Contributi e Opinioni 6 Aprile 2021 13:02

Lettera aperta dei malati di tumore al polmone a chi ha contratto la malattia da Covid-19

Questa lettera nasce da un’iniziativa di alcuni pazienti oncologici appartenenti al gruppo “Sconfiggiamo il cancro al polmone” di ALCASE Italia

di ALCASE Italia

Ognuno di noi, malati di neoplasia polmonare, è consapevole di quante analogie legano le persone affette da un tumore come il nostro e quelle malate da infezione di SARS-CoV-2.

Ciascuno di noi vuole condividere la propria sofferenza e far comprendere al contempo cosa significa essere colpito da una malattia che attacca l’organo deputato alla respirazione. Come fa il cancro del polmone e come fa il virus della pandemia!

Nessuno tra noi può dimenticare “la fame d’aria”, quella tremenda sensazione che ti fa sentire boccheggiante, come un pesce fuor d’acqua, e che provoca angoscia, terrore e impotenza allo stato puro.

Quando sentiamo parlare donne e uomini, che hanno attraversato il tunnel della malattia da Covid e che descrivono la terribile sensazione di non riuscire a respirare, non riusciamo ad ascoltarli senza profondo turbamento. E sentendo i loro racconti, non possiamo non rivivere, senza nuova sofferenza, i momenti spaventosi che tutti noi abbiamo attraversato nelle prime fasi della nostra malattia, quando non avevamo ancora ottenuto un efficace piano terapeutico, adatto a ciascuno di noi.

Anche quando viene descritta la “mancanza di forze”, siamo vicinissimi ai malati di Covid e sappiamo bene cosa significhi passare giorni o settimane sdraiati e sfiancati, solo per aver fatto pochi passi fino al bagno…  Passi spesso impossibili senza l’aiuto di un famigliare.  Noi conosciamo la tremenda sensazione di non riuscire a svolgere il benché minimo gesto senza essere costretti a fermarsi a causa dell’affanno o della estrema debolezza.

Tutte queste esperienze ci uniscono e, se il detto recita “il dolore è di chi lo indossa”, ecco… questo dolore è vostro ed è nostro.

Non sappiamo se queste poche righe vi faranno sentire meno soli… Lo speriamo. Vorremmo, comunque, che esse arrivassero a chi non ha mai percorso la strada che voi, come noi, state percorrendo.

Non finiremo mai di ringraziare i ricercatori che hanno fatto sì che oggi ci siano vaccini anti Covid e che, per quanto ci riguarda più strettamente, ci siano nuove, più efficaci classi di farmaci per i pazienti oncologici polmonari.

Rimane il rammarico che, mentre presto nessun’altra persona dovrà percorrere la terribile esperienza del Covid, grazie alla vaccinazione universale, continueranno ad essercene tante altre che si ammaleranno ancora di cancro al polmone…

Ciò che i ricercatori hanno, infatti, individuato, come l’equivalente per il cancro del polmone della vaccinazione, lo screening, non è ancora attivo in Italia e nessuno sa quando lo sarà.

Lo screening, come la vaccinazione per l’infezione da Covid-19, è oggi l’unico strumento che certamente risparmierebbe a molti l’esperienza di un tumore in fase avanzata o la vita stessa.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Firmato

Riccardo Plotegher, diagnosi febbraio 2018, stadio 3 A

Valeria Pedrini, diagnosi agosto 2017, stadio 4

Sandra di Marco, diagnosi ottobre 2020, stadio 4

Antonella lazzetta, diagnosi 2020, stadio 1

Sergio M., diagnosi dicembre 2015, stadio 4

Rosy Reggio Pivax, diagnosi 2018, stadio 4

Monica Borlenghi. diagnosi 2019, stadio 4

Pina Palermo, diagnosi ottobre 2015, stadio 4

Marco G., diagnosi gennaio 2018, stadio 4

Anna Stigliani, diagnosi dicembre 2015, stadio 4

Pina Verdecchia, diagnosi dicembre 2017, stadio 3 B

Marisa Melis, diagnosi novembre 2018, stadio 4

Said El Ghattis, diagnosi novembre 2020, stadio 3 B

Paolo Parisi, diagnosi novembre 2016, stadio 4

Antonella Biagiotti, diagnosi 2013, stadio 1

B.P., diagnosi maggio 2020 ,stadio 4

Pietro Dionisi, diagnosi novembre 2020, stadio 4

Maria Pia Di Pietro, diagnosi 2019, stadio 4

Tonietta D ‘Aurora, diagnosi 28 dicembre 2015, stadio 4

Giuliano Zaina, diagnosi gennaio 2019, stadio 4

Graziella G., diagnosi 2008, stadio 4

Giuseppina Margottino, diagnosi 2020, stadio 4

Loredana Pozzi, diagnosi 2020, stadio 2

Patrizia Amadei, diagnosi novembre 2019, stadio 3 A

Valeria B., diagnosi febbraio 2018, stadio 4

Giuseppe Luongo, diagnosi luglio 2019, stadio 4

Lucia M., diagnosi giugno 2014, stadio 4

Lilla Maugeri, diagnosi 2017, stadio 4

I. B., diagnosi luglio 2017, stadio 1

Michele T., diagnosi marzo 2019, stadio 3

Anna Feola, diagnosi dicembre 2019, stadio 4

Sonia Gazzina, diagnosi aprile 2019, stadio 2 B

Anna T.,diagnosi 2019, stadio 4

Marilena Toscano, diagnosi dicembre 2016, stadio 2 A

Angela Longieri, diagnosi febbraio 2016, stadio 2

Anna B. P., diagnosi 2019, stadio 1

Katia C.C., diagnosi 2019, stadio 3 B

Antonio M., diagnosi dicembre 2019, stadio 3 B

Giovanni Guadagna, diagnosi ottobre 2019, stadio 4

V.Bruno, diagnosi maggio 2019, stadio 4

Luigia Ferrario, diagnosi 2017, stadio 2 B

Jaele Cassinis, diagnosi 2015, stadio 1

Annalisa Rossi, diagnosi luglio 2018, stadio 4

Gianfranco Segaspini, diagnosi novembre 2018, stadio 4

Giovanna Pellegrino, diagnosi 2018, stadio 1

Susanna Bruni, diagnosi 2019, stadio 4

Gina P., diagnosi marzo 2017, stadio 3

Aurica Cotutiu, diagnosi gennaio 2021, stadio 4

Marilena Toscano, diagnosi 2016, stadio 3A

Monica Zambarbieri, diagnosi Maggio 2019, stadio 4

Anna Maria Russo, diagnosi ottobre 2018, stadio 4

Barbara Armanini, diagnosi agosto 2019, stadio 4

Sara Banti, diagnosi 2010, stadio 4

Rossi E., diagnosi 2018, stadio 4

Anna De Cristoforo, diagnosi agosto2019, stadio 4

Daniele Montanari, diagnosi 2009,  stadio 4

Laura Pasqui , diagnosi 2020, stadio 4

Cristina Sarù, diagnosi gennaio 2

Articoli correlati
Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto
La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»
È più rischioso prendere un aereo o fare il vaccino? La risposta è nel Micromort
Il Micromort è un’unità di rischio che indica una probabilità di morte su un milione e viene utilizzato per calcolare il rischio di morte per ogni attività quotidiana. Come applicarlo al caso J&J?
«Io, paziente Covid affetto da obesità, avrei rischiato la vita senza gli anticorpi monoclonali»
La storia di Fulvio D.A., soggetto ad altissimo rischio rimasto paucisintomatico: «Quell’ora di trattamento ha cambiato il mio destino»
Biologi, ostetriche e tecnici sanitari vaccinatori, siglato il protocollo d’intesa
Ad annunciarlo il presidente Fedriga, per ampliare la piattaforma di somministratori. Il ringraziamento dal presidente dei Biologi D'Anna
Vaccini, C&P: «Per medici pensionati rischio di essere vittime di norma incostituzionale»
Ad esprimersi sulla vicenda che ha alimentato la preoccupazione di molte aziende sanitarie per i possibili contraccolpi in un momento di emergenza nazionale, sono gli avvocati di Consulcesi & Partners, network legale dell’azienda Consulcesi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...