Salute 23 Luglio 2018

Vaccini, Assessore Saccardi (Sanità Toscana): «Verificheremo. Se si vuole rivedere l’obbligo lo si faccia in modo chiaro»

«Le famiglie da noi non portano nulla poiché l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata. Non può essere questo il sistema per evitare l’applicazione di una norma che finché c’è va applicata», spiega l’assessore intervenendo sulla circolare disposta in materia dal Ministro della Salute Giulia Grillo

Immagine articolo

«L’autocertificazione come semplificazione delle procedure per le famiglie, nella mia regione, è un tema che non regge: qui l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata e le scuole possono verificare subito quali sono i bambini che non sono in regola con gli adempimenti vaccinali. Abbiamo deciso che queste autocertificazioni le verificheremo tutte e non a campione». Chiaro, netto e preciso il pensiero di Stefania Saccardi, Assessore all’integrazione socio-sanitaria della Regione Toscana sul tema vaccini. Nella sua regione, la Toscana, sembra destinata a incidere poco la circolare del Ministero della Salute e del Ministero dell’Istruzione che permette di autocertificare l’avvenuta vaccinazione del bambino per l’iscrizione, norma contestata dalle opposizioni e da una parte del mondo medico. Abbiamo incontrato l’assessore Saccardi in occasione dell’edizione 2018 degli stati generali dell’assistenza a lungo termine, dove ci ha illustrato anche le soluzioni a supporto della Long Term Care proposte in Toscana.

Assessore, il panorama relativo all’obbligatorietà vaccinale sta cambiando. La circolare del Ministero della Salute consente di presentare un’autocertificazione per l’iscrizione a scuola dei bambini. Lei che cosa ne pensa in qualità di assessore alla Sanità della Regione Toscana?

«Io penso che se si vuole rivedere l’obbligo vaccinale lo si deve fare in modo chiaro e diretto e, quindi, affrontare in modo deciso la revisione della legge. Quando si fa politica ci si assume la responsabilità delle decisioni: se si ritiene che l’obbligo vaccinale – io penso di no – debba essere qualcosa da rivedere si va in Parlamento e si discute. Francamente, diciamo almeno per quello che riguarda la realtà della Regione Toscana, inserire strumenti che hanno il compito di eludere alcune previsioni di legge non mi pare oggi il modo corretto per rispondere a quella che è stata un’emergenza nel nostro paese e che ora comincia a portare dei dati in crescita e aumento. Posso dire che nella Regione Toscana il tema dell’autocertificazione come semplificazione delle procedure – almeno così l’ha descritta il ministro – che riguardano le famiglie è un tema che non regge perché le famiglie da noi non portano assolutamente nulla e non fanno nulla poiché l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata. Non può essere questo il sistema per evitare l’applicazione di una norma che finché c’è va applicata».

Parliamo di soluzioni a supporto della Long Term Care: quali sono le iniziative più significative messe in atto dalla Regione Toscana?

«Stiamo predisponendo il piano regionale della cronicità, mettendo a sistema alcune esperienze che in Regione Toscana partono dal Chronic Care Model e poi si declinano nella sanità d’iniziativa, nell’elaborazione di una delibera che riguarda l’attivazione dell’infermiere di comunità e nella possibilità di gestire le cronicità a livello territoriale in modo integrato, presso le società della salute che coniugano sia le competenze della sanità che quelle sociali. Queste sono tutte quelle tematiche di tipica integrazione sociosanitaria che prevedono anche i percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA) ai quali abbiamo aggiunto la “s” di sociali. Sono le grandi sfide che dovremmo affrontare nei prossimi anni a fronte di tante problematiche; alcune riusciamo a contenerle, altre meno. La cronicità, ad esempio, è un fenomeno purtroppo in aumento: aumenta il diabete, aumentano le malattie croniche come la BPCO, ormai diventano croniche anche malattie di carattere oncologico e le problematiche di salute mentale e di psichiatria. A nostro parere, anche questi sono percorsi da inserire in una presa in carico che riguarda il tema della cronicità. Queste sono alcune delle cose che abbiamo cominciato a mettere insieme, che si integrano naturalmente con il percorso ospedale-territorio, con tutte le strutture di cure intermedie che abbiamo a bassa intensità assistenziale che stiamo mettendo in piedi e le cure domiciliari integrate che stiamo provando a sperimentare anche utilizzando il fondo sociale europeo in modo innovativo. Abbiamo sistemi di fast track presso gli studi dei medici di medicina generale che consentono al medico di trovare uno specialista di riferimento immediatamente in modo da evitare anche la presa in carico ospedaliera e il pronto soccorso. Nel complesso, posso dire che stiamo provando a strutturare il territorio nella convinzione, condivisa anche con le altre regioni, che la cronicità si affronta meglio se è presa in carico sul territorio e se ha sempre meno bisogno dell’intervento ospedaliero, sia nell’interesse del paziente che del sistema».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Premio Bellisario 2019, il Presidente Mattarella riceve Pasquale Frega (AD Novartis Italia)
«L’incontro di stamane con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, oltre ad aver rappresentato per me un grandissimo onore, sottolinea ulteriormente il valore del riconoscimento attribuito a Novartis dalla Fondazione Bellisario». Così Pasquale Frega, Country President e Amministratore Delegato di Novartis Italia, ha commentato l’incontro con il Capo dello Stato, che questa mattina ha ricevuto […]
Sanità, Aifi festeggia 60 anni e guarda al futuro
L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, compie 60 anni e ripercorre le tappe che l’hanno portata a rappresentare la categoria, a tutelare professionisti e cittadini e a proiettarsi verso i nuovi bisogni di salute della popolazione contribuendo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. Oltretutto cambiando ancora ‘pelle’ a seguito della legge 24 del 2017 (legge Gelli) per […]
Il 14 giugno è la Giornata Mondiale del donatore di sangue. Dall’Emilia-Romagna una campagna speciale per ‘celebrare’ i tanti cittadini solidali
Sono poco meno di 140mila, con un’età media tra i 40 e i 42 anni, e hanno consentito di raccogliere, lo scorso anno, più di 213mila unità di sangue. Ecco i numeri dei donatori di sangue dell’Emilia-Romagna: a loro, e ai cittadini di qualunque parte del mondo che compiono questo importante gesto di altruismo, è […]
Pazienti fragili, i vaccini fondamentali per un’adeguata prevenzione. A rischio anziani, bambini, malati cronici
Chi sono I pazienti fragili? Quali criteri sono alla base di una loro individuazione? Le vaccinazioni del paziente fragile rappresentano un argomento emergente nel panorama sanitario italiano. Le vaccinazioni, in genere, si rivolgono a due categorie di persone: soggetti sani (spesso in età infantile o adolescenziale), con scopo preventivo, e sono le vaccinazioni classiche; i pazienti […]
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...