Salute 14 Settembre 2018 17:06

Tumori testa e collo, al via “Make Sense Campaign”. Con diagnosi precoce il 90% dei pazienti guarisce

«È fondamentale offrire viste gratuite in un momento di crisi economica in cui 15 milioni di italiani non hanno la possibilità di curarsi. Parteciperò personalmente all’iniziativa in piazza a Torino». La senatrice azzurra presenta la campagna di sensibilizzazione dedicata a questo tipo di patologie tumorali

di Isabella Faggiano
Tumori testa e collo, al via “Make Sense Campaign”. Con diagnosi precoce il 90% dei pazienti guarisce

«Sono oltre 110 mila gli italiani affetti da tumori della testa e del collo. Come per tutte le patologie, la prevenzione è la prima arma. Con una diagnosi precoce il tasso di sopravvivenza raggiunge il 90%. Percentuale che cambia notevolmente nel caso in cui la malattia venga scoperta tardi: con un tumore in uno stadio avanzato il 60% dei pazienti muore entro 5 anni». A spiegare il ruolo cruciale della diagnosi precoce nel trattamento di queste neoplasie è la senatrice Maria Rizzotti,  membro della 12a Commissione Permanente Igiene e Sanità, in occasione di “Make Sense Campaign”, la campagna europea di sensibilizzazione dedicata ai tumori della testa e del collo, realizzata in collaborazione con Aiocc, l’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica.

“Tieni la testa sul collo. Un controllo può salvarti la vita” è lo slogan scelto per l’edizione 2018 che, dal 17 al 21 settembre, metterà in campo numerose iniziative nelle piazze italiane ed in oltre 20 centri specialistici (per saperne di più http://makesensecampaign.eu/it/).

«Parteciperò personalmente all’iniziativa in piazza a Torino – ha aggiunto la senatrice – una delle tante città in cui sarà possibile incontrare gli specialisti gratuitamente. Credo che offrire delle visite gratuite sia fondamentale in un momento di crisi economica in cui 15 milioni di italiani non hanno la possibilità di curarsi».

I tumori della testa e del collo in circa in 3 casi su 4 sono causati dal tabacco e dall’alcol. Anche il Papilloma Virus umano, soprattutto HPV 16, aumenta la possibilità di sviluppare questo tipo di neoplasia.

In prossimità della Settimana Europea sui tumori testa-collo, promossa dalla European Head and Neck Society (Ehns), il 15 settembre Aiooc sarà inoltre presente nelle piazze italiane “insieme” a illustri pittori come Vincent Van Gogh e Jan Vermeer: alcune opere verranno infatti riprodotte senza testa (e senza collo) così da rimarcare l’importanza della prevenzione in questo tipo di tumori e consentire ai passanti di  supportare la campagna, con uno scatto da condividere sui propri profili social, utilizzando l’hashtag #tienilatestasulcollo.

La campagna ha ricevuto il patrocinio di numerose associazioni e società scientifiche, tra cui: l’Associazione Italiana Laringectomizzati (Ailar Onlus), l’Associazione Italiana di Radioterapia ed Oncologia Clinica A.i.r.o., l’Associazione Oncologica Italiana Mutilati della Voce (Aot Onlus), l’Associazione Otorinolaringologi Ospedalieri Italiani (A.o.o.i.) e l’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri OMCeO Milano.

«È lodevole e giusto – ha commentato la senatrice Rizzotti – che siano le associazioni scientifiche ad impegnarsi in prima persona per sensibilizzare e informare i cittadini che, sempre più spesso, tendono a pronunciare autodiagnosi basandosi, purtroppo, sulle fake news».

“Make Sense Campaign” potrebbe essere solo l’inizio di nuove iniziative di prevenzione più diffuse e radicate sul territorio nazionale: «Proprio in questi giorni –  ha detto la senatrice – presenteremo alle due Camere una mozione che coinvolgerà tutte le forze politiche del Parlamento, volta ad impegnare il Governo su questo tema. Ci prodigheremo – ha concluso Maria Rizzotti – affinché sia sempre possibile effettuare screening e diagnosi precoce per questi tumori e non solo durante questa settimana di sensibilizzazione».

Articoli correlati
E-cig e salute, Prof. Beatrice: «23 volte meno dannoso della sigaretta tradizionale secondo Istituto Pasteur di Lille»
Convegno a Roma sul tema del tabacco e della riduzione del danno dal titolo "La sigaretta elettronica come strumento di riduzione del rischio. Stato dell’arte della ricerca scientifica". Public Health England: le eCig meno dannose del 90-95% rispetto alle sigarette tradizionali.
UE e lotta ai tumori, anche il vino alla sbarra. In arrivo un’etichetta con i rischi per la salute
Il chirurgo oncologo Paolo Delrio (Istituto Tumori Napoli): «Anche in quantità moderate l’alcool è un fattore di rischio»
Individuato il tallone di Achille del cancro. Santaguida (IEO): «Così potremmo uccidere le cellule tumorali»
Due ricercatori italiani dell’Istituto Europeo di Oncologia, Stefano Santaguida e Marica Ippolito, hanno preso parte allo studio coordinato dal dipartimento di genetica molecolare umana dell’Università di Tel Aviv che ha scoperto l’alterazione della struttura genetica delle cellule tumorali
di Federica Bosco
Terapie avanzate, Ceradini: «Dalle malattie rare si punta ai tumori»
Il direttore scientifico dell’Osservatorio terapie avanzate: «Non sarà sufficiente approvare nuove terapie avanzate, ma sostenerne gli elevati costi, per garantire un accesso equo a tutti i pazienti»
di Isabella Faggiano
Gli screening salvano la vita, ma a che punto siamo?
La pandemia ha rallentato l’attività di prevenzione. Quali rischi e cosa fare per tornare alla normalità? L’intervista al Dottor Pasquale Valente
di Vanessa Seffler
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...