Salute 16 Maggio 2019 09:00

Uomini e donne rispondono in modo diverso ai farmaci. Un esempio? La cardioaspirina

Solo negli ultimi anni la ricerca clinica e biomedica ha cominciato ad approntare cure mirate alle specificità dei due sessi e ad includere le donne nelle sperimentazioni cliniche. La professoressa Patrizia Hrelia, ordinario di farmacologia e tossicologia presso l’Università di Bologna: «La medicina di genere supera l’approccio androcentrico che ha caratterizzato la ricerca fino alla fine degli anni ‘90»

Uomini da Marte e donne da Venere? Più o meno, e le differenze si riscontrano anche nella loro salute. Le donne vivono di più ma trascorrono gli anni guadagnati con malattie o disabilità; gli uomini corrono un rischio maggiore di Parkinson e le donne di Alzheimer; i primi soffrono maggiormente di patologie cardiovascolari mentre le seconde sono più propense ad accusare ansia e depressione. Ma anche la risposta ai farmaci è diversa. Eppure, solo all’inizio del nuovo millennio si è iniziato a considerare queste differenze anche nella pratica clinica.

A parlare di questi temi a Bologna, al Festival della Scienza Medica, è stata la professoressa Patrizia Hrelia, ordinario di farmacologia e tossicologia presso l’Università di Bologna. «Abbiamo sempre vissuto una medicina androcentrica, cioè incentrata sull’uomo, che era il paradigma di riferimento. Le donne erano escluse dagli studi clinici e dagli studi di sperimentazione sui farmaci, tesi a valutarne la sicurezza e l’efficacia. Allora solo da pochi anni sappiamo che, ad esempio, la cardioaspirina agisce in modo diverso su uomini e donne».

LEGGI ANCHE: DISTURBI DEL SONNO, LE DONNE DORMONO MENO E PEGGIO DEGLI UOMINI

Secondo la professoressa Hrelia, il farmaco che fluidifica il sangue è «uno degli esempi maggiori che testimonia l’impatto dell’esclusione delle donne dagli studi». Come spiega ai nostri microfoni, infatti, «negli studi che contemplavano solo uomini, la cardioaspirina aveva dimostrato un indubbio effetto protettivo nei confronti del rischio cardiovascolare; ma quando le ricerche hanno coinvolto anche le donne, i risultati e le correlazioni non erano così certi, e si è quindi iniziato a capire che le donne non rispondono in termini di prevenzione primaria all’assunzione di cardioaspirina, che è invece valida nella prevenzione secondaria. Inoltre, il farmaco nelle donne aiuta a prevenire l’ictus e non l’infarto, mentre negli uomini accade esattamente l’opposto».

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA: 

Articoli correlati
Dalla farmacologia alla formazione, l’importanza della medicina di genere
Al Senato convegno organizzato dalla dem Paola Boldrini dal titolo “Idee in pratica: per una sanità attenta alle differenze di sesso e genere”. Brusaferro: «La pandemia ci ha mostrato come ci siano differenze significative tra uomo e donna in termini di salute e malattia». Speranza: «Spazio per investimento strategico»
Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»
The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»
Con i farmaci generici il Ssn ha risparmiato oltre 5 miliardi nel 2020
Sono passati 25 anni da quando in Italia è stata promulgata la prima legge sul farmaco generico. Pasquarelli (Presidente DOC Generici): «Cambiato l’approccio del paziente che non guarda più con sospetto al generico, associando il costo alla qualità del prodotto»
Dislipidemie, i dati parlano chiaro. Binaghi: «L’80% dei soggetti a rischio non raggiunge il valore prefissato di LDL»
«Ci discostiamo di quasi il 20-30. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali linee guida europee»
La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne
Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM