Salute 14 settembre 2018

Tumori testa e collo, al via “Make Sense Campaign”. Con diagnosi precoce il 90% dei pazienti guarisce

«È fondamentale offrire viste gratuite in un momento di crisi economica in cui 15 milioni di italiani non hanno la possibilità di curarsi. Parteciperò personalmente all’iniziativa in piazza a Torino». La senatrice azzurra presenta la campagna di sensibilizzazione dedicata a questo tipo di patologie tumorali

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Sono oltre 110 mila gli italiani affetti da tumori della testa e del collo. Come per tutte le patologie, la prevenzione è la prima arma. Con una diagnosi precoce il tasso di sopravvivenza raggiunge il 90%. Percentuale che cambia notevolmente nel caso in cui la malattia venga scoperta tardi: con un tumore in uno stadio avanzato il 60% dei pazienti muore entro 5 anni». A spiegare il ruolo cruciale della diagnosi precoce nel trattamento di queste neoplasie è la senatrice Maria Rizzotti,  membro della 12a Commissione Permanente Igiene e Sanità, in occasione di “Make Sense Campaign”, la campagna europea di sensibilizzazione dedicata ai tumori della testa e del collo, realizzata in collaborazione con Aiocc, l’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica.

“Tieni la testa sul collo. Un controllo può salvarti la vita” è lo slogan scelto per l’edizione 2018 che, dal 17 al 21 settembre, metterà in campo numerose iniziative nelle piazze italiane ed in oltre 20 centri specialistici (per saperne di più http://makesensecampaign.eu/it/).

«Parteciperò personalmente all’iniziativa in piazza a Torino – ha aggiunto la senatrice – una delle tante città in cui sarà possibile incontrare gli specialisti gratuitamente. Credo che offrire delle visite gratuite sia fondamentale in un momento di crisi economica in cui 15 milioni di italiani non hanno la possibilità di curarsi».

I tumori della testa e del collo in circa in 3 casi su 4 sono causati dal tabacco e dall’alcol. Anche il Papilloma Virus umano, soprattutto HPV 16, aumenta la possibilità di sviluppare questo tipo di neoplasia.

In prossimità della Settimana Europea sui tumori testa-collo, promossa dalla European Head and Neck Society (Ehns), il 15 settembre Aiooc sarà inoltre presente nelle piazze italiane “insieme” a illustri pittori come Vincent Van Gogh e Jan Vermeer: alcune opere verranno infatti riprodotte senza testa (e senza collo) così da rimarcare l’importanza della prevenzione in questo tipo di tumori e consentire ai passanti di  supportare la campagna, con uno scatto da condividere sui propri profili social, utilizzando l’hashtag #tienilatestasulcollo.

La campagna ha ricevuto il patrocinio di numerose associazioni e società scientifiche, tra cui: l’Associazione Italiana Laringectomizzati (Ailar Onlus), l’Associazione Italiana di Radioterapia ed Oncologia Clinica A.i.r.o., l’Associazione Oncologica Italiana Mutilati della Voce (Aot Onlus), l’Associazione Otorinolaringologi Ospedalieri Italiani (A.o.o.i.) e l’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri OMCeO Milano.

«È lodevole e giusto – ha commentato la senatrice Rizzotti – che siano le associazioni scientifiche ad impegnarsi in prima persona per sensibilizzare e informare i cittadini che, sempre più spesso, tendono a pronunciare autodiagnosi basandosi, purtroppo, sulle fake news».

“Make Sense Campaign” potrebbe essere solo l’inizio di nuove iniziative di prevenzione più diffuse e radicate sul territorio nazionale: «Proprio in questi giorni –  ha detto la senatrice – presenteremo alle due Camere una mozione che coinvolgerà tutte le forze politiche del Parlamento, volta ad impegnare il Governo su questo tema. Ci prodigheremo – ha concluso Maria Rizzotti – affinché sia sempre possibile effettuare screening e diagnosi precoce per questi tumori e non solo durante questa settimana di sensibilizzazione».

Articoli correlati
Sciopero medici, Russo (Forza Italia): «Contratto e quota 100, rischio esodo dalla sanità pubblica. Ora assunzioni e stop precariato»
Il deputato e oculista azzurro ha partecipato all’assemblea dei sindacati e guarda con preoccupazione al futuro della professione: «Si rischia un depauperamento di risorse, energie, passioni, vivacità, di intelligenze. Se da governo arriveranno proposte positive pronti a collaborare»
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Tumori, in Italia -17,6% decessi in 15 anni. Beretta (AIOM): «Nuovi trattamenti e prevenzione consentono di ottenere grandi risultati»
In Italia le morti per cancro diminuiscono in misura maggiore rispetto al resto d’Europa. Il nostro Paese si trova al primo posto in questa classifica: in 15 anni (2001-2016) il calo dei decessi è stato pari al 17,6%, in Francia e Spagna al 16%, nel Regno Unito al 13% e in Germania al 12,3%. Un […]
Terapia genica, la nuova frontiera per tumori e malattie rare. E le cure risolutive non sono più un miraggio
«Pensiamo ai costi sociali e sanitari di malattie che non si riescono a curare. Se questo approccio è risolutivo allora è sostenibile» così Pasquale Frega, country president e amministratore delegato di Novartis Italia
Registro tumori, il Senato approva all’unanimità. La relatrice Castellone: «Serve conoscere nemico per sconfiggerlo»
Il provvedimento è adesso atteso alla Camera. La senatrice M5S: «Istituiremo una rete che coordini prevenzione, diagnosi e cura dei tumori, grazie alla quale sarà possibile indirizzare la programmazione sanitaria attraverso un’attenta verifica della qualità dell’assistenza»
Tabagismo: una malattia contagiosa e mortale. Al via il congresso nazionale Sitab
L’epidemia da tabacco continua inesorabilmente a mietere vittime in Italia (80mila/anno), in Europa (600mila/anno) e nel mondo (>7 milioni/anno), senza contare l’incremento della cronicità che penalizza fortemente l’economia nazionale e mondiale. I decessi da fumo di tabacco avvengono soprattutto per tumori, malattie cardiovascolari e pneumologiche, con la malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO) in forte aumento, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano