Salute 16 Maggio 2019

Uomini e donne rispondono in modo diverso ai farmaci. Un esempio? La cardioaspirina

Solo negli ultimi anni la ricerca clinica e biomedica ha cominciato ad approntare cure mirate alle specificità dei due sessi e ad includere le donne nelle sperimentazioni cliniche. La professoressa Patrizia Hrelia, ordinario di farmacologia e tossicologia presso l’Università di Bologna: «La medicina di genere supera l’approccio androcentrico che ha caratterizzato la ricerca fino alla fine degli anni ‘90»

Uomini da Marte e donne da Venere? Più o meno, e le differenze si riscontrano anche nella loro salute. Le donne vivono di più ma trascorrono gli anni guadagnati con malattie o disabilità; gli uomini corrono un rischio maggiore di Parkinson e le donne di Alzheimer; i primi soffrono maggiormente di patologie cardiovascolari mentre le seconde sono più propense ad accusare ansia e depressione. Ma anche la risposta ai farmaci è diversa. Eppure, solo all’inizio del nuovo millennio si è iniziato a considerare queste differenze anche nella pratica clinica.

A parlare di questi temi a Bologna, al Festival della Scienza Medica, è stata la professoressa Patrizia Hrelia, ordinario di farmacologia e tossicologia presso l’Università di Bologna. «Abbiamo sempre vissuto una medicina androcentrica, cioè incentrata sull’uomo, che era il paradigma di riferimento. Le donne erano escluse dagli studi clinici e dagli studi di sperimentazione sui farmaci, tesi a valutarne la sicurezza e l’efficacia. Allora solo da pochi anni sappiamo che, ad esempio, la cardioaspirina agisce in modo diverso su uomini e donne».

LEGGI ANCHE: DISTURBI DEL SONNO, LE DONNE DORMONO MENO E PEGGIO DEGLI UOMINI

Secondo la professoressa Hrelia, il farmaco che fluidifica il sangue è «uno degli esempi maggiori che testimonia l’impatto dell’esclusione delle donne dagli studi». Come spiega ai nostri microfoni, infatti, «negli studi che contemplavano solo uomini, la cardioaspirina aveva dimostrato un indubbio effetto protettivo nei confronti del rischio cardiovascolare; ma quando le ricerche hanno coinvolto anche le donne, i risultati e le correlazioni non erano così certi, e si è quindi iniziato a capire che le donne non rispondono in termini di prevenzione primaria all’assunzione di cardioaspirina, che è invece valida nella prevenzione secondaria. Inoltre, il farmaco nelle donne aiuta a prevenire l’ictus e non l’infarto, mentre negli uomini accade esattamente l’opposto».

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA: 

Articoli correlati
OMS, al via l’assemblea a Ginevra. L’Italia chiede più trasparenza sul prezzo dei farmaci
L'Assemblea mondiale della Salute costituisce un forum unico e privilegiato di confronto, a livello internazionale, sui principali temi relativi alla salute globale
“Ho assunto farmaci per potenziare il cervello. Ecco la mia inchiesta…”. Primo libro sul miglioramento cognitivo
“Cervello senza limiti” è la prima inchiesta italiana sul fenomeno controverso, ma sempre più diffuso, del brain enhancement. L’autrice, Johann Rossi Mason: «Ti permettono di lavorare per ore senza sentire la fatica ma non sono una scorciatoia». E lancia il sondaggio per indagare il fenomeno nel nostro paese
di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Prezzo farmaci, Grillo: «Serve maggiore trasparenza in tutta Europa». In Usa maxi causa contro case farmaceutiche
«Nei prossimi giorni a Ginevra ci sarà la discussione della nostra Risoluzione presso l’OMS», è l’annuncio del ministro della Salute, Giulia Grillo
«Il Paese cerca scopritori di possibilità di cure» l’appello di Scaccabarozzi (Pres. Farmindustria) agli studenti di medicina del Campus di Roma
Non più solo in corsia. Oggi i medici servono anche nel settore farmaceutico. È questo il messaggio emerso dall’incontro: “Il farmaco dalla ricerca di base alla terapia: sinergie tra accademia e impresa sulle nuove prospettive occupazionali del settore farmaceutico”, in Università Campus Bio-Medico di Roma. All’evento hanno partecipato Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria, Alessandro Mugelli, […]
L’11 maggio è la Giornata Nazionale del Mal di Testa: ne soffre il 50% degli adulti
L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ben il 50% degli adulti soffra di cefalea, comunemente detto mal di testa, con un episodio verificatosi almeno una volta nell’ultimo anno; tra i 18 e i 65 anni di età la percentuale cresce fino al 75% e, tra questi, più del 30% ha sofferto di emicrania, una delle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...