Salute 22 Aprile 2014 15:50

Un “Cuore Artificiale” batte nel futuro dei piccoli pazienti

Innovazione e ricerca chiedono speranze alla solidarietà

Un “Cuore Artificiale” batte nel futuro dei piccoli pazienti

Un’iniziativa di solidarietà che apre prospettive importanti per ricerca e innovazione tecnologica in sanità. Una nuova speranza per i bambini affetti da problemi cardiaci grazie al progetto “Cuore Artificiale”, curato dall’equipe del professor Antonio Amodeo, direttore della unità organizzativa che ha realizzato il progetto sul cuore artificiale presso l’ospedale pediatrico “Bambino Gesù” di Roma.

Un progetto destinato a cambiare la vita dei piccoli pazienti meno fortunati ma difficile da realizzare senza un aiuto concreto anche da privati e associazioni.

Prof. Antonio Amodeo, un progetto importante destinato ad aiutare tante persone.

Il progetto del Cuore Artificiale è nato diversi anni fa ed ora siamo arrivati alla fase pre-clinica. La speranza è quella di riuscire a dare il via alla fase clinica nel secondo trimestre di quest’anno. Abbiamo messo in piedi un progetto estremamente ambizioso perché riguarda l’ultima frontiera delle tecnologie applicate alla medicina. In questo caso si parla di turbine in titanio del peso di 11 grammi, oppure di 40 grammi nel caso di bambini sopra i 15 chili, in grado di supportare una gittata cardiaca di un litro e mezzo.

Dopo l’operazione i bambini potranno condurre una vita normale in attesa del trapianto

Come funziona il cuore artificiale?

Il cuore artificiale funziona in maniera estremamente semplice: si tratta di una turbina inserita all’interno del cuore e poi connessa con un tubicino all’aorta. Questa turbina aspira il sangue dal ventricolo sinistro e lo inietta in aorta ascendente. Resta però il problema del cavo di alimentazione energetica: al momento siamo in possesso di cavi molto piccoli che vengono “tunnellizzati”, attraverso l’addome, ad una batteria dal peso di un chilo. Sarà utile ad una popolazione di bambini dagli zero anni all’età adolescenziale. Dopo l’operazione questi bambini potranno tornare a condurre una vita normale in attesa del trapianto di cuore. Al di là della semplicità del processo, però, il tipo di progetto sviluppato è molto complesso e per poter essere realizzato necessitava di un lavoro di gruppo, multidisciplinare. In questo caso, Cuore Artificiale è nato anche grazie alla collaborazione di un gruppo di scienziati di New York, il quale ha provveduto a realizzare la turbina miniaturizzata di cui parlavo.

Quali sono, secondo lei, le prospettive future dell’utilizzo di queste tecnologie in ambito sanitario e quale apporto possono dare strumenti come tablet, smartphone e App alla medicina?

Le App in generale e quelle mediche in particolare, sono diventate strumenti ormai indispensabili e sempre più presenti nella vita di tutti noi. Possono avere grandi benefici sulla salute di chi ne fa uso. Sono però necessarie regole precise, per evitare la diffusione di applicazioni che possono creare più danni che benefici  per la salute umana.

Articoli correlati
Interventi chirurgici e screening saltati, Marini (ACOI): «Piano Marshall sanitario o non li recupereremo mai»
Intervista al presidente dell’ Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani: «Faccio appello al premier Draghi e al ministro Speranza: vi prego non lasciate soli milioni di italiani perché gli effetti negativi di questi ritardi si mostreranno nel tempo »
di Peter D'Angelo
Protesi, Mazzone (chirurgo della mano): «Un bastoncino di silicone contro artrite, traumi e malformazioni delle dita»
Vincent Joseph Mazzone è stato il primo, già nel 1991, a sperimentare una nuova tecnica di accesso laterale per la chirurgia protesica delle articolazioni delle dita, metodologia che solo negli ultimi 5 anni si è consolidata, diventando una pratica chirurgica diffusa
di Isabella Faggiano
All’ospedale Niguarda rivoluzione digitale in neurochirurgia, arriva l’esoscopio
Portata in Italia dal professor Cenzato, la nuova tecnologia permette, attraverso appositi occhiali, di visualizzare un campo operatorio di un centimetro su un monitor di 55 pollici senza perdita di risoluzione
di Federica Bosco
La chirurgia robotica per protesi compie 10 anni
Piergiuseppe Perazzini, primo chirurgo ad aver portato la tecnica in Italia: «Era il 27 gennaio 2011 e il primo intervento venne fatto al ginocchio. In dieci anni abbiamo prodotto numeri, perfezionato tecnologie e permesso di raggiungere traguardi importanti. Il futuro? Adottare questa tecnica per tutte le articolazioni umane»
di Federica Bosco
Dall’incidente alla rinascita: la storia di Marco Dolfin, il chirurgo paraplegico diventato campione di nuoto
Nel 2011 un terribile incidente lo ha costretto sulla sedia a rotelle. Oggi Marco Dolfin è un plurimedagliato campione di nuoto e continua ad operare al San Giovanni Bosco di Torino. Cruciale l’incontro con il chirurgo Paolo Anibaldi, paraplegico dall’età di 17 anni. La storia raccontata dal fratello Alberto nel libro “Iron Mark”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...