Salute 16 Maggio 2019

Uomini e donne rispondono in modo diverso ai farmaci. Un esempio? La cardioaspirina

Solo negli ultimi anni la ricerca clinica e biomedica ha cominciato ad approntare cure mirate alle specificità dei due sessi e ad includere le donne nelle sperimentazioni cliniche. La professoressa Patrizia Hrelia, ordinario di farmacologia e tossicologia presso l’Università di Bologna: «La medicina di genere supera l’approccio androcentrico che ha caratterizzato la ricerca fino alla fine degli anni ‘90»

Uomini da Marte e donne da Venere? Più o meno, e le differenze si riscontrano anche nella loro salute. Le donne vivono di più ma trascorrono gli anni guadagnati con malattie o disabilità; gli uomini corrono un rischio maggiore di Parkinson e le donne di Alzheimer; i primi soffrono maggiormente di patologie cardiovascolari mentre le seconde sono più propense ad accusare ansia e depressione. Ma anche la risposta ai farmaci è diversa. Eppure, solo all’inizio del nuovo millennio si è iniziato a considerare queste differenze anche nella pratica clinica.

A parlare di questi temi a Bologna, al Festival della Scienza Medica, è stata la professoressa Patrizia Hrelia, ordinario di farmacologia e tossicologia presso l’Università di Bologna. «Abbiamo sempre vissuto una medicina androcentrica, cioè incentrata sull’uomo, che era il paradigma di riferimento. Le donne erano escluse dagli studi clinici e dagli studi di sperimentazione sui farmaci, tesi a valutarne la sicurezza e l’efficacia. Allora solo da pochi anni sappiamo che, ad esempio, la cardioaspirina agisce in modo diverso su uomini e donne».

LEGGI ANCHE: DISTURBI DEL SONNO, LE DONNE DORMONO MENO E PEGGIO DEGLI UOMINI

Secondo la professoressa Hrelia, il farmaco che fluidifica il sangue è «uno degli esempi maggiori che testimonia l’impatto dell’esclusione delle donne dagli studi». Come spiega ai nostri microfoni, infatti, «negli studi che contemplavano solo uomini, la cardioaspirina aveva dimostrato un indubbio effetto protettivo nei confronti del rischio cardiovascolare; ma quando le ricerche hanno coinvolto anche le donne, i risultati e le correlazioni non erano così certi, e si è quindi iniziato a capire che le donne non rispondono in termini di prevenzione primaria all’assunzione di cardioaspirina, che è invece valida nella prevenzione secondaria. Inoltre, il farmaco nelle donne aiuta a prevenire l’ictus e non l’infarto, mentre negli uomini accade esattamente l’opposto».

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA: 

Articoli correlati
Tumore HER2 positivo o mutato, trastuzumab deruxtecan può migliorare la prognosi dei pazienti
Dopo l’approvazione dell’FDA per il trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2 positivo, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e Astrazeneca ha dimostrato risposte tumorali clinicamente significative anche nel carcinoma gastrico HER-positivo, nel carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione HER2 e nel carcinoma colorettale HER2 positivo. Al Congresso Virtuale dell’American Society of Clinical Oncology i risultati dei trial di Fase II DESTINY-Gastric01, DESTINY-Lung 01, DESTINY-CR01
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Cellule Staminali Cordonali salvano un paziente con leucemia a Vicenza
Un paziente affetto da leucemia, in gravi condizioni dopo il trapianto di midollo osseo, è stato salvato grazie alle cellule staminali del cordone ombelicale. Le cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale salvano ancora vite. L’Italia si sta aprendo a queste nuove terapie. Lo sta facendo in quelle Cell Factory che possono produrre farmaci a base di cellule staminali. […]
di Dott.ssa Pierangela Totta, Responsabile Scientifica Futura Stem Cells
Epilessia e lockdown, problemi per il 40% dei pazienti. L’indagine LICE
Dal sondaggio condotto dalla lega italiana contro l’epilessia, emerge che su circa 1000 persone, di cui la metà affetti da epilessia, quasi 2 pazienti su 10 hanno manifestato il peggioramento dei propri sintomi durante la quarantena. Visite bloccate e difficoltà di gestire il follow-up della propria malattia per quasi 1 paziente su 2
Antonio Scala, Big Data in Health Society: «Serve un monitoraggio attivo sul COVID-19 da affidare ai MMG»
Maria Luisa Chiusano, Università di Napoli: «La ricerca molecolare riapre il dibattito sul ruolo dei farmaci RAAS-Inibitori – ACE Inibitori e Sartani – nel contenere la carica virale nel COVID-19. Minore abbondanza di ACE-2 sulla membrana ed eventuali frammenti liberi che catturino in anticipo il virus, limiterebbero l’attacco sulla membrana cellulare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 giugno, sono 6.383.805 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 380.331 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 2 giugno: Nel...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco