Salute 14 Settembre 2018

Tumori testa e collo, al via “Make Sense Campaign”. Con diagnosi precoce il 90% dei pazienti guarisce

«È fondamentale offrire viste gratuite in un momento di crisi economica in cui 15 milioni di italiani non hanno la possibilità di curarsi. Parteciperò personalmente all’iniziativa in piazza a Torino». La senatrice azzurra presenta la campagna di sensibilizzazione dedicata a questo tipo di patologie tumorali

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Sono oltre 110 mila gli italiani affetti da tumori della testa e del collo. Come per tutte le patologie, la prevenzione è la prima arma. Con una diagnosi precoce il tasso di sopravvivenza raggiunge il 90%. Percentuale che cambia notevolmente nel caso in cui la malattia venga scoperta tardi: con un tumore in uno stadio avanzato il 60% dei pazienti muore entro 5 anni». A spiegare il ruolo cruciale della diagnosi precoce nel trattamento di queste neoplasie è la senatrice Maria Rizzotti,  membro della 12a Commissione Permanente Igiene e Sanità, in occasione di “Make Sense Campaign”, la campagna europea di sensibilizzazione dedicata ai tumori della testa e del collo, realizzata in collaborazione con Aiocc, l’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica.

“Tieni la testa sul collo. Un controllo può salvarti la vita” è lo slogan scelto per l’edizione 2018 che, dal 17 al 21 settembre, metterà in campo numerose iniziative nelle piazze italiane ed in oltre 20 centri specialistici (per saperne di più http://makesensecampaign.eu/it/).

«Parteciperò personalmente all’iniziativa in piazza a Torino – ha aggiunto la senatrice – una delle tante città in cui sarà possibile incontrare gli specialisti gratuitamente. Credo che offrire delle visite gratuite sia fondamentale in un momento di crisi economica in cui 15 milioni di italiani non hanno la possibilità di curarsi».

I tumori della testa e del collo in circa in 3 casi su 4 sono causati dal tabacco e dall’alcol. Anche il Papilloma Virus umano, soprattutto HPV 16, aumenta la possibilità di sviluppare questo tipo di neoplasia.

In prossimità della Settimana Europea sui tumori testa-collo, promossa dalla European Head and Neck Society (Ehns), il 15 settembre Aiooc sarà inoltre presente nelle piazze italiane “insieme” a illustri pittori come Vincent Van Gogh e Jan Vermeer: alcune opere verranno infatti riprodotte senza testa (e senza collo) così da rimarcare l’importanza della prevenzione in questo tipo di tumori e consentire ai passanti di  supportare la campagna, con uno scatto da condividere sui propri profili social, utilizzando l’hashtag #tienilatestasulcollo.

La campagna ha ricevuto il patrocinio di numerose associazioni e società scientifiche, tra cui: l’Associazione Italiana Laringectomizzati (Ailar Onlus), l’Associazione Italiana di Radioterapia ed Oncologia Clinica A.i.r.o., l’Associazione Oncologica Italiana Mutilati della Voce (Aot Onlus), l’Associazione Otorinolaringologi Ospedalieri Italiani (A.o.o.i.) e l’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri OMCeO Milano.

«È lodevole e giusto – ha commentato la senatrice Rizzotti – che siano le associazioni scientifiche ad impegnarsi in prima persona per sensibilizzare e informare i cittadini che, sempre più spesso, tendono a pronunciare autodiagnosi basandosi, purtroppo, sulle fake news».

“Make Sense Campaign” potrebbe essere solo l’inizio di nuove iniziative di prevenzione più diffuse e radicate sul territorio nazionale: «Proprio in questi giorni –  ha detto la senatrice – presenteremo alle due Camere una mozione che coinvolgerà tutte le forze politiche del Parlamento, volta ad impegnare il Governo su questo tema. Ci prodigheremo – ha concluso Maria Rizzotti – affinché sia sempre possibile effettuare screening e diagnosi precoce per questi tumori e non solo durante questa settimana di sensibilizzazione».

Articoli correlati
Genetica e alimentazione contro le malattie, la mission dell’Italian Institute of Planetary Health: «Studiamo i cibi come fossero farmaci»
«Il 40-50% dei tumori dipende da cattiva alimentazione» sottolinea Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri, che ha dato vita al nuovo istituto. «Vogliamo sapere se un determinato alimento aumenta l’espressione dei geni che ci proteggono dai tumori o diminuisce l’espressione dei geni che li inducono»
Allarme testosterone, nei maschi americani è in caduta libera. E in Italia?
Un recente studio pubblicato negli USA mette in guardia la comunità scientifica internazionale e la popolazione. Colao (Federico II): «Sovrappeso e inquinamento principali responsabili»
Lotta ai Tumori, l’Europa in prima linea con la Mission Board for Cancer. Walter Ricciardi: «Nuovo approccio»
Tra i membri della mission europea è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi: «Ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci». E sull'Italia conferma «Non sono accessibili ovunque allo stesso modo. Basti pensare alla Calabria»
Terra dei Fuochi, metalli pesanti nei pazienti oncologici. Confermato legame con inquinamento ambientale
A sostenerlo sono i ricercatori dell’università di Pisa in uno studio pubblicato sul 'Journal of Cellular Physiology' e presentato alla Camera dei Deputati. «I dati sono allarmanti», spiega il coordinatore del team di ricerca Antonio Giordano. Il Viceministro Sileri: «Finanziato in Manovra il Registro Tumori»
Dal trapianto di microbiota nuove speranze per le terapie oncologiche. Valdagni (Istituto Tumori Milano): «Scoperta sconvolgente»
Dagli studi più recenti emerge che la flora batterica influisce sulle infiammazioni del corpo e, per questo, può essere un’arma per colpire il cancro. Di questo si parlerà al primo convegno internazionale “MIBIOC – The way of the microbiota in Cancer”, in programma il 21 e 22 novembre presso l’istituto dei tumori di Milano
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano