Salute 23 Luglio 2018

Vaccini, Assessore Saccardi (Sanità Toscana): «Verificheremo. Se si vuole rivedere l’obbligo lo si faccia in modo chiaro»

«Le famiglie da noi non portano nulla poiché l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata. Non può essere questo il sistema per evitare l’applicazione di una norma che finché c’è va applicata», spiega l’assessore intervenendo sulla circolare disposta in materia dal Ministro della Salute Giulia Grillo

Immagine articolo

«L’autocertificazione come semplificazione delle procedure per le famiglie, nella mia regione, è un tema che non regge: qui l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata e le scuole possono verificare subito quali sono i bambini che non sono in regola con gli adempimenti vaccinali. Abbiamo deciso che queste autocertificazioni le verificheremo tutte e non a campione». Chiaro, netto e preciso il pensiero di Stefania Saccardi, Assessore all’integrazione socio-sanitaria della Regione Toscana sul tema vaccini. Nella sua regione, la Toscana, sembra destinata a incidere poco la circolare del Ministero della Salute e del Ministero dell’Istruzione che permette di autocertificare l’avvenuta vaccinazione del bambino per l’iscrizione, norma contestata dalle opposizioni e da una parte del mondo medico. Abbiamo incontrato l’assessore Saccardi in occasione dell’edizione 2018 degli stati generali dell’assistenza a lungo termine, dove ci ha illustrato anche le soluzioni a supporto della Long Term Care proposte in Toscana.

Assessore, il panorama relativo all’obbligatorietà vaccinale sta cambiando. La circolare del Ministero della Salute consente di presentare un’autocertificazione per l’iscrizione a scuola dei bambini. Lei che cosa ne pensa in qualità di assessore alla Sanità della Regione Toscana?

«Io penso che se si vuole rivedere l’obbligo vaccinale lo si deve fare in modo chiaro e diretto e, quindi, affrontare in modo deciso la revisione della legge. Quando si fa politica ci si assume la responsabilità delle decisioni: se si ritiene che l’obbligo vaccinale – io penso di no – debba essere qualcosa da rivedere si va in Parlamento e si discute. Francamente, diciamo almeno per quello che riguarda la realtà della Regione Toscana, inserire strumenti che hanno il compito di eludere alcune previsioni di legge non mi pare oggi il modo corretto per rispondere a quella che è stata un’emergenza nel nostro paese e che ora comincia a portare dei dati in crescita e aumento. Posso dire che nella Regione Toscana il tema dell’autocertificazione come semplificazione delle procedure – almeno così l’ha descritta il ministro – che riguardano le famiglie è un tema che non regge perché le famiglie da noi non portano assolutamente nulla e non fanno nulla poiché l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata. Non può essere questo il sistema per evitare l’applicazione di una norma che finché c’è va applicata».

Parliamo di soluzioni a supporto della Long Term Care: quali sono le iniziative più significative messe in atto dalla Regione Toscana?

«Stiamo predisponendo il piano regionale della cronicità, mettendo a sistema alcune esperienze che in Regione Toscana partono dal Chronic Care Model e poi si declinano nella sanità d’iniziativa, nell’elaborazione di una delibera che riguarda l’attivazione dell’infermiere di comunità e nella possibilità di gestire le cronicità a livello territoriale in modo integrato, presso le società della salute che coniugano sia le competenze della sanità che quelle sociali. Queste sono tutte quelle tematiche di tipica integrazione sociosanitaria che prevedono anche i percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA) ai quali abbiamo aggiunto la “s” di sociali. Sono le grandi sfide che dovremmo affrontare nei prossimi anni a fronte di tante problematiche; alcune riusciamo a contenerle, altre meno. La cronicità, ad esempio, è un fenomeno purtroppo in aumento: aumenta il diabete, aumentano le malattie croniche come la BPCO, ormai diventano croniche anche malattie di carattere oncologico e le problematiche di salute mentale e di psichiatria. A nostro parere, anche questi sono percorsi da inserire in una presa in carico che riguarda il tema della cronicità. Queste sono alcune delle cose che abbiamo cominciato a mettere insieme, che si integrano naturalmente con il percorso ospedale-territorio, con tutte le strutture di cure intermedie che abbiamo a bassa intensità assistenziale che stiamo mettendo in piedi e le cure domiciliari integrate che stiamo provando a sperimentare anche utilizzando il fondo sociale europeo in modo innovativo. Abbiamo sistemi di fast track presso gli studi dei medici di medicina generale che consentono al medico di trovare uno specialista di riferimento immediatamente in modo da evitare anche la presa in carico ospedaliera e il pronto soccorso. Nel complesso, posso dire che stiamo provando a strutturare il territorio nella convinzione, condivisa anche con le altre regioni, che la cronicità si affronta meglio se è presa in carico sul territorio e se ha sempre meno bisogno dell’intervento ospedaliero, sia nell’interesse del paziente che del sistema».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Obbligo vaccinale, Nas: «Ad oggi 217 contestazioni a dirigenti e genitori». A Belluno 30 indagati
Presentato il libro “La prima missione dei fratelli Super Vaccini e dei loro amici. Un pizzicotto in quattro e quattr’otto", realizzato dall’associazione Valore Uomo in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità. Ricciardi: «Bene obbligo ma copertura non ancora sufficiente ovunque». Mazzucchiello: «La favoletta è per i bambini ma sono i genitori che devono leggerla». Il Miur diffonderà il volume nelle scuole
Napoli, al Policlinico Vanvitelli nuova sala d’attesa per il Centro regionale di diabetologia pediatrica
Venerdì 24 gennaio 2020, alle ore 15.00, avrà luogo l’inaugurazione della nuova sala d’attesa del Reparto di Diabetologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” di Napoli. Le pareti bianche hanno fatto posto al mare popolato da pesci sorridenti e alghe amiche che tentano di rendere meno difficile la permanenza del bambino in ospedale. Ma non […]
Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità
I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Proroga Ecm: da Consulcesi il vademecum per evitare sanzioni
Dopo la decisione della Commissione Nazionale per l’Educazione Continua in Medicina di concedere un altro anno per assolvere all’obbligo formativo ecco tutto quello che c’è da sapere ed i principali rischi che corre chi non sarà in regola entro il 31 dicembre 2020
Salute maschile, gli endocrinologi: «Attenzione alle patologie “femminili” che colpiscono anche gli uomini»
Tra le malattie nascoste l’anoressia, l’osteoporosi e la pubertà precoce. 1 uomo su 4 soffre di anoressia, 1 su 10 di osteoporosi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano