Salute 27 Maggio 2022 14:42

Tumori “fuori misura”, è l’effetto della mancata prevenzione durante la pandemia

Al Cardarelli di Napoli due interventi record in pochi giorni per rimuovere enormi masse ovariche di 40 e 70 centimetri

Tumori “fuori misura”, è l’effetto della mancata prevenzione durante la pandemia

Si iniziano a far sentire, purtroppo, gli effetti collaterali della pandemia sulla salute degli italiani. Effetti collaterali che, nella maggior parte dei casi, derivano dai mancati controlli di screening e prevenzione cui molte persone, per paura del contagio, non si sono sottoposte negli ultimi due anni. Se il Covid-19 allenta finalmente la morsa, seguendo l’iter fisiologico delle pandemie, lo stesso non si può dire di tutte le altre patologie, da quelle cardiovascolari ad esordio acuto, alle malattie oncologiche che si rivelano, tardivamente, in tutta la loro severità e complessità

È il caso dei due interventi record eseguiti nel giro di due settimane all’Ospedale Cardarelli di Napoli. Due donne, una giovane e una sessantacinquenne operate d’urgenza per rimuovere due enormi tumori ovarici, rispettivamente di 17 e 24 chili. A capo dell’equipe che ha diretto i due interventi, il dottor Claudio Santangelo, direttore dell’UOC di Ostetricia e Ginecologia dell’Azienda ospedaliera Cardarelli, intervistato da Sanità Informazione.

Gli interventi record al Cardarelli: ecco di cosa di trattava

«Due donne che, purtroppo, avevano trascurato i controlli relativi ai percorsi di prevenzione – osserva Santangelo – cosa che ha fatto sì che i tumori si sviluppassero e crescessero fino a misurare rispettivamente 40 e 70 centimetri occupando pressoché tutta la cavità addominale, dal diaframma alle pelvi». Ma come si fa a non accorgersi di una massa così grande che cresce all’interno del proprio corpo?

«Una massa addominale, in pazienti anche non in sovrappeso, può essere scambiato per semplice gonfiore. Il problema è che man mano che la massa cresce ci si può fare l’abitudine, il corpo e anche la mente si adattano: l’addome è spazioso e nel corso degli anni la percezione del male può essere così graduale da non destare allarme nel soggetto, specialmente in chi non è particolarmente attento ai segnali che manda il proprio corpo o comunque non abituato a ricorrere a un parere medico in caso di sintomi sospetti. Sono stati interventi molto delicati: si trattava di due neoplasie maligne e quindi dal momento successivo all’asportazione delle masse è iniziato il delicato percorso oncologico che accompagnerà le pazienti. La battaglia contro le neoplasie ovariche è sicuramente lunga e complessa.»

La mancata adesione ai percorsi di prevenzione in epoca Covid-19

Episodi estremi che, come notato anche dal dottor Santangelo, si stanno manifestando con particolare frequenza in questa fase a ridosso dell’emergenza pandemica. «Siamo un ospedale specializzato nelle emergenze – afferma Santangelo – che durante la pandemia non ha mai rallentato nella gestione di tutta la parte extra-Covid-19. È chiaro quindi che il nostro costituisce un osservatorio privilegiato su una serie di fenomeni, clinici e sanitari, che si sono particolarmente incardinati in un momento storico così complesso». «Molte persone – sottolinea il direttore sanitario del Cardarelli Giuseppe Russo – hanno rinunciato a fare prevenzione per paura di contrarre il virus. Nonostante la sanità campana non si sia mai fermata nel curare e sostenere i pazienti, ancor più quelli oncologici, molti cittadini hanno preferito rimandare ogni esame. Il risultato è che casi come questi, che dovrebbero essere eccezionali, si stanno proponendo con una frequenza incredibile».

Le armi a disposizione per combattere i tumori ovarici

«Oggi abbiamo sicuramente molte armi in più rispetto al passato per combattere queste neoplasie – afferma Santangelo -. Innanzitutto abbiamo la possibilità di effettuare esami genetici per identificare la presenza o meno di mutazioni specifiche che aumentano fortemente il rischio di sviluppare questo tipo di patologie, così come il cancro della mammella, e si tratta di esami consigliati soprattutto in caso di familiarità. Ma questi esami – spiega ancora il primario – sono importanti anche per un altro motivo: in caso di tumore ovarico correlato alla presenza di queste mutazioni genetiche sarà possibile l’utilizzo di nuovi farmaci mirati, cosiddetti PARP-inibitori, che stanno dando ottimi risultati. Proprio al Cardarelli- sottolinea in conclusione Santangelo – sono attivi GOM (Gruppi Oncologici Multidisciplinari) dedicati sia sai tumori ginecologici sia ai tumori ereditari-familiari, così da poter attuare anche una sorveglianza attiva sui consanguinei del paziente potenzialmente a rischio».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
Tumori: nuova vita alle statine e agli antifungini, studio rivela efficacia contro le cellule malate
"Affamare" i tumori e poi colpirli "riciclando" farmaci ben noti, a basso costo, utilizzati da anni per tutt’altri scopi, in grado di arrestare la crescita delle cellule tumorali, messe a "stecchetto" con brevi cicli di digiuno. Così i farmaci che, come le statine, impediscono la sintesi di colesterolo cruciale per soddisfare il bisogno di nutrienti delle cellule tumorali, combinati a brevi cicli di digiuno, potrebbero diventare una terapia “low cost” per combattere tumori difficili come quello al pancreas, il carcinoma del colon-retto e il melanoma. Lo dimostra una ricerca appena pubblicata sulla rivista Nature Communication da un team di ricercatori dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova
di V.A.
Tumori: 60% delle strutture poco connesse al territorio. Cipomo: “Più sinergia per presa in carico del paziente”
Iperspecializzate, multidisciplinari ma ancora poco "connesse" con il territorio. È l’identikit delle strutture di oncologia medica italiane. Pur inserite all’interno di un dipartimento oncologico (67%), le strutture soffrono negli aspetti organizzativi interni e nella gestione del percorso del paziente dall’ospedale al territorio. Meno della metà (circa 40%) ha una connessione strutturata con i dipartimenti di prevenzione primaria e secondaria e con centri screening; una cartella informatizzata manca nel 66% delle strutture, ed è condivisa con il territorio solo nell’8% dei casi. Sono questi alcuni dati preliminari di un'indagine che il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (Cipomo) ha presentato al congresso dell'Aiom
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...