Salute 19 Maggio 2021 15:55

Università di Milano e Ospedale Sacco al lavoro per addestrare i cani anti-Covid

Il progetto permetterà di formare segugi in grado di riconoscere in grandi ambienti persone affette da Covid

di Federica Bosco

Si chiama Timmy ed è uno dei cani che sta facendo il corso di addestramento per diventare un segugio anti-Covid.  Siamo entrati nel laboratorio di medicina veterinaria dell’università di Milano dove ogni giorno i proprietari accompagnano i loro amici a quattro zampe per migliorare le capacità olfattive e riconoscere il virus, come ci spiega la professoressa Mariangela Albertini, docente di Fisiologia ed etologia e coordinatrice del lavoro realizzato in collaborazione con l’ospedale Sacco.

«Abbiamo attivato questo progetto in quanto abbiamo già avuto modo di riscontrare la grande capacità olfattiva dei cani in una precedente esperienza fatta con lo IEO – spiega la docente -. In quella occasione addestravamo cani a riconoscere nelle urine umane i voc, composti organici volatili rappresentativi del tumore polmonare. Forti dei risultati ottenuti, abbiamo pensato di riproporre il metodo per il Covid e contiamo di riuscire a distinguere anche le persone che non hanno sintomi evidenti della malattia».

Pastori belga, bassotti e meticci i cani da addestrare

Mezz’ora di addestramento in laboratorio un paio di volte la settimana per due mesi è il tempo necessario per preparare i cani scelti a riconoscere la presenza del virus. Sono pastori belga, bassotti, ma anche meticci «perché – spiega la professoressa Albertini – tutti i cani hanno l’olfatto sviluppato. L’importante è che il cane abbia voglia di concentrarsi. È fondamentale che abbia un buon rapporto con il proprietario e abbia voglia di giocare con lui e con noi. Ci sono cani che preferiscono fare lavori di agilità e correre, altri invece prediligono concentrarsi sulla ricerca».

La prima fase dell’addestramento si svolge in laboratorio: «Si tratta di una ricerca olfattiva – prosegue la coordinatrice del progetto -. Su sei postazioni vengono posizionati cinque campioni negativi e uno positivo. Il cane annusa tutte le postazioni, poi identifica quella positiva e si siede davanti. Al riconoscimento di quella esatta viene premiato con un bocconcino».

Programmati per riconoscere il Covid in grandi ambienti

L’obiettivo è essere pronti a settembre per avere cani in grado di riconoscere persone affette da Covid in grandi ambienti come aeroporti, teatri, cinema, stadi e scuole. «La nostra idea è quella di dimostrare la capacità di questi cani di percepire il Covid nelle persone positive e poi formare chi lavora nella Protezione Civile e nelle Forze dell’Ordine in modo che possano andare negli ambienti pubblici e svolgere questo tipo di lavoro. Da sottolineare è che noi faremo anche un lavoro di ricerca statistico per dimostrare, dati alla mano, che la capacità dei cani arriva almeno all’85-90% di sensibilità e specificità – conclude -. Quindi un test di screening con un valore predittivo molto elevato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM