Salute 6 Giugno 2022 16:59

Tumori, presto nuovo reparto di radioterapia all’Asl Roma 4

Fra 2-3 anni verrà aperto nell’Asl Roma 4 un nuovo servizio di radioterapia per i pazienti oncologici

di Redazione
Tumori, presto nuovo reparto di radioterapia all’Asl Roma 4

Dopo anni di attesa, anche per la popolazione della Asl Roma 4 sarà possibile eseguire la terapia radiante senza doversi più sottoporre a lunghi ed estenuanti viaggi verso le strutture romane e del viterbese. Un servizio importante per gli utenti della Roma 4, dove il bisogno di cure antitumorali, e in special modo del trattamento di radioterapia, è alto. Tanto per dare dei numeri, nel 2021 sono state richieste oltre 68.000 prestazioni di radioterapia a strutture regionali, per 2450 pazienti.

Per il nuovo reparto sono stati investiti oltre 8 milioni di euro

Il primo passo, che ha avvicinato il territorio alla realizzazione del progetto, era stato mosso nell’estate dello scorso anno quando il Consiglio regionale aveva approvato all’unanimità l’emendamento al bilancio per l’istituzione del servizio. Sulla base di tale deroga la ASL si è impegnata a redigere uno presentato in Regione ad aprile di quest’anno. Poi, poche settimane fa, il parere favorevole al piano di fattibilità, espresso dal Nucleo di Valutazione regionale degli Investimenti Pubblici in Sanità, ha reso concreta la possibilità di poter garantire il servizio. Un investimento di 8,3 milioni che coprirà i costi per la realizzazione del nuovo Reparto e l’acquisto delle tecnologie necessarie all’espletamento del Servizio.

Con il nuovo servizio di radioterapia si mette fine al pendolarismo

Il nuovo servizio di Radioterapia sorgerà nell’area ospedaliera del San Paolo e in diretto collegamento con l’Unità Operativa di Radiologia. «La Radioterapia – ha sottolineato il direttore generale della Asl Roma 4, l’avvocato Cristina Matranga – è il tassello mancante per poter chiudere il ciclo assistenziale di una categoria tra le più fragili. Con l’attivazione di questo nuovo servizio saremo finalmente in grado di garantire una presa in carico totale del paziente oncologico mettendo fine al pendolarismo al quale è stato costretto».

Il 60% dei residenti con tumore ha bisogno della radioterapia

Alla base del riconoscimento regionale, che ha messo la Asl nelle condizioni di poter avviare l’iter per la realizzazione del servizio, c’è il reale bisogno di salute della popolazione così come rilevato nell’ultimo documento tecnico regionale («Analisi delle prestazioni di radioterapia nel Lazio – elementi per la stima del fabbisogno di acceleratori lineari»). «Nell’ultimo triennio – ha spiegato il direttore dell’UOSD Oncologia Medica, Mario D’Andrea – i dati del Dipartimento di Epidemiologia della Regione Lazio hanno mostrato una crescita dell’incidenza di malattie tumorali nel nostro territorio. L’ultima rilevazione, effettuata sull’anno 2017, ha registrato 1999 nuovi casi; nello stesso anno circa il 60% dei residenti con storia di tumore ha necessitato di un trattamento radiante».

Ripercussioni positive per la cura dei malati

Un dato che la dice lunga sulla scelta dell’azienda sanitaria locale di darsi come obiettivo quello di assicurare il servizio ai suoi utenti. «Il continuo miglioramento dell’efficacia dei trattamenti antitumorali attuali – ha poi aggiunto lo specialista – e il ricorso a terapie locoregionali in un’ottica di gestione multimodale della malattia, potrebbe nel breve tempo aumentare la richiesta del trattamento radiante. Inoltre – ha concluso il direttore – la disponibilità di un servizio di radioterapia di prossimità ha ripercussioni positive sulla chance di cura dei malati, soprattutto di quelli che hanno bisogno di trattamenti lunghi o di quelli che hanno sintomi invalidanti per cui i continui spostamenti, affaticandolo sia fisicamente che psicologicamente, riducono l’aderenza alle cure».

L’avvio del servizio di radioterapia è previsto fra 2-3 anni

I tempi stimati per l’avvio del servizio sono di circa 24 – 36 mesi e comprendono anche le tempistiche necessarie all’erogazione del finanziamento da parte del Ministero della Salute. A seguire le operazioni tecniche è il direttore della UOC Tecnologie Biomediche e Sistemi Informatici della Asl Roma 4, l’Ingegnere Annalisa Bononati, nominata RUP nell’ambito del progetto. «Attualmente – ha spiegato la dottoressa Bononati – si sta concludendo l’iter amministrativo necessario all’ottenimento delle autorizzazioni e dei pareri previsti per la realizzazione del progetto. Una volta conclusa questa fase, la stima dei tempi relativi all’installazione e al collaudo dell’acceleratore lineare è di circa 24 mesi».

La tecnologia scelta in modo da garantire continuità terapeutica

La scelta della tecnologia da utilizzare è stata ponderata sul fabbisogno dell’utenza. «Sulla base del bacino di utenza e del numero di pazienti previsti – ha aggiunto il Rup – è stata effettuata la scelta di dotare il nuovo Reparto di Radioterapia di un solo acceleratore lineare, prevedendo in aggiunta una convenzione con il Centro di Radioterapia territorialmente più vicino, per garantire continuità terapeutica anche in casi di emergenza». Una strategia che si è rivelata premiante per la Asl. «Il progetto presentato in Regione – ha concluso l’ingegnere – ha visto una richiesta di finanziamento contenuta ed adeguata alle esigenze del territorio e si è dimostrata strategica e notevolmente apprezzata dai componenti del Nucleo di Valutazione Regionale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori “fuori misura”, è l’effetto della mancata prevenzione durante la pandemia
Al Cardarelli di Napoli due interventi record in pochi giorni per rimuovere enormi masse ovariche di 40 e 70 centimetri
CNAO: dopo i tumori inoperabili curerà anche le lesioni del cuore
Il centro di adroterapia oncologica di Pavia, unico in Italia per il trattamento di tumori radioresistenti, nei prossimi tre anni raddoppierà le macchine, mentre ha avviato nuove sperimentazioni su pancreas, esofago, melanomi e per utilizzare i protoni nel trattare le aritmie refrattarie ai farmaci
Gara di solidarietà dagli ospedali italiani per curare i bambini oncologici ucraini
Lombardia, Piemonte e Veneto hanno messo a disposizione medici e psicologi per permettere ai bambini tra i 3 e i 18 anni di riprendere le terapie interrotte ed avere un supporto psicologico. Pronti anche ambulatorio per tamponi e vaccini anti Covid per chi ne è sprovvisto
Il futuro della ricerca passa per le nanotecnologie. La storia di Angelo Accardo, cervello in fuga
Il professor Angelo Accardo, “nanotecnologo” della Delft University of Technology (TU Delft) in Olanda e cervello in fuga, lavora alla creazione di micro-ambienti cellulari ingegnerizzati che tentano di imitare il tessuto cerebrale umano. Tali microstrutture biomimetiche possono portare a importanti sviluppi nel campo delle malattie del neurosviluppo e dei tumori del cervello
di Francesco Torre
Con la radiologia interventistica i tumori si “curano” senza bisturi
Si è appena concluso al Policlinico Gemelli di Roma il settimo congresso internazionale MIO-Live dedicato alla radiologia interventistica, procedura mininvasiva che non prevede né anestesia generale, né esposizioni chirurgiche. Il professore Roberto Iezzi spiega tipologie di trattamenti, ambiti di applicazione, pazienti eleggibili e ultime innovazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...