AstraZeneca, ma per quanto visto da Pfizer ci sono stati casi di piastrinopenia in Inghilterra e in altri paesi europei. L’AIFA, in questo momento, sta lavorando per avere un quadro più preciso».

Alla luce di queste considerazioni, è consigliabile per alcune categorie che possono avere malattie autoimmuni o che fragilità capillare o venosa fare degli esami prima del vaccino?

«Assolutamente no, è molto difficile dare indicazioni in tal senso, se non si conoscono ancora i fattori di rischio. Se si guardano bene i dati riportati in tutto il mondo c’è una eterogeneità enorme. Molte persone che hanno avuto effetti collaterali erano giovani e non soffrivano di alcuna patologia, quindi non possiamo dire quali categorie di persone devono evitare questo vaccino».

A chi ha meno di 55 anni ed ha fatto la prima dose di AstraZeneca cosa succederà ora?

«Chi ha fatto AstraZeneca deve fare la seconda dose con lo stesso vaccino».

In base alle nuove direttive si sente di fare qualche raccomandazione agli italiani che devono vaccinarsi?

«Molte persone sono spaventate e in questi giorni ci chiamano per sapere se devono utilizzare eparina o aspirina prima di fare il vaccino. La risposta è no, perché questo potrebbe portare a problemi emorragici. Le persone che prendono la pillola anticoncezionale chiedono se devono interromperla, o fare un altro vaccino. Anche in questo caso dico che non è necessario fare alcuna azione, perché nessun fattore di rischio è tale da richiederlo. Pertanto, la popolazione deve continuare a fare la vaccinazione secondo le regole e le raccomandazioni nazionali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Da EMA parere positivo a primo vaccino RSV per donne incinte e anziani
il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha dato parere positivo per l'approvazione del primo vaccino contro RSV per proteggere i bambini fino ai 6 mesi di vita e gli anziani over 60
Antibiotici, Pregliasco: “Uso inappropriato di fluorochinoloni rischioso per la salute”
In Italia si abusa di antibiotici fluorochinoloni. Fabrizio Ernesto Pregliasco, direttore sanitario dell’IRCCS Ospedale Galeazzi, Sant'Ambrogio, e professore all’Università degli Studi di Milano, spiega a Sanità Informazione i possibili pericoli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.